• Home
  • Chiara Francesca Caraffa

Autore: Chiara Francesca Caraffa

Impegnata da sempre nel sociale, è Manager del Terzo Settore in Italia, ove ricopre ruoli istituzionali in differenti Organizzazioni Non Profit. Collabora con ETS in Europa e negli Stati Uniti, dove promuove iniziative per la diffusione della consapevolezza dei diritti della persona, con particolare attenzione all'ambito socio-sanitario. Insegna all'International School of Europe (Milan), dove cura il modulo di Educazione alla salute. Cultrice di Storia della Medicina e della Croce Rossa Internazionale ed esperta di antiquariato, ha pubblicato diversi volumi per Silvana Editoriale e per FrancoAngeli.

Bibliotheca Hertziana: Roma presenta la biblioteca post-digitale di storia dell’arte

Ne parla con noi con Golo Maurer, storico dell’arte e bibliotecario, direttore presso la Bibliotheca Hertziana – Istituto Max Planck per la Storia dell’Arte di Roma. Avvia l’intervista sottolineando il costante incremento della letteratura accademica storico-artistica, dell’orientamento post-digitale della biblioteca e delle preferenze degli storici dell’arte: libro o e-book?

Cos’è esattamente l’istituzione per cui lavora?

«La Bibliotheca Hertziana risale alla fondazione di Henriette Hertz».

Arte«Traferitasi a Roma da Colonia, intorno al 1900 acquistò il Palazzo Zuccari a Trinità dei Monti, dove creò una biblioteca di storia dell’arte e aprì il suo salotto ai dotti. Dopo la sua morte, il palazzo e la biblioteca divennero parte della neonata Società Kaiser Wilhelm, rinominata Società Max Planck dopo la seconda guerra mondiale. La Bibliotheca Hertziana è un istituto di ricerca per lo studio della storia dell’arte italiana e ha forse la migliore collezione libraria al Mondo di arte italiana post-antica. Tutto il patrimonio librario, tranne i rari, è accessibile a scaffale aperto».

«Da oltre cento anni, gli studiosi fanno ricerca, discutono, pensano, leggono, si affacciano alla finestra per ammirare l’incredibile vista sul centro di Roma, e scrivono i loro libri nella nostra biblioteca».

L’avvento del digitale ha portato a una diminuzione dei volumi e delle riviste pubblicati ogni anno in cartaceo nella storia dell’arte?

«Al contrario: la profezia non si è avverata e il numero delle pubblicazioni è in costante aumento. È vero che la percentuale di pubblicazioni digitali cresce, ma questo non significa che quelle analogiche diminuiscano, anzi. Questo fenomeno ha diverse ragioni. I giovani ricercatori e ricercatrici iniziano a pubblicare in una fase molto più precoce della loro carriera. Il numero dei progetti di ricerca affiliati alle varie istituzioni è in costante aumento, e questo produce nuove pubblicazioni. L’accesso a fonti di finanziamento sia pubbliche sia private è diventato più semplice perché le procedure sono codificate e gli organi decisionali sempre più spesso internazionali: anche chi non fa parte di una “cordata”, se presenta un buon progetto, ha una chance reale di ottenere un supporto finanziario sostanziale per pubblicare il proprio libro».

«D’altra parte, i software di editing permettono a chiunque di poter consegnare un testo già impaginato quasi pronto per la stampa, così da diminuire i costi di produzione. Specialmente in Italia, la fondazione di sempre nuove riviste specializzate, spesso di elevata qualità scientifica, pubblicate a stampa, contraddice la vecchia prognosi secondo cui le riviste accademiche in cartaceo si sarebbero estinte».

Le pubblicazioni digitali e quelle analogiche sono quindi destinate a convivere?

«Sì, e il modello concettuale per pensare e gestire tale convivenza è la biblioteca post-digitale».

Che cosa è una biblioteca post-digitale?

«Il termine “post-digitale” non significa che il digitale sarà presto alle nostre spalle come un brutto sogno. Al contrario, post-digitale significa che la tecnologia digitale, come componente ovvia, ubiqua, ormai scontata della nostra vita quotidiana, ha smesso da tempo di stare in opposizione ideologica alle tecnologie analogiche della conoscenza».

Arte«Nei primi tempi eroici della digitalizzazione, la discussione – anche a livello politico – si concentrava sulla nuova tecnologia, dalla quale si sperava tutto il possibile e anche l’impossibile. Oggi si tratta di nuovo dei contenuti, della questione di ciò che noi esseri umani vogliamo veramente. La tecnologia deve essere subordinata a questo, non il contrario».

