sabato, 20 Aprile 2019
Agenzia di informazione e approfondimento su tematiche economiche, professionali, aziendali, culturali e di attualità varie

Tag: sanità

Sanità: anche il Ministero punta a valorizzare il ruolo del coordinatore infermieristico

Valorizzazione del ruolo del coordinatore infermieristico e delle altre professioni sanitarie per attuare le scelte di nuova organizzazione del lavoro in sanità previsto dal Patto per la Salute è l’obiettivo dell’iniziativa svolta al Ministero della Salute dal Coordinamento nazionale caposala-coordinatori, patrocinato e promosso dal Sottosegretario De Filippo. All’iniziativa hanno partecipato tutti gli attori protagonisti del cambiamento in corso organizzativo e contrattuale: Governo, Regioni, Fiaso, Ipasvi e Sindacati. «Il nuovo assetto della sanità che si sta costruendo nelle Regioni relativo alla valorizzazione  delle cure primarie con una sanità sul territorio 24 ore al giorno 7 giorni alla settimana ed il nuovo assetto dell’ospedale per intensità di cura – ha affermato il Sottosegretario De Filippo – non possono che avere come protagonisti centrali e strategici proprio i coordinatori infermieristici e delle altre professioni sanitarie, ai quali compete il ruolo di registi e gestori di questo processo innovativo. Il contratto dovrà dare risposte adeguate alla valorizzazione del ruolo dei coordinatori, dando chiarezza e certezza nell’affidamento dell’incarico ai coordinatori, un preciso inquadramento normativo ed economico degli stessi coordinatori, oggi diversificato, partendo dall’esperienza positiva già attuata nelle Regioni cosiddette più avanzate, realizzando un vero e proprio inquadramento manageriale».

113 Visite totali, 3 visite odierne

caposala, infermieri, ministero, ospedali, sanità, sindacati

Il Woir premia il reparto di Neurochirurgia del Gemelli per l’eccellenza del servizio

La Sanità in Italia funziona ed è fatta di anche di eccellenze. Ad attestarlo l’Organizzazione Mondiale per le Relazioni Internazionali (www.woirnet.org) che di recente ha premiato il Reparto di Neurochirurgia della Fondazione Policlinico Universitario “Agostino Gemelli” per la qualità del servizio erogato ai pazienti. Oltre alla grande professionalità dei chirurghi e le macchine altamente tecnologiche di cui dispone il reparto, i funzionari del Woir hanno evidenziato un altro fattore che ha fatto scaturire in loro la decisione di premiare l’ospedale italiano. Nel reparto, infatti, i funzionari del Woir hanno riscontrato una spiccata qualità degli operatori di infondere fiducia ai pazienti che, spesso, entrano nella speranza e desiderio di ritornare presto a casa. Quello della neurochirurgia non è un caso isolato. I funzionari della World Organization for International Relations, per voce di Emilia Lordi-Jantus, già funzionaria dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (Fao) e del Programma Alimentare Mondiale (Wfp) ed ora Segretario Generale WOIR, hanno voluto evidenziare come anche i medici di altri reparti si dimostrano persone di grande umanità, continuamente in contatto con i pazienti. «La World Organization for International Relations ringrazia dunque tutti i medici del Policlinico Gemelli per la loro competenza, la loro dedizione, la loro umanità ed il loro amore per una professione in cui chi la esercita deve spesso confrontarsi con i momenti di maggiore fragilità dell’essere umano: la scoperta di una malattia e la speranza di una cura». Il ringraziamento speciale è andato però ai medici della Neurochirurgia che secondo la Lordi-Jantus: «è un reparto dove si infondono speranze» e che può esser inserito tra le migliori realtà a livello europeo.

 La WOIR

Fondata nel 1978 per iniziativa di Emilia Lordi-Jantus, la World Organization for International Relations (Woir) si prefigge di contribuire in maniera indipendente allo sviluppo e all’applicazione delle Relazioni Internazionali e di preservare così l’armonia nel mondo. La Woir è un’organizzazione internazionale che si propone dunque di sostenere gli sforzi volti ad eliminare i motivi di conflitto tra le nazioni, promuovere la cooperazione internazionale ed operare al servizio della causa della pace e della difesa dei diritti umani. I settori di intervento prioritari della Woir (global issues) includono: pace e sicurezza, sviluppo, diritti umani, questioni umanitarie, diritto internazionale, cambiamenti climatici, ambiente, alimentazione e agricoltura, acqua e risorse naturali, salute. La Woir è accreditata presso il Dipartimento per gli Affari Economici e Sociali delle Nazioni Unite come organizzazione internazionale non governativa (Oing).

