8 MARZO “Frühlingsmelodien” A CURA DELLA CAMERA MUSICALE ROMANA

Domenica 8 Marzo ore 19:30 “Frühlingsmelodien”

Musiche di W. A. Mozart, K. Kreutzer

  1. Meyerbeer, F. Mendelssohn-Bartholdy,
  2. Brahms, G. Mahler, C. Sinding, A. Fries,
  3. Biancamano, S. Rachmaninov

Alessandra Càpici, soprano

Vincenzo Isaia, clarinetto

Francesco Del Fra, pianoforte

al mese di Marzo è ispirato il concerto “Frühlingsmelodien” proposto dal trio formato da Alessandra Capici (soprano) e dal duo Résonance (Vincenzo Isaia Clarinetto, Francesco Del Fra pianoforte); alle immagini del risveglio della Natura o all’estasi che esso produce nell’animo dei poeti sono infatti dedicati i brani di Sending, Brahms, Fries e di altri autori dell’Europa transalpina dell’800 e  contemporanei. Ma l’8 Marzo è anche la festa della donna, e alla delicata questione della violenza di genere è dedicato il brano “Petali blu” del maestro marchigiano Angelo Biancamano, che verrà eseguito in prima assoluta.

 Programma

Wolfang Amadeus Mozart (1756 -1792)

Parto! Ma tu ben mio dalla “Clemenza di Tito” (sop cl pf)

Konradin Kreutzer (1780 -1849)

Das Mühlrad (sop cl pf)

 Giacomo Meyerbeer (1791-1864)

Hirtenlied (sop cl pf)

 Felix Mendelssohn-Bartholdy (1809 – 1847)

Studio op. 104-a n. 2 in si minore (pf)

 Johannes Brahms (1833 -1897)

Gestillte Sehnsucht (sop cl pf) Opera 91 N. 1

Gustav Mahler (1860 -1911)

Wir geniessen die Himmlischen Freuden dalla Quarta Sinfonia (sop cl pf)

 Christian Sinding (1856 – 1941)

Mormorio di primavera op. 32 n.3 (pf)

 Sergej Rachmaninov (1873-1943)

Ne poy, krasavitsa, pri mne op. 4 n.4 (sop cl pf)

 Angelo Biancamano (1964)

Petali blu (prima esecuzione assoluta) (sop cl)

Résonance (sop cl pf)

 Albin Fries (1955)

Ahnung op.39 n.1 da Im alten Parke (sop cl pf)

 Ingresso / Ticket € 15,00 – ridotto) € 10,00 (riservato ai soci, ai minori di anni 18, agli over 65 e agli studenti universitari e di conservatorio purché muniti di libretto)

Servizio gratuito di prenotazione (vivamente consigliata)

Nuova sede: Cripta della Chiesa Santa Lucia del Gonfalone

via delle Carceri, 8 – Roma info e prenotazioni:

cameramusicaleromana@gmail.com

www.cameramusicaleromana.it

Tel.: + 39 3334571245

 Alessandra Càpici

Soprano anconetano, si diploma presso il Conservatorio “G. B. Martini” di Bologna, perfezionandosi successivamente con i Maestri Battaglia, L. Magiera e A. Zedda.

Nel ‘95 debutta nella parte di Liù (Turandot di Puccini) nella Stagione Lirica Fanese, sostenendo poi lo stesso ruolo nei Teatri di Novara e Vercelli accanto al tenore Nicola Martinucci .

Successivamente è Nannetta nel “Falstaff” di Verdi accanto al baritono Rolando Panerai al teatro Verdi di Salerno in occasione della sua riapertura. Nel ‘97 debutta in “Così fan tutte” di Mozart al Teatro Coccia di Novara e Madama Cortese ne “Il viaggio a Reims” di Rossini, per l’Accademia del Rossini Opera Festival di Pesaro. Per il Festival Barocco “A Vagheggiar Orfeo” diretto da A. Zedda, ha interpretato i ruoli di Filena e Procri ne “Gli amori di Apollo e Dafne” di Cavalli, Armira ne “Il Trionfo della Continenza” di Melani per la regia di Pierluigi Pizzi, Anfitrite ne “Il Barcheggio” di Stradella presso il Teatro della Fortuna di Fano. Al teatro dell’Opera di Montecarlo debutta nel ruolo di Amaltea nel “Mosè in Egitto” di Rossini, per la regia di P. Pizzi. Ha interpretato il ruolo de L’ Età dell’Oro nella “Senna Festeggiante” di Vivaldi diretta dal M° A. Zedda, per la fondazione “I Pomeriggi Musicali” presso il Teatro Dal Verme di Milano e partecipato alla realizzazione del Requiem di Verdi presso la Sala Verdi di Milano e Teatro della Fortuna di Fano. Partecipa inoltre a Recital Lirici presso il teatro della Fortuna di Fano, teatro Pergolesi di Jesi, teatro Comunale di Bologna e teatro delle Muse di Ancona collaborando con L’Orchestra Cantelli di Milano e l’orchestra Filarmonica Marchigiana in qualità di solista.