«Nella storia dei media, nessun medium ha mai sostituito completamente l’altro, ma piuttosto si è affiancato ad esso. Neppure i media digitali sostituiranno quelli analogici».

Ci sarà una divisione dei compiti?

«Da un punto di vista post-digitale, anche la precarietà dei media digitali è diventata più evidente: a lungo termine, possiamo permetterci di conservare tutto ciò che è digitale? Stiamo appena prendendo coscienza dei costi provocati dallo stoccaggio digitale, compresi quelli ecologici. Data la scarsità delle risorse, può darsi che un giorno non sarà più possibile migrare tutti i media digitali al prossimo formato e renderli a prova di futuro».

«Questo significa che le biblioteche devono conservare copie analogiche delle pubblicazioni. Forse a un certo punto dovremo rimuovere dal magazzino le copie cartacee delle riviste già disponibili in formato digitale, ma non le elimineremo mai completamente. A lungo termine, l’obiettivo della biblioteca è quello di creare lo spazio per entrambi i formati».

Lei parla anche della affordance, l’invito all’uso specifico dei diversi media. Cosa significa?

«Il termine affordance viene dalla teoria del design e si riferisce all’invito all’uso proprio di un determinato oggetto. Un bicchiere, per esempio, può essere destinato a bere, ma ci si possono anche mettere delle penne o si può utilizzare per disegnare un cerchio. Dovrebbe essere chiaro a chiunque che un libro invita a un uso diverso rispetto a un file e che un file invita a un uso diverso da un libro».

Può fare un esempio?

«Un libro non si limita affatto alla sua funzione di portatore di informazioni sulla conoscenza, ma come oggetto culturale con una storia secolare è anche portatore di una grande quantità di altre informazioni. Sulla mia scrivania, per esempio, ho una prima edizione di “Der Untergang des Abendlandes” (Il declino dell’Occidente) pubblicato da Oswald Spengler nel 1919. La scarsa qualità della carta, dovuta alla mancanza di materie prime nel periodo post-bellico, è immediatamente evidente. Il declino dell’Occidente è quasi tangibile nella carta acida e brunita. Si tratta di informazioni inerenti alla materialità del libro che andrebbero perse se fosse digitalizzato. Inoltre, tenendo il libro in mano posso capire in un attimo di quale categoria di pubblicazione si tratta: è stato realizzato in fretta? Oppure prodotto con cura? Che tipo di impegno e di investimento c’è stato nella sua produzione?».

Arte«Questi aspetti non hanno necessariamente a che fare con il suo contenuto, ma con il valore che il contesto sociale attribuiva a quel libro al momento della pubblicazione. Ci sono casi in cui un libro ha uno status molto alto quando viene pubblicato, ma lo perde molto rapidamente e finisce presto a un prezzo stracciato sul mercato antiquario. Questa è anche un’informazione che può dirci qualcosa sulla ricezione del libro o sulla rilevanza del soggetto. Al contrario, ci sono produzioni editoriali economiche che appaiono in piccole tirature o che trattano un soggetto che ha poco appeal quando appare».

«Ma oggi il libro economico può essere molto significativo. Nella storia dell’arte ci sono per esempio le prime pubblicazioni di Aby Warburg o Erwin Panowsky, che oggi raggiungono prezzi molto alti. Inoltre, quando il libro è sul tavolo di fronte a te, ti puoi rendere conto molto rapidamente di quanto sforzo ci vuole per leggerlo. Quante pagine contiene? Ha delle note a piè di pagina, un indice, una bibliografia? Quanto velocemente posso trovare ciò che mi interessa nel libro? Un libro comunica più di quello che c’è nel testo stesso».

E l’affordance di un file?

«In un file è possibile cercare specificamente nomi e parole chiave. È possibile ottenere altre informazioni rilevanti molto rapidamente, in un modo diverso. Ne consegue che il migliore di tutti i mondi non è digitale o analogico, ma digitale e analogico. Questo si applica in modo diverso ai diversi tipi di pubblicazioni. Posso immaginare, per esempio, che i diari su carta spariranno perché sono testi relativamente brevi e non interconnessi. Ma nella storia dell’arte, la monografia su un tema o un artista continua a rivestire un ruolo importante, che richiede effettivamente la lettura di tutta l’opera».