77 Visite totali, 3 visite odierne

cure, Gemelli, neurochirurgia, pazienti, sanità

Ddl Cirinnà l’appello del Ministro Lorenzin alle donne in Parlamento

«Il corpo della donna non è un forno, che si accende per far cuocere una torta; la torta di un altro, che quando la torta è cresciuta al punto giusto, spegne il forno, prende la torta e la porta via. In tutto il mondo c’è un’antica battaglia da proseguire contro la mercificazione del corpo delle donne e dei bambini.» Sono le parole con le quali il Ministro alla salute Beatrice Lorenzin, ha iniziato la lettera indirizzata alle donne in Parlamento e postata nei su Facebook. Un appello accorato ed un richiamo alla sensibilità femminile, al senso materno e all’aberrazione di portare in grembo per nove mesi una creatura magari non sua e solo a fini economici.
«L’incubo peggiore per una donna – prosegue il Ministro – è vedersi strappare il figlio appena partorito. La donna ancora schiava, ieri come oggi, costretta a cedere ai padroni i propri neonati per non vederli mai più. Cambia il linguaggio, oggi lo chiamano “utero in affitto”, e la destinazione d’uso del nascituro, ieri forza lavoro, oggi diritto di soddisfare un bisogno individuale. È un nuovo commercio internazionale, di organizzazioni complesse e criminali capaci di produrre enormi guadagni,  tutto costruito sulla pelle delle donne in condizione di povertà, sui loro corpi fertili: ovociti che si comprano e si vendono su cataloghi, donne trattate come pezzi di ricambio in un mercato planetario.
Non c’entrano niente scelte personali, che non sono in discussione, come giustamente hanno ricordato femministe da tanti paesi diversi che si sono trovate ieri a Parigi proprio per chiedere che questa pratica diventi reato universale, che sia perseguita ovunque. Qua siamo davanti a un mercato di donne e bambini, una compravendita vera e propria, con tanto di contratti vessatori nei confronti delle madri surrogate, e con i neonati che, come ogni merce che si rispetti, vengono pure rifiutati se “difettosi” da chi li ha commissionati, se non rispondono alle richieste di chi ha pagato per ottenere un bambino in cambio di denaro. È il mercato che si impossessa della vita delle persone, è la forza del più ricco esercitata in danno del più povero, è la frantumazione di ogni etica.»
Nello scrivere di ultraprostituzione, la Lorenzin è convinta che, senza ipocrisia vada denunciato «ogni tentativo di regolamentazione che, in un regime di negoziazione del prezzo della gestazione e della vita stessa della mamma e del bambino, sarebbe illusoria.»
Il Ministro, rivolgendosi alle donne in Parlamento, ha chiesto aprire una discussione, che sia «franca e senza ipocrisie, sull’adozione da parte delle coppie dello stesso sesso del Ddl Cirinnà, che si traduce automaticamente nella legittimazione dell’utero in affitto e dell’eterologa. Tutto questo non ha nulla a che fare con il riconoscimento, giusto per me, delle unioni civili e del rispetto per le coppie omosessuali. In gioco ci sono i diritti dei bambini che ancora devono nascere ad avere una madre e un padre, e i diritti delle donne che in questo nostro tempo impazzito sembrano essere regrediti perché evidentemente abbiamo dimenticato le battaglie delle nostre madri. Questa è una frontiera tra tutte noi del mondo occidentale, privilegiate, istruite, ricche, e tutte le altre, costrette a subire abusi di ogni genere, private di diritti civili e istruzione, ridotte a schiave e oggi trattate come mere fattrici di organi e bambini da vendere sul mercato.»
Per la Lorenzin «la preoccupazione  deve focalizzarsi sui bambini che già ci sono e che hanno diritto a ogni tutela, al di là di come sono stati concepiti. Ma se il tema è questo, e solo questo – conclude la lettera – la soluzione noi donne di buon senso la troveremo senza fare entrare dalla finestra quello che giustamente abbiamo sempre detto di volere tenere fuori dalla porta. Non confondiamo le unioni civili con la stepchild adoption.»

