domenica, 25 Agosto 2019
Agenzia di informazione e approfondimento su tematiche economiche, professionali, aziendali, culturali e di attualità varie

Tag: Sandro Bari

A Roma la “Musica Vera di Folkstudio”
ai Giardini di Castel S. Angelo

UNA SERATA FRESCA CON HOT MUSIK ! 
organizzata da Mariarita Pocino di Edilazio
con la Fondazione Folkstudio di Sandro Bari

L’ Evento avrà luogo Lunedì 22 luglio ai Giardini di Castel Sant’Angelo alle ore 21,30, con l’incontro con i “vecchi” artisti del Folkstudio della Fondazione, cioè del periodo 1961-1967.

594 Visite totali, 3 visite odierne

Castel S.Angelo, Folkstudio, Harold Bradley, Sandro Bari

Continua a leggere

Il Salotto Romano saluta gli amici

Giovedì 6 giugno, l’Associazione Roma Tiberina organizza il consueto incontro con Sandro Bari e Francesca Di Castro che attendono gli amici all’ultimo Salotto prima delle vacanze, nel Chiostro dei Domenicani di S.Maria sopra Minerva.

Ci sarà Romolo Augusto Staccioli, presidente dell’Archeoclub con “Curiosum Urbis”, rubrica di curiosità storiche, e poi “Aspettando l’Estate”, Parole, poesie, musica in libertà con Enrico Pozzi , Vincenzo Sartini ed Angelo Blasetti .

L’ingresso è gratuito

 

438 Visite totali, 3 visite odierne

angelo blasetti, Enrico Pozzi, Francesca Di Castro, Romolo Staccioli, Sandro Bari, Vincenzo Pozzia

Un singolare evento al Salotto Romano presso Santa Maria sopra Minerva

Il giorno 10 gennaio, alle ore 16,30, Francesca di Castro e Sandro Bari, con la partecipazione dello studioso di argomenti romani, Renato Mammuccari, presentano una singolare esposizione: Pascarella pittore, un evento insolito ed interessante.

Associazione culturale Roma Tiberina

Salotto Romano

Cari amici, nell’augurarvi un felice Nuovo Anno, vi comunichiamo che il prossimo Salotto Romano stavolta, a causa delle festività, non si svolgerà il primo Giovedì del mese, ma il secondo, cioè Giovedì 10 gennaio dalle ore 16,30, come sempre nella Sala Capitolare del Convento dei Do menicani alla Minerva, in piazza della Minerva 42 (Pantheon).

Il Salotto si aprirà con la consueta rubrica di precisazioni storico-letterarie a cura del prof. Romolo Augusto Staccioli, Presidente dell’ArcheoClub, sede di Roma.

Seguirà la conferenza della d.ssa Daniela Armocida, che ci presenterà un Cesare Pascarella poco conosciuto dai più, nelle sue opere grafiche e pittoriche, catalogate dal Fondo esistente presso l’Accademia dei Lincei, con proiezione di immagini esclusive e inedite. Interverrà il prof. Renato Mammucari, noto collezionista e studioso dell’Ottocento e della Campagna Romana.

In conclusione sarà dato spazio alla poesia con l’intervento dei poeti presenti in sala.

 

 

408 Visite totali, 3 visite odierne

cesare pascarella, daniela armocida, Francesca Di Castro, renato mammuccari, Sandro Bari

Il Salotto Romano per la Grande Guerra

Giovedì 8 novembre presso il Chiostro di Santa Maria sopra Minerva Roma Tiberina ha ospitato un convegno sulla fine della Grande Guerra focalizzando sulla Vittoria ed i suoi autori: strateghi e soldati, tutti veri italiani, eroi con poca pubblicità.