«Di fronte alla scelta, la maggior parte degli utenti opta per il libro stampato. Ma preferiscono avere la versione e-book in aggiunta, in modo da non dover interrompere la loro lettura durante il viaggio».

Avremo ancora bisogno di biblioteche in futuro?

«Gli studiosi e le studiose vogliono davvero passare tutto il giorno nel loro appartamento e non vedere nessuno? O forse vogliono incontrare un collega che non vedono da molto tempo? Chi scrive una tesi di laurea o di dottorato vuole davvero avere tutti i trenta libri in cui deve immergersi quotidianamente aperti in finestre digitali sul proprio portatile? O non vuole piuttosto avere i libri di fronte a sé in biblioteca per poter dire: oh ecco, non devo dimenticare di guardare il libro con la copertina gialla? I nostri utenti hanno sempre risposto di no a queste domande. No, non vogliono riscaldare il loro appartamento tutto il giorno in inverno, non vogliono non incontrare mai le loro colleghe e colleghi, non vogliono prendere tutto dalla rete, anche se è gratis. Le biblioteche non sono solo contenitori di libri, sono luoghi di scienza e di accumulazione del sapere».

«Ecco perché non mi preoccupa affatto la continuazione dell’esistenza delle biblioteche accademiche specializzate. Anche le biblioteche universitarie non scompariranno come luoghi. Può essere, tuttavia, che sia sempre più necessario avere una buona connessione wi-fi».

Come sta cambiando in questo senso la Bibliotheca Hertziana?

«Quello che ho trovato è stata una biblioteca molto concentrata sui contenuti e meno sugli aspetti mediatici. Per me, l’aspetto mediatico è molto importante, perché la svolta digitale ha reso questi temi molto attuali. Per esempio, osserviamo una dinamica win-win tra il digitale e l’analogico. La digitalità ci ha sensibilizzato rispetto ai media il cui contenuto informativo risiede in misura non trascurabile nel materiale, intendo le opere a stampa storiche. Il mezzo è il messaggio, che spesso è diventato parte dell’oggetto solo attraverso la sua storicità. Nella loro materialità, questi libri sono fonti storiche multiple, sono vere e proprie macchine del tempo attraverso le quali la conoscenza dei contenuti può essere inserita in contesti oggi dimenticati».

«Per questo motivo, dal 2016 stiamo portando avanti un intenso programma di espansione, ricerca e conservazione del nostro patrimonio di libri antichi, non solo in termini numerici attraverso acquisizioni sistematiche, ma anche in termini di contenuto, a volte seguendo, a volte preparando i nuovi orizzonti della nostra materia e della nostra istituzione. Spesso acquistiamo singoli libri su richiesta dei borsisti del nostro istituto, che lasciano in questo modo una “traccia intellettuale”. Se queste si condensano, possono diventare un nuovo centro».

E l’era post-digitale?

«Più i decisori sono anziani, anche nella mia organizzazione scientifica, più si aspettano miracoli dal digitale – per esempio, in termini di risparmio di costi. Più sono giovani, più forte sembra essere la consapevolezza che non è affatto così. Nello stesso tempo, per loro è chiaro in partenza che ogni medium sia portatore di un proprio potenziale».

«In altre parole, la post-digitalità è già data per scontata tra le giovani generazioni, spesso non sanno nemmeno cosa si intende con questo termine ma semplicemente la praticano. Il mio desiderio è che alla fine del mio mandato alla Bibliotheca Hertziana, la gente abbia ormai dimenticato che il digitale e l’analogico una volta erano visti come alternative».

Chiara Francesca Caraffa

Foto © Bibliotheca Hertziana

Milano sempre pronta a valorizzare il ruolo del volontariato

Valorizzare il ruolo del volontariato che si impegna a favore delle persone con malattie in fase avanzata. E’ con questo obiettivo che Presenza Amica Onlus e Fondazione Don Gnocchi Onlus, legate da un rapporto di collaborazione consolidato, partecipano all’iniziativa Civil Week.

In programma a Milano dal 5 all’8 maggio 2022

CIVIL WEEKLa quattro giorni ha lo scopo di mettere le persone al centro del territorio della città metropolitana, dando spazio e visibilità al protagonismo e al valore della società civile.

300 gli eventi in programma, due gli incontri con cui Presenza Amica calcherà il terreno, di cui uno realizzato in collaborazione con Fondazione Don Gnocchi.

Due eventi correlati realizzati con il patrocinio di Federazione Cure Palliative – FCP.