125 Visite totali, nessuna visita odierna

#figli, coppie di fatto, ddl Cirinnà, donne, italia, Lorenzin Beatrice, parlamento, sanità, utero in affitto

Eccellenze in corsia. Il prof Falaschi risponde sulle file ai CUP e propone buone soluzioni

Nel corso della seconda parte dell’intervista, il prof. Paolo Falaschi, Responsabile dell’unità operativa di Geriatria dell’Ospedale S.Andrea di Roma, analizza il problema dei CUP, spiegando il perchè delle tanto odiate “file” agli sportelli dei Centri Unici di Prenotazioni e spiegando cosa sta facendo il reparto da lui gestito, per agevolare gli anziani.
In una visione sempre positiva ma molto chiara e decisa, il prof. Falaschi è riuscito a fornire buoni consigli per chi si trova ad assolvere il ruolo di “controllore” ma poco sa e per nulla vive la realtà della corsia!

Interviste di R.Spinelli e G. Pipi

 

99 Visite totali, nessuna visita odierna

anziani, burocrazia, centri prenotazione visite mediche, CUP, decisioni, eccellenze incorsia, file, malfunzionamento, ospedali, Paolo Falaschi, proposte, ritardi, sanità

Eccellenze in corsia. Si parte dall’Ospedale S.Andrea con il prof. Falaschi

Anche in Italia la “buona sanità” è un dato di fatto e non un sogno irrealizzabile. La difficoltà sta nel rintracciare i casi di eccellenza e far emergere il lavoro di professionisti del settore che quotidianamente offrono un servizio qualificato pur mantenendo stipendi che sono tra i più bassi d’Europa.
Il nostro percorso inizia dal reparto di Geriatria dell’Ospedale S.Andrea (RM) in uno dei reparti che viene ancora sottovalutato. La cura dell’anziano intesa come assistenza socio-sanitaria, è un punto fermo del reparto romano dove, sotto la responsabilità del prof. Paolo Falaschi, si stanno mettendo in atto sistemi virtuosi che stanno già incidendo positivamente sul sistema socio-sanitario della Regione Lazio, molto penalizzata per via del commissariamento.

Intervista di R.Spinelli e G.Pipi

 

106 Visite totali, nessuna visita odierna

anziani, cure, gli Anziani, interviste, italia, lazio, Ospedale S.Andrea, prof. Paolo Falaschi, professionisti del settore, reparto Geriatria, risorse del Paese, roma, rubrica medicina, sanità, soluzioni anticrisi, sperimentazione

Sanità in Maremma…”L’Asl 9 ha strutture di emergenza adeguate e professionisti di valore” Madonna, presidente dell’Ordine dei medici: “No alle polemiche che incrinano i rapporti di fiducia”

La chiamata  al 118 di Grosseto è stata fatta dalla casa di Pino Daniele, ma l’ambulanza con il medico a bordo è stata poi rimandata indietro, perché il paziente era partito per Roma. A ricostruire le prime tappe del malore del cantautore napoletano è l’azienda Usl 9 di Grosseto, che riferisce ai media “il contenuto delle registrazioni presso la Centrale del 118”. Qui è arrivata una chiamata intorno alle 21,15 , con una richiesta di soccorso per una persona all’indirizzo dell’abitazione di Pino Daniele.

136 Visite totali, nessuna visita odierna

118, GROSSETO, maremma, PINO DANIELE, sanità

Continua a leggere

Mattoni SSN: “Equità nella salute” al centro del prossimo workshop gratuito

Progetto_Mattone_Internazionale

 “Equità nella salute: come fare rete per passare dalle parole ai fatti” è il nuovo workshop, a partecipazione gratuita, organizzato all’interno del Progetto Mattone Internazionale (Mattoni SSN), in collaborazione con il Ministero della Salute, che si svolgerà il 12 dicembre p.v. a Firenze.

L’obiettivo è quello di stimolare il dibattito sui fattori la cui presenza modifica in senso positivo o negativo lo stato di salute di una popolazione e sulle disuguaglianze nella salute all’interno e tra i Paesi della Regione Europea.

Ampio spazio sarà dato all’analisi dei processi che portano a iniquità, come ad esempio, l’esclusione sociale ed economica, le disuguaglianze correlate ed altre condizioni di vulnerabilità, nonchè alle scelte di politica sanitaria intraprese a livello locale, nazionale ed europeo.

128 Visite totali, nessuna visita odierna

disparità, esclusione sociale, europa, firenze, italia, Ministero salute, problemi sociali, Progetto Mattone, salute, sanità

Continua a leggere

Sanità in coma, Corte dei Conti interviene

 

Il procuratore Nottola indica i punti di deboli del sistema: “Bisognerà interrogarsi sulla ulteriore sostenibilità di una eccessiva contrazione delle risorse da destinare al settore, senza prima affrontare il vero nodo rappresentato da una coerente riqualificazione della spesa, da depurare innanzi tutto da fenomeni di  mala gestione e da sprechi”.