Ha effettuato registrazioni per RAI Stereo Due, per RAI 3 “Prima della Prima”, in CD per ed. Rara e Bongiovanni lo Stabat Mater di F. Farroni e sempre per Bongiovanni l’Oratorio “Sedecia Re di Gerusalemme” di A. Scarlatti.

Ha debuttato il ruolo di Mimì nella “Bohème” di Puccini per Bassano Opera festival ed il ruolo di Micaela nella Carmen di Bizet, presso il Teatro della Fortuna di Fano. Per la 45° edizione dello Sferisterio Opera Festival (2009), ha interpretato il ruolo di Cio Cio San nella Madama Butterfly di Puccini per la regia di P. Pizzi.

Ad Agosto 2015 ha debuttato il ruolo di Aida di Verdi presso il Teatro Greco di Taormina per la regia di Enrico Stinchelli che così dice di lei: “Quando la ascoltai pensai immediatamente – Ecco Aida – Non era solo per la bellissima voce lirica, dotata di suoni brillanti e robusti di una innata dolcezza, ma anche per il volto e l’atteggiamento scenico, da vera maschera teatrale. Quei volti luminosi che prendono ancor meglio la luce e quindi passano, vanno oltre il palco e si proiettano verso il pubblico”. Ha recentemente interpretato il ruolo di Floria Tosca (Puccini) presso il Teatro Rossini di Pesaro.

E’ componente del duo cameristico ”Toutes les Nuances” con la pianista Cristina Ratti e nella formazione Résonance in Trio (clarinettista V. Isaia pianista F. Del Fra)

Parallelamente all’attività artistica, ha svolto dal 1994 al 2012 attività didattica come docente di canto lirico presso l’Istituto pareggiato Pergolesi di Ancona, dal 1999 al 2015 presso L’Accademia Musicale di Ancona ed attualmente presso la scuola Cantieri Musicale di Ancona.

 Vincenzo Isaia

Consegue, a pieni voti, i Diplomi di Magistero in Clarinetto (1997) e in Musica da Camera (2004) rispettivamente presso i Conservatori “V. Bellini” di Catania e “S. Cecilia” di Roma, sotto la guida dei maestri F. Lombardo, L. Cerroni e A. D’Amico nonché la laurea magistrale di II livello in “Discipline Musicali” presso il Conservatorio “G. Braga” di Teramo discutendo una tesi dal titolo “Fraulein Klarinette nella musica da camera di Johannes Brahms”. Ha inoltre seguito il corso triennale di Alto Perfezionamento presso l’Accademia “L. Perosi” di Biella sotto la guida del M° Thomas Friedli e, in duo con il pianista Francesco Del Fra (Duo Résonance), ha conseguito il Diploma di Alto Perfezionamento in Musica da Camera al Corso Speciale di Perfezionamento tenuto dal M° Bruno Canino presso la Scuola di Musica di Fiesole.

E’ stato vincitore di numerosi premi nelle sezioni “solista” e “musica da camera” in concorsi musicali nazionali e internazionali classificandosi sempre ai primi posti. Ha seguito corsi di perfezionamento ed interpretazione in Italia e all’estero con clarinettisti e musicisti di chiara fama come A. Pay, F. Ferranti (“Arts Academy” -Roma), C. Palermo (“Accademia Italiana del Flauto” – Roma), F. Meloni (Accademia “A. Rolla” – Pavia), K. Leister (“Amici della Musica” – Firenze), G. Garbarino (“4° Festival Nazionale del Clarinetto” – Agrigento), Enrico M. Baroni (“5° Festival Nazionale del Clarinetto” – Agrigento), S. Micheletti (“Accademia Romana di Musica” – Roma). Primo clarinetto della “Ostia Chamber Orchestra”, coordinata dai solisti dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia, è stato vincitore, nel 2000, di tutti i posti per clarinetto banditi dal Ministero della Difesa al “1° Concorso per orchestrali presso la Banda Musicale dell’Esercito Italiano” dove, per più di un decennio, ha avuto modo di collaborare con il M° Fulvio Creux. Componente del CLARINOPERANSEMBLE, orchestra di clarinetti coordinata dal M° Calogero Palermo direttore e solista, è attivo in varie formazioni cameristiche: DUO RÉSONANCE (clarinetto e pianoforte con Francesco Del Fra), Duo clarinetto e fisarmonica (con Massimiliano Pitocco), Quintetto a fiati FIGARO, Trio con violoncello e pianoforte (con Francesco Mariozzi e Francesco Del Fra), RÉSONANCE IN TRIO con Soprano e pianoforte (con Alessandra Càpici e Francesco Del Fra). Fra le importanti istituzioni italiane ed estere che hanno ospitato Vincenzo Isaia si annoverano: • Musikfrühling 2013 – Fünftes Internationales Kammermusikfestival, Böblinger; • Aula Magna dell’Università “La Sapienza” di Roma; • Università degli Studi “Roma Tre”; • “Mirarte” – Auditorium Vallisa, Bari; • “Museo Nazionale di Castel S. Angelo”, Roma; • Università degli Studi della Tuscia, Viterbo; • Stato Città del Vaticano.