255 Visite totali, 3 visite odierne

banda dell'esercito, fra Angelo de Marco, Francesca Di Castro, salotto romano, Sandro Bari

Continua a leggere

A Roma, Concerto d’eccezione della Banda dell’Esercito Italiano

UN OMAGGIO ALLA VITTORIA DEL IV NOVEMBRE

L’Associazione “Salotto Romano” organizza uno straordinario appuntamento per Giovedì 8 novembre alle ore 16,30 nella Sala Capitolare del Palazzo dei Domenicani alla Minerva (p. della Minerva 42, Pantheon).

315 Visite totali, nessuna visita odierna

banda, blasetti, fr.angelo de marco, Francesca Di Castro, gen flumeri, grande guerra, Roma Tiberina, S.Maria sopra Minerva, Sandro Bari, stato maggiore esercito, VITTORIA

Continua a leggere

Roma in Stampa

Riviste di Cultura Romana oggi

Giovedì 18 ottobre presso la Sala del Chiostro di S.Maria sopra Minerva si è svolto un evento particolare, per nutrire una cultura di élite che ha Roma come punto focale: “Roma in Stampa”. Organizzato da editrici specializzate in argomento, Pagine ed Editalia, l’incontro ha avuto un buon numero di pubblico ed argomenti.

Si è evidenziata la presenza di diverse riviste che si occupano di arte, storia, archeologia, vita quotidiana, personaggi illustri della Capitale in Italia ed anche fuori dai confini :Voce Romana, Forma Urbis, Archeoroma, Lazio ieri ed Oggi, ed altre ancora di pari interesse, ognuna con propositi nuovi e consuntivi dei traguardi raggiunti. 

In particolare è stata seguita l’esposizione di Forma Urbis per la pubblicazione differenziata di temi prettamente romani ed altri di storia ed arte extraitaliane, la grande diffusione di Voce Romana, con una veste tipografica tradizionale ed attualissima nel contempo, secondo i canoni del fondatore Giorgio Carpaneto e dell’attuale poliedrico direttore Sandro Bari, coadiuvato da Francesca di Castro, esperta in eccellenze romane più o meno nascoste. A questi due nomi è dovuta l’attuale scoperta del secondo Ponte Milvio che Massenzio costruì per motivi strategici, e la descrizione di tutto ciò che di quel tempo gli stessi hanno trovato lungo le due rive del Tevere al Flaminio.

Si è notato l’aggiornamento di Lazio ieri ed oggi più focalizzato sull’Urbe, e la forza delle più antiche testate informative come Archeoroma ed il 996.

Non poteva mancare la Strenna dei Romanisti che raccoglie ogni anno, con una festa, i contributi di ricerca e di cultura su note ed aspetti insoliti o poco evidenziati della Città Eterna. E’ una ricorrenza a buon diritto attesa e onorata come una primadonna. Commenti sono stati ampi e svariati, alternati a doviziosi assaggi di una meravigliosa porchetta innaffiata da vino di Marino: un’agape rustica e soddisfatta dalla bellezza delle riviste e dall’eccellente atmosfera di amichevole cordialità perfusa ed encomiata dall’ideatore dei Salotti Romani, Frate Angelo di Marco.

Marilù Giannone

 

309 Visite totali, nessuna visita odierna

Archeologia, archeoroma, editalia, forma urbis, Francesca Di Castro, frate angelo di marco, il 996, lazio ieri ed oggi, pagine, roma, Romolo Staccioli, Sandro Bari, tevere, ugo onorati, Voce Romana, willy pocino

Roma in Stampa: una carrellata di riviste per la Capitale

ROMA IN STAMPA –LE RIVISTE CULTURALI ROMANE OGGI

Giovedí 18 ottobre 2018, dalle ore 10,30 alle 18,30, nella Sala Capitolare del Palazzo dei Domenicani
(Chiostro di Santa Maria sopra Minerva –
piazza della Minerva 42) avrà luogo il
Convegno
Roma in stampa.
Le riviste di cultura romana oggi
, riservato alle testate attualmente stampate e distribuite in cartaceo.
Il Convegno è promosso dalle case editrici ED
ILAZIO e PAGINE e vede la partecipazione dei rappresentanti
di alcune delle
testate operanti nel settore culturale, inteso nelle sue molteplici valenze (archeologia, letteratura
in lingua e in dialetto, attualità, storia, romanistica etc.).