 La Corte dei Conti attacca il sistema sanitario nazionale. E lo fa il giorno del suo giudizio sul Rendiconto generale dello Stato ,nella memoria del Procuratore generale Salvatore Nottola, nell’ambito della quale c’è un capitolo dedicato alla sanità curato dal vice procuratore generale Roberto Benedetti,che non risparmiando  nessuno, ci mette in guardia sul sistema corruzione.

111 Visite totali, nessuna visita odierna

Corruzione, Corte dei Conti, Roberto Benedetti, Salvatore Nottola, sanità, Sistema Sanitario Nazionale

Continua a leggere

Tagli sanità

Def, preoccupazione per tagli in sanità

Roma, 8 aprile ’14 (comunicato stampa)

“Siamo molto preoccupati per gli annunci di stampa di possibili tagli che colpirebbero la sanità attraverso il varo del Def da parte del Governo”. Lo ha sostenuto Carlo Lusenti, Assessore alla sanità della Regione Emilia-Romagna, che ha partecipato oggi agli Stati Generali della Sanità in corso a Roma. “La posizione delle Regioni è stata sempre chiara, assunzione di responsabilità e piena collaborazione istituzionale. Lo stesso ministro della sanità ne ha sempre dato atto e ha quindi confermato più volte l’impostazione del reinvestimento. Infatti siamo d’accordo che altri tagli lineari in sanità metterebbero a serio rischio i servizi resi ai cittadini e che il sistema vada razionalizzato.

Noi siamo pronti a fare alla nostra parte, ma i risparmi che saranno conseguiti con il nuovo Patto Salute dovranno essere reinvestiti nel sistema e non sottratti al finanziamento. Siamo già oggi uno dei Paesi dell’Ocse che spende meno in sanità.

L’accordo alla base del tavolo Patto Salute è fondato sul presupposto del reinvestimento, al fine di costruire insieme tutte le politiche di innovazione e riqualificazione della spesa sanitaria. Inoltre dobbiamo essere in grado di affrontare le sfide che abbiamo davanti: le innovazioni nei farmaci, quelle tecnologiche e scientifiche, e la presa in carico della cronicità. Il sistema non reggerebbe ad altri tagli e oltretutto stroncheremmo le possibilità di sviluppo del settore.

101 Visite totali, nessuna visita odierna

def, governo, Lusenti Carlo, regioni, sanità

Regioni e sanità

 

REGIONI: PROPOSTE PER ACCELERARE IL SUPERAMENTO DEGLI OSPEDALI PSICHIATRICI GIUDIZIARI E LA CREAZIONE DELLE RESIDENZE PER L’ESECUZIONE DELLE MISURE DI SICUREZZA, REMS

 “Sia il legislatore a fissare la proroga dei termini per la chiusura degli OPG, l’importante è che non si fermino ed anzi si accelerino le procedure per l’affidamento l’espletamento dei lavori per la costruzione delle strutture alternative, le Residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza, REMS con termini realistici e scadenze che possano davvero essere rispettate”, a sostenerlo nel corso delle seconda audizione sull’argomento presso la commissione Igiene  e sanità del Senato è l’Assessore CarloLusenti (Regione Emilia-Romagna), intervenuto insieme all’Assessore, Lucia Borsellino (Regione Siciliana) in rappresentanza della Conferenza delle Regioni.

109 Visite totali, nessuna visita odierna

regioni, sanità

Continua a leggere

Notizie sulla Sanità

Si parla tanto di spending review, ma in sanità il costo non è certamente rappresentato dai precari, quanto piuttosto da tutte le ruberie perpetrate sugli appalti, sulle nomine improprie, sugli acquisti incongrui.

A Proposito di Precari e di spending review. Lo SMI rammenta gli impegni presi dal Ministero della Salute coi Sindacati della dirigenza medica e del comparto.
E’ di questi giorni la notizia che la Commissione Europea Occupazione, Affari Sociali e Inclusione, ha richiesto un chiarimento alle autorità italiane a proposito del personale assunto a tempo determinato nel settore della sanità pubblica e tale chiarimento andava dato entro il 18 marzo. Infatti risulta alla suddetta Commissione che in Sanità, in Italia si perpetuano le assunzioni reiterate e abusive di contratti di lavoro a tempo determinato di durata superiore ai 3 anni, e ciò in netto contrasto con le direttive Europee (direttiva 1999/70/CE), sancito in particolare nella clausola 5 dell’accordo quadro della citata direttiva.

