Schiere di donne che marciano in tacchi alti: un’immagine sicuramente d’impatto, che ci aspetteremmo di vedere in un videoclip musicale o un’opera d’arte visuale, in cui le provocazioni e gli accostamenti azzardati lasciano spazio alla riflessione… ma che assume una valenza completamente diversa se calata nella realtà, e ancor di più se messa veramente in atto da un governo nelle fila delle sue forze armate. Nelle scorse ore ne hanno parlato tantissimi media nel mondo: l’Ucraina stava pianificando, in occasione di una parata programmata il prossimo mese, di far marciare le sue soldatesse con ai piedi delle scarpe décolleté nere classiche con un discreto tacco alto, invece che con i regolamentari stivali da combattimento previsti per la divisa. Il Ministero della Difesa del paese ci ha tenuto a farlo sapere con un servizio fotografico diffuso in anteprima, ma negli scorsi giorni la decisione ha subito sollevato critiche e reazioni rabbiose, a livello nazionale e non solo.

Come riferisce la BBC, l’Ucraina si prepara a festeggiare 30 anni di indipendenza dopo il crollo dell’Unione Sovietica, e per le celebrazioni ha organizzato anche una parata militare, che si svolgerà il prossimo 24 agosto. Così, il Ministero della Difesa ha pubblicato sui suoi profili social una serie di foto ufficiali, che ritraggono file di studentesse di un collegio militare che si esercitano per la prima volta a marciare sui tacchi, i quali, stando a quanto ha specificato lo stesso Ministero ucraino, fanno parte dell’uniforme femminile. Sul sito di informazione della Difesa, ArmiaInform, come si legge su Deutsche Welle, una cadetta, Ivanna Medvid, ha commentato così il particolare allenamento: “È leggermente più difficile rispetto agli stivali dell’esercito, ma ci stiamo provando”. Molti nel paese, però, si sono immediatamente detti scioccati e indignati dal piano, e hanno apertamente criticato le autorità ucraine, sia sui social network che all’interno dello stesso parlamento.

La deputata Iryna Gerashchenko, che milita nell’opposizione, ha giustamente definito la decisione un esempio di “sessimo e misoginia”, e si è chiesta perché il governo abbia pensato che fosse più importante dotare i soldati donna di tacchi alti invece che di giubbotti antiproiettile della loro misura. Un gruppo di parlamentari, tra cui la vicepresidente del parlamento Olena Kondratyuk, ha chiesto al Ministro della Difesa Andriy Taran e al governo di presentare delle scuse. Il commentatore Vitaly Portnikov ha scritto su Facebook che questa storia della parata in calzature con tacchi alti è una “vergogna”, e l’evidente frutto di una mentalità “medievale” ancora presente tra i funzionari ucraini. La veterana Maria Berlinska ha invece ricordato che le parate militari dovrebbero servire a dimostrare l’abilità dei soldati, mentre questa sembra fatta per stuzzicare la fantasia degli alti ufficiali seduti nelle tribune. Inna Sovsun, membro del partito europeista Golos, ha detto “È difficile immaginare un’idea più idiota e dannosa”, sottolineando come i tacchi possano comportare rischi per la salute, e anche che le soldatesse ucraine, come gli uomini, rischiano la vita e quindi “non meritano di essere derise”. Infine, come riporta Il Post, in segno di protesta e provocazione, alcune parlamentari sono andate in aula con scarpe col tacco ai piedi e hanno invitato il Ministro Taran a indossarle anche lui il giorno della parata.

Anche tantissimi utenti sui social hanno criticato la decisione, sottolineando come renda le donne soldato più vulnerabili, come sia frutto di stereotipi di genere nonché un gesto irrispettoso nei confronti delle tante soldatesse morte in guerra. E in effetti, come ha ricordato la vicepresidente Kondratyuk, sono più di 13.500 le donne che hanno combattuto nell’attuale conflitto tra Ucraina e Russia, che vede le truppe governative della prima schierate contro i separatisti sostenuti dalla seconda, nella regione orientale del Donbass. Nelle forze armate ci sono ben 31.000 soldatesse, e tra di loro più di 4.000 sono ufficiali.
A quanto sembra comunque, alla fine sabato il Ministro Taran ha fatto caporetto: ha dichiarato che le cadette saranno dotate di altre scarpe e ha fatto diffondere nuove fotografie in cui le soldatesse indossano gli scarponi.

Siamo lieti di sapere che le numerose critiche abbiano convinto le autorità ucraine perlomeno a tornare sui loro passi. Una parata militare sui tacchi è un’idea discutibile, sicuramente sessista – perché mette al primo posto l’estetica, per altro di concezione femminile tradizionale – nonché senza dubbio dannosa, perché compromette la comodità, la sicurezza e la salute delle soldatesse. Non si comprende poi perché un’uniforme militare dovrebbe ancora essere dotata di scarpe del genere: speriamo che anche su questa questione il Ministero della Difesa ucraino voglia riconsiderare le sue scelte.