294 Visite totali, nessuna visita odierna

Edilazio, Francesca Di Castro, onorati, roma, S.Maria sopra Minerva, Sandro Bari, Voce Romana

Al Convento dei Domenicani
riprendono gli incontri del “Salotto Romano”!

L’incontro mensile con Romani e non, assetati  di cultura e curiosità, riprende al Convento dei Domenicani, piazza della Minerva

Giovedì 4 ottobre, alle ore 16,30 riprendono gli incontri organizzati da Accademia Tiberina e Voce Romana, a cura di Sandro Bari e Francesca di Castro.

Il Prof. Staccioli interesserà tutti con “i puntini sulle i”.

327 Visite totali, nessuna visita odierna

arpaja, Francesca Di Castro, poeti, romani, Sandro Bari, staccioli, Traiano

Continua a leggere

Il Folkstudio vive e fa bella la sera d’estate

Lunedì 24 luglio il Folkstudio ha avuto un’edizione estiva eccezionale: per l’afflusso di pubblico, per il numero ed il livello dei personaggi invitati a partecipare, e soprattutto per l’organizzazione che ha fatto di un ritaglio di

Castel S. Angelo un’oasi incredibile e felice.

Sandro Bari, fondatore, curatore, direttore del FOLKSTUDIO insieme al celebre Harold Bradley, ha presentato il suo libro sulla storia di questo locale magistralmente servendosi dell’essenza stessa di esso: canzoni, brani celebri e meno noti, incanti virtuosistici di un genere musicale spesso erroneamente confuso con il genere “pop”, che ha attirato da moltissimo tempo, dal dopoguerra, chiunque fosse alla ricerca di una vera arte auditiva.

Vero artista, e vera persona eclettica, sincero in ognuna delle sue molteplici attività: dalla pittura alla musica, dall’arte di “annà pé Fiume” alla sua scoperta fino all’abilità di presentatore, giornalista, coordinatore, Sandro come sempre non si è tirato indietro per deliziare il buon centinaio di astanti con esecuzioni alla chitarra in compagnia dell’amico Harold e degli altri musicisti Marcello Rosa, Gianni Foccia, Dario Toccaceli, Francis Kuipers, che hanno collaborato con voce, chitarre, trombe, una serata magica, un incontro fra amici che ha abbracciato con fresche onde sonore ogni cosa, ogni soggetto, spingendolo a cantare, battere le mani, agitarsi al ritmo che faceva vibrare il sangue.

Ad essi si è unito un gruppo di ricerca di musica popolare romana con due soliste che hanno interpretato note canzoni romane arricchendole di contrasti e variazioni. Ci si augura di vedere ancora il gruppo e riascoltare quelle esecuzioni sapienti della musica romana popolare, che, se può essere talvolta non compresa, attraverso questo gruppo non può non essere ascoltata con attenzione: così come ” Joshua at the battle of Jericho” di Bradley, le “Cento Campane ” delle “Vocalist” e del gruppo di Dario lasciano una lunga traccia incantata nell’anima.

Un sentito ringraziamento va alla Casa Editrice Edilazio nella persona del suo Direttore, Mariarita Pocino, ed un costante applauso a Pippo Franco, mattatore della serata, a Luisa De Santis, ad Anna Casalino, a tutti gli astri di questa Pleiade di musica vera.