Un sodalizio artistico e di continua ricerca musicale lega Vincenzo Isaia al compositore marchigiano Angelo Biancamano il quale ha scritto e dedicato “Résonance” (2013) per clarinetto e pianoforte all’omonimo duo e il brano “Al di là del Mare” (2015) per clarinetto e fisarmonica eseguito in prima assoluta con il M° Massimiliano Pitocco.

All’attività concertistica affianca quella didattica di clarinetto e musica da camera ed è regolarmente invitato, come membro di giuria, presso importanti concorsi di esecuzione musicale nonché come commissario esterno per gli esami di clarinetto presso i Conservatori di Musica di Stato. Recentemente ha, inoltre, partecipato al seminario Tecnica di introduzione all’ascolto; tenuto dal M° Rattalino, nel quale sono state approfondite tematiche sulla comunicazione con il pubblico nelle sale da concerto. Vincenzo Isaia è Endorser del marchio D’Addario-Bode ed è inserito nel sito ufficiale del prestigioso marchio Buffet- Crampon quale artista che si avvale di suonare un clarinetto modello RC Prestige.

Dal Settembre 2016 è Primo clarinetto solista della Banda Musicale dell’Esercito Italiano a Roma. “Vincenzo è artista che decolla …! Ai prossimi «voli pindarici»!” (G. Garbarino – 2006).

 

Francesco Del Fra si diploma in pianoforte a ventidue anni presso il Conservatorio “L. Refice” di Frosinone a pieni voti sotto la guida della prof.ssa Grazia Barbanera.

Nel 2000 fonda l’Ensemble Dodekachordon, di cui è tuttora direttore, con il quale tiene regolarmente concerti e spettacoli originali di musica sia sacra che profana, dal Medioevo al Novecento, lirica e sacra.

Affascinato dalla musica da camera, nel 2005 consegue il relativo diploma triennale presso il Conservatorio di S. Cecilia, sotto la guida dei maestri Luciano Cerroni e Aldo D’Amico. Insieme al clarinettista Vincenzo Isaia, fonda il “Duo Résonance”, vincendo premi in numerosi concorsi nazionali e internazionali.

Nel 2009 consegue brillantemente il diploma di corso di perfezionamento tenuto dal M° Bruno Canino in Musica da Camera presso la Scuola di Musica di Fiesole, e da allora si esibisce regolarmente in festival e stagioni di Musica da Camera italiani, collaborando con compositori e artisti di fama internazionale.

Cura le messe in scena di “Tosca”, “Madama Butterfly”, “Un ballo in maschera” e altri titoli prodotti dall’Associazione culturale Dodekachordon, di cui è direttore artistico dal 2009.

E’ ideatore di progetti innovativi e sperimentali come “Cavalleria metropolitana”, rielaborazione teatrale e musicale di “Cavalleria rusticana” di Verga-Mascagni, e di progetti divulgativi per le scuole. E’ dedicatario di musiche originali composte da autori viventi e si esibisce come pianista camerista in festival di Musica Contemporanea quale “Il cantiere internazionale delle arti” di Montepulciano.

Ha seguito master classes di Musica da Camera con Calogero Palermo, Karl Leister, Piero Rattalino. Collabora frequentemente con la Banda dell’Esercito Italiano come pianista aggiunto.

E’ membro fondatore del Consorzio Liberi Musicisti, gruppo di lavoro che unisce interpreti e compositori con lo scopo di promuovere la musica contemporanea italiana.

Collabora attivamente con l’IBIMUS in eventi culturali di musica classica e contemporanea.

Lascia un commento

© 2013-2020 Consul Press. Testata registrata presso il Tribunale di Roma, N° 87 del 24/4/2014.
Editore: Associazione Culturale "Pantheon" - Direttore Responsabile: Antonio Parisi
Sede: via Tagliamento, 9 - 00198 Roma (RM). Telefono: (+39) 06 92593748 - Posta elettronica: info@consulpress.eu