80 Visite totali, nessuna visita odierna

sanità

Continua a leggere

Regione Lazio in cerca di medici

LA REGIONE LAZIO CERCA MEDICI
La Regione Lazio ha avviato una selezione pubblica (http://goo.gl/fzeMES) per titoli e colloquio, per la formazione di un elenco di esperti nelle materie socio-sanitarie, categoria D1, per le attività di controllo dell’assistenza sanitaria ospedaliera ed ambulatoriale da assumere a tempo pieno e determinato per l’anno 2014Scadenza bando: 31 marzo 2014.

107 Visite totali, nessuna visita odierna

lazio, regione lazio, sanità

Continua a leggere

Migliorare la sanità nel lazio

Nonostante i periodici annunci della Regione Lazio sulle azioni intraprese per migliorare la Sanità, permangono le difficoltà quotidiane che medici e infermieri si trovano ad affrontare per arginare le carenze strutturali e organizzative di tutto il sistema sanitario laziale. Lo sostiene con convinzione la responsabile nazionale del 118 e Pronto Soccorso del Sindacato Medici Italiani (SMI), Francesca Perri .

134 Visite totali, 3 visite odierne

lazio, sanità

Continua a leggere

Voce agli operatori sanitari

Lazio. Per risolvere i problemi, più voce ai sindacati

11 FEB – Gentile direttore,
negli ultimi tempi stiamo assistendo ad un susseguirsi di annunci relativi al comparto sanitario da parte della Regione Lazio; ad esempio: lo stanziamento di fondi per le prime 3 Case della Salute e per la proroga di un anno per circa 125 operatori di un Centro di salute mentale. E ancora: la nomina dei Direttori Generali secondo criteri di trasparenza, la comunicazione di direttive ad hoc per gli ospedali, nell’intento di gestire e arginare il sovraffollamento dei pazienti. Il mandato di 40 sentinelle, che monitoreranno la legalità in ogni Asl e, infine, l’organizzazione di Tavoli tecnici per l’istituzione delle Case della Salute, come risposta al bisogno di salute del territorio. Tutte iniziative di cui attendiamo sviluppi concreti.

107 Visite totali, 3 visite odierne

sanità

Continua a leggere

Medicina convenzionale-Regioni-Sanità

Comitato di Settore Regioni-Sanità: via libera all’Atto di indirizzo

per la medicina convenzionata

Montaldo: Un contesto rinnovato che consentirà di incontrare il mondo della medicina generale , della pediatria e della specialistica su un terreno innovativo per accrescere la capacità di risposta sanitaria del territorio

Roma, 13 febbraio ’14 (comunicato stampa) Il Comitato di Settore Regioni-Sanità ha definito l’Atto di indirizzo per la medicina convenzionata.

Si tratta – ha spiegato Claudio Montaldo (Vicepresidente della Liguria e Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) – di un atto che affronta in modo complessivo la convenzione e non si limita solo ad attuare quanto previsto dal decreto Balduzzi”.

90 Visite totali, nessuna visita odierna

sanità

Continua a leggere

EMERGENZA SANITARIA e il “118”

CONVEGNO  su  “EMERGENZA SANITARIA 118: UN FUTURO COMUNE”

di Riccardo ABBAMONTE e Giuliano MARCHETTI

Giovedì 7 aprile, all’Hotel Villa Pamphili in Roma, i MODERATI per la TERZA FASE hanno presentato un convegno dal titolo: “Emergenza sanitaria 118: un futuro comune”. Coordinatore del meeting è stato PIETRO PASQUETTI,

131 Visite totali, nessuna visita odierna

118, sanità

Continua a leggere

Newsletter

Iscriviti al Servizio Newsletter di Consulpress e riceverai via posta elettronica gli ultimi aggiornamenti dalla nostra Agenzia di Stampa.

Archivio Articoli

© 2013-2019 Consul Press. Testata registrata presso il Tribunale di Roma, N° 87 del 24/4/2014.
Editore: Associazione Culturale "Pantheon" - Direttore Responsabile: Antonio Parisi
Sede: via Tagliamento, 9 - 00198 Roma (RM). Telefono: (+39) 06 92593748 - Posta elettronica: info@consulpress.eu

Le statistiche sulle visualizzazioni degli articoli, si riferiscono ad un periodo che inizia da gennaio 2019.