Marilù Giannone

318 Visite totali, nessuna visita odierna

anna casalino, Castel S.Angelo, Dario Toccaceli, Edilazio, Francesca Di Castro, francis kuipers, gianni foccià, Harold Bradley, luisa de santis, marcello rosa, mariarita pocino, Pippo Franco, Sandro Bari

Il Folkstudio incanta ancora

Serata/evento dedicata al Folkstudio di Harold Bradley
a Letture d’estate nei Giardini di Castel S. Angelo

Lunedì 23 luglio, alle ore 21:00, nell’ambito della manifestazione Letture d’estate nei Giardini di Castel Sant’Angelo, serata evento dedicata al Folkstudio di Harold Bradley, organizzata dalla Casa Editrice Edilazio.

Insieme al fondatore del Folkstudio, Harold Bradley, saranno presenti artisti “storici” del mitico locale, i cui interventi saranno coordinati da Mariarita Pocino, giornalista e direttore editoriale di Edilazio, e da Sandro Bari, autore del volume Folkstudio 1961-67 La Fondazione (EdiLet-Edilazio Letteraria) ed artista del Folkstudio.

Sarà una splendida occasione per ascoltare dagli stessi protagonisti racconti, ricordi e… musica dei favolosi anni Sessanta.

Sono stati invitati: Pippo Franco, Toni Santagata, Luisa De Santis, Anna Casalino, Otello Profazio, Giovanna Marini, Marcello Rosa, Gianni Foccià, Dario Toccaceli, Francis Kuipers, Ferruccio Castronuovo, Maurizio Francisci, Paolo Camiz, Nicola Pompa, Vincenzo Sartini, Leo Valeriano, Rodolfo Castaldo, Edoardo Bennato, e altri…

360 Visite totali, nessuna visita odierna

Castel S.Angelo, Edilazio, Folkstudio, Francesca Di Castro, Harold Bradley, Sandro Bari

A Roma, Concerto per Santa Caterina

Roma Tiberina apre all’estate con un Concerto 

 La Comunità del Convento di Santa Maria Sopra Minerva,

l’Associazione Arca Petrina Onlus e il Centro Internazionale di Studi Cateriniani

 presentano:

Perché io muoio d’amore

Letture in musica nel Chiostro del Convento di Santa Maria sopra Minerva

Venerdì 29 giugno 2018 – ore 20:30

395 Visite totali, nessuna visita odierna

associazione arca petrina, evibaba, Fra Angelo di Marco, massimiliano faraci, pamela lucciarini, patrizio cigliana, pietro meldolesi, S.Maria sopra Minerva, Sandro Bari, santa caterina

Continua a leggere

23.5.2018, presentata “La Strenna dei Romanisti”

Per diffondere l’amore verso la nostra Città

Mercoledì 23 maggio – alle ore 17,00 a via Poli e con una vista di Roma dalla Fontana di Trevi, unica al mondo – è stato celebrato il compleanno di Roma millenaria e per questa ricorrenza è stato pubblicato un bellissimo volume, la classica e già nota “Strenna”, al suo settantanovesimo anno di edizione. La raccolta, di formato e carattere comodo, rilegata in brossura e con una bella riproduzione è stata illustrata da tre noti esperti di romanistica: Maria Antonella Fusco, Ugo Onorati, Francesco Piccolo.

360 Visite totali, nessuna visita odierna

accademia tiberina, cappuccini, Francesca Di Castro, Francesco Piccolo, maria antonella fusco, pericle fazzini, rinaldo cordovani, roma, Sandro Bari, tevere, ugo onorati, Voce Romana

Continua a leggere

Renato Merlino: attore e drammaturgo in lingua romana

Comunicazione muta

Caro Renato, ero una tua estimatrice, ma non te ne sei mai accorto. Quando recitavi per noi, uno dei brani di qualche tua commedia, qualche frase di una parte di un film, ed ancor meglio una delle tue disincantate poesie, davo di gomito a chi mi sedeva accanto se parlottava, io, così rumorosa (caciarona, avresti detto tu), per ascoltarmela bene . Entravi con il cappello bianco, a gran passi, sorridendo, e tutti ti applaudivano. “sentite qua…” e cominciavi, con l’arguzia che ti distingueva, con quel sottofondo drammatico che non manca mai al romano verace: “Giuda, che nun ce po’ stà ad avere tradito Nostro Signore“, oppure quelle considerazioni del fico di via Margutta, simbolo inosservato del Saint Germain romano.

Era molto che non ti si vedeva, noi poeti, e sapevamo che eri ammalato, ma non ci si aspettava che il tuo saluto sarebbe arrivato così presto: l’artista è parte del flusso vitale universale, e la sua voce va al di là degli anni, del decadimento, perfino degli amori e dei contrasti: è già eternità, è già vittoria sul relativo e sull’incerto. Non finiremo mai di ricordare, di vedere te che avanzi verso di noi, scanzonato, sorridente, non perderemo mai le tue storie che, oltre al divertente, facevano chiaro qualcosa di noi da perfezionare, che fino ad allora ignoravamo.

Marilù Giannone

357 Visite totali, 3 visite odierne

associazione trilussa, il fico di via margutta, incomincio dall'ultima, salotto romano, Sandro Bari

Nikolajewka: la battaglia sulla via del ritorno

Un omaggio sentito ai Nostri Caduti

Una ricorrenza con un’infiorescenza di sentimenti differenti, che spesso appaiono perduti dietro gli affanni voluti da tristi governi: la commemorazione, il 28 gennaio (il diciottesimo anno) dei Caduti di Nikolajewka, sulla via Cassia, nella piazza ai Caduti sul Fronte Russo. Un fluido invisibile di Fratellanza Militare scivola sui presenti nel nome Patria, esalta l’onore e la sofferenza per i parenti caduti nell’eroismo di un inverno ingrato, l’inverno russo, tremendo e struggente.

È un canto, questa giornata, per i fiori dell’umanità che dormono sotto la neve e si spera possano al più presto risvegliarsi: il coraggio, l’onestà, il merito, l’amore anche familiare, il patriottismo. Mani, che stringono strumenti, bandiere, altre mani ansiose di stringersi nell’arpeggio fresco ed azzurro della terra italiana.

Passano divise, passano insegne ed onorificenze, trascorrono lenti o in carica uomini e corpi militari: Artiglieria, Alpini, Marina, Paracadutisti, Carabinieri, Bersaglieri, uniti a Croce Rossa, la Polizia di Roma Capitale con il Gonfalone, fra mantelli, chepì e scintillio di gradi.

Manca materialmente, ma “penna nera” Silvano Leonardi incarna l’indomito esercito che è morto lontano perché l’Italia fosse libera e grande: è andato avanti lo scorso anno ma ognuno lo vede, presso l’altare , nel proprio cuore che conosce il dovere, costi ciò che costi. A lui va la luce di questo giorno, il pensiero ammirato diffuso da voci e strumenti della fanfara dei Bersaglieri, la presenza commossa delle Istituzioni. A sigillare il senso di pace e l’augurio che non possano più esserci conflitti sono, fra i militari italiani, due addetti della Difesa dell’Ambasciata di Russia, un Ufficiale dell’Aviazione ed un Capitano di Fregata, che hanno aggiunto al commento del Generale Flumeri e del Tenente d’Artiglieria Sandro Bari la voce di uno Stato che ha dovuto, come il nostro, obbedire, ma conferma nella fede ai valori la meravigliosa e possibile fraternità di due grandi popoli.

Due parole da amico, con quel lieve accento slavo e la correttezza, questa volta non formale, da diplomatico. Nikolajewka è storia e dolorosa, ma questo gesto ha aperto un varco verso un sereno futuro da uomini liberi.

Marilù Giannone

261 Visite totali, nessuna visita odierna

Caduti, esercito, Flumeri, italia, Leonardi, militari, NIKOLAJEWKA, russia, Sandro Bari

Intorno alla tomba di un Eroe

Nel giorno del Centounesimo Anniversario della morte di Enrico Toti, il 6 agosto 2017, un gruppo di persone, soprattutto in divisa, ha fatto circolo intorno al monumento di questo Bersagliere al Verano, sull’aiola che protegge il suo fiero simulacro in bronzo, il bisbiglio fra di esse si è improvvisamente fermato nel “Silenzio”. L’iniziativa del Te.Col.Flumeri, di Sandro Bari e della Sig.ra Paola Toti, pronipote dell’Eroe, è stata seguita con commossa partecipazione immersa nelle musiche militari. 

Il caldo torrido, il frinire di una cicala, lo scambio di saluti e lo sguardo diretto a quell’Eroe che, pur bersagliere, espletò il suo dovere senza poter correre: era mutilato di guerra ad una gamba, ma si adeguava agli altri con la bicicletta, che è diventata il suo simbolo, così come la stampella è stata per lui arma di orgogliosa offesa al nemico.

Roma non si è dimenticata del popolo che parla dall’alto di un piedistallo di pietra, della folla dei più o meno conosciuti personaggi della storia, della politica, del genio, della guerra, che attraverso la semplice massiccia presenza dice al cuore ed allo spirito dell’astante molto di più dei parolai nelle varie sedi di Governo. Enrico Toti parla di valori dei quali tutti, anche i migliori italiani, sembrano aver dimenticato: la lealtà ad esempio, ora scritta grigia su carta, prima prevalentemente costume di dialogo interpersonale che conduceva ad amicizia e ad amore, anch’esse parole dimenticate o usate come kleenex. Dovere, termine che adesso si richiede per recitare qualche giallo in tivù, e prima segno di dono fatto anche con sacrificio o senza perchè, ma pur sempre un dono dal proprio profondo. Ed infine Patria, termine che adesso nessuno pronuncia, vergognoso, come se fosse immondizia, e che invece grida quel Bersagliere che ha fermato l’arroganza straniera ora lasciata penetrare come “carità”, “accoglienza” da un buffo signore in bianco, colore che non è quello della rinascita e della purezza, altri termini obsoleti. Carità che è la scusa per arricchirsi o cercar successo da parte di molti che qui, nel piccolo angolo che sostiene la statua di Enrico, fortunatamente non ci sono. C’è invece la purezza del senso di Patria di molti cappelli decorati, piumati, quella dei Reduci di Russia e di Spagna, e quella delle calde parole della pronipote di Toti, la Signora Paola, che ricorda l’eccezionale avo e stigmatizza le ripiccucce di altri militari perchè i presenti non fanno parte dell’ANB.

Centouno anni sono passati, e la Nazione non ha ancora capito che poco, pochissimo. Colpa della stasi dell’informazione, della palude della capraggine messa all’indice da Sgarbi, della malavoglia infine dei Ministri più inclini a leccare e succhiare valuta in ogni modo per bassi desideri. Ma chi ha capito, chi crede, chi parla con un fuoco dentro che vuole elevarsi ed elevare questa Italia, fa appello come Enrico Toti verso il nemico e si difende, ed attacca per volerla forte, grande, pulita.

Italia mia, benchè il parlar sia indarno…” oltre, sopra le parole, l’azione: raccontare gli eroi e tornare ad affilare le armi dello Spirito, le migliori, per intervenire, correggere, spiegare, e, se non basta, impiegare la forza guerriera.

Marilù Giannone

Enrico Toti, Eroe sempre citato ed interlocutore

225 Visite totali, nessuna visita odierna

ANRRA, Combattenti UnIRR, enrico toti, paola toti, Sandro Bari, Tenente col.Flumeri

La Guardia Corsa in Campidoglio

Venerdì 28 luglio il Campidoglio ha avuto ospiti illustri e non molto rilevati dalla stampa, che spesso preferisce dedicarsi a chi fa rumore ed attrae lettori. Ma lettori appassionati di storia hanno riempito la sala capitolina della Protomoteca, per ascoltare una voce geograficamente e fedelmente vicina: la Corsica, nella persona della Guardia Papale, fra tanti conterranei in festa.

270 Visite totali, 3 visite odierne

Bastia, eCorsica, Guardia Papale, IviuPasquali, Meriméè, Muratori, papi, roma, Sandro Bari, Stefanu Marchetti

Continua a leggere

Incontro con il Tevere

L’appuntamento mensile dell’Associazione VOCE ROMANA, del 4 maggio, ospitato come sempre nel chiostro di S.Maria sopra Minerva, ha offerto ai convenuti la veduta eccezionale, per non dire unica, di un Tevere da favola dalla sorgente (Monte Fumaiolo, da fiumaiolo) all’augusto Ponte Milvio.

222 Visite totali, nessuna visita odierna

Massimo Belati, Roswitha e Vittorio Di Martino, Sandro Bari

Continua a leggere

Missione di pace

VOCE ROMANA, l’ACCADEMIA TIBERINA ed il Comitato Familiari ed Amici per Nikolajewka il giorno 30 aprile domenica, organizzano un viaggio ad Accumuli per la consegna di un dono prezioso, un Cristo Crocefisso in arte povera, eseguito dal M° Sergio Duca al Comune danneggiato dal terremoto, allo scopo di portare pace e fraternità a quel luogo ed ai suoi abitanti, sentiti come fratelli nella tragedia relativa alla battaglia in Russia.

291 Visite totali, 6 visite odierne

accademia tiberina, accumuli, NIKOLAJEWKA, Sandro Bari, Voce Romana

Continua a leggere

Luci d’Italia

La bellezza, secondo un messaggio conciliare di Paolo VI°, è come la verità.

Queste semplici parole aprono un abisso: cosa è la verità, anche se scritta con la minuscola? Per un artista non c’è definizione di essa, c’è l’opera, la bellezza e/o la verità traspaiono dall’armonia di questa. E la creazione ha solo uno scopo: comunicare. La bellezza non è statica, si muove, vive con chi la guarda e con chi l’ha prodotta, segue i suoi istanti di pensiero, anch’esso mai statico.

La ricchezza delle opere vetrarie di BARBARA FERABECOLI * è ricca di istanti di pensiero, diffusi in spazi e da spazi lontani anche nel tempo, accordati con i temi che vuole narrare.

363 Visite totali, nessuna visita odierna

Barbara Ferabecoli, Francesca Di Castro, roma, S.Maria sopra Minerva, Sandro Bari

Continua a leggere

Roesler Franz a “Voce Romana”

Il ben noto “Salotto Romano”, condotto da Sandro Bari e Francesca Di Castro, ha raccolto amici ed ascoltatori mercoledì 2 marzo intorno ad una vera e propria “riscoperta” del celebre acquarellista Ettore Roesler Franz, amante e, in un certo senso, profeta della dissoluzione colposa da parte di varie istituzioni succedutesi nel tempo di alcuni angoli e scorci più incantevoli della Capitale.

273 Visite totali, nessuna visita odierna

Ettore Roesler Franz, Francesca Di Castro, Prati, Sandro Bari, tevere, Tivoli

Continua a leggere

  • 1
  • 2

Newsletter

Iscriviti al Servizio Newsletter di Consulpress e riceverai via posta elettronica gli ultimi aggiornamenti dalla nostra Agenzia di Stampa.

Archivio Articoli

© 2013-2019 Consul Press. Testata registrata presso il Tribunale di Roma, N° 87 del 24/4/2014.
Editore: Associazione Culturale "Pantheon" - Direttore Responsabile: Antonio Parisi
Sede: via Tagliamento, 9 - 00198 Roma (RM). Telefono: (+39) 06 92593748 - Posta elettronica: info@consulpress.eu

Le statistiche sulle visualizzazioni degli articoli, si riferiscono ad un periodo che inizia da gennaio 2019.