La mission della organizzazione di secondo livello che conta oggi 103 ETS associati non lascia dubbi. “Una comunità attiva e solidale nella quale ogni persona con bisogni di Cure Palliative ha accesso a tali cure. Sempre e ovunque” è molto più di un auspicio.

Racchiude infatti la ferma volontà del Consiglio Direttivo di colmare la distanza tra regioni, per tipologia di malattia, per età.

Presenza Amica, pioniera delle Cure Palliative in Italia

«I nostri volontari – spiega Furio Zucco, presidente di Presenza Amica Onlus – sono donne e uomini di ogni età che sanno entrare in punta di piedi al domicilio della persona malata e stabilire un contatto empatico con tutto il nucleo familiare. Varcano con altrettanta umiltà – donando il loro tempo – anche la porta dell’Hospice dell’Istituto “Palazzolo-Fondazione Don Gnocchi” di Milano e dell’ASST Rhodense, per stare al fianco di chi soffre. La nostra è un’organizzazione non profit impegnata da trent’anni a tutela della dignità della persona malata in fase avanzata ed evolutiva di malattia, anche cronica, oncologica e non oncologica, a prognosi infausta».

«Rivolgiamo attenzione alla persona lungo tutto il tratto della vita, accompagnandola  nel processo di acquisizione della consapevolezza che la morte ne costituisce un segmento».

Le scarpe piene di PASSI

Continua Monica Malchiodi, responsabile del Servizio volontariato della Fondazione Don Gnocchi. «Strutturato come un “laboratorio”, l’evento sarà in grado di far cogliere quali emozioni, limitazioni, difficoltà, impedimenti, frustrazioni prova chi vive la malattia – propria o di una persona vicina o cara – e chi assiste, cura, accompagna, educa».

CIVIL WEEKLe scarpe piene di PASSI intende far incontrare e portare a percepire realmente i bisogni di chi sta a fianco di una persona malata e la accudisce, di chi è affetto da una malattia degenerativa, da una malattia neurologica o mentale.

Ma anche di chi sta bene e ha semplicemente un amico, un conoscente, un alunno, un vicino di casa che soffre e di cui non riesce a comprendere la sofferenza, mai solo fisica, ma anche psicologica, sociale, spirituale.

Cambiando posizione percettiva, migliorerà la capacità di ascolto empatico dei partecipanti, propedeutica a entrare in una positiva relazione di reciprocità con gli altri e a stimolare il passaggio dalla riflessione personale alla cittadinanza attiva.

«Ci piacerebbe davvero vivere questo appuntamento come un reale momento di confronto fra coloro che già si impegnano a livello di volontariato e quanti vorrebbero saperne di più e magari impegnarsi in questo senso», conclude Malchiodi.

Un modello

«I volontari di Presenza Amica Onlus rappresentano da molti anni un prezioso supporto per l’attività dell’Hospice per cure palliative dell’Istituto “Palazzolo-Don Gnocchi” di Milano». Lo afferma il dottor Fabrizio Giunco, direttore del dipartimento cronicità della Fondazione Don Gnocchi.

«L’Hospice milanese del Palazzolo dispone di 10 posti letto e garantisce un’assistenza di tipo medico-infermieristico, integrata dall’apporto di altre figure: psicologo, assistente sociale, fisioterapista, assistente spirituale», sottolinea. «Insieme, concorrono a costruire su misura di ogni malato un’intensa e complessa relazione di aiuto, a cui concorre in modo estremamente positivo anche  il volontariato».

Raggiungimento della miglior qualità di vita possibile per i pazienti e le loro famiglie

L’assistenza è, dunque, nel contempo sanitaria e sociale, con l’obiettivo di far fronte ai molteplici bisogni delle persone malate. L’Hospice è la struttura dedicata al loro ricovero. Quando? Nel momento in cui la malattia non risponde più alle terapie e diventa predominante il controllo del dolore, dei sintomi, degli aspetti emotivi e spirituali e dei problemi sociali.

A Presenza Amica sta a cuore la consapevolezza

Che porta con sé anche a Civil Week. Un bene immateriale che non si compra. Ma che si raggiunge con un lungo percorso interiore che mette in stretto contatto con il sé più profondo. La consapevolezza può riguardare molti ambiti, tra cui quello del valore che diamo alle cose, alle situazioni, alle persone e alle relazioni.

Questo tipo di consapevolezza porta a sentire con più forza i propri sentimenti, a “chiarirsi le idee” riguardo alle scelte che vorremmo fare per il presente e, soprattutto, per il futuro.

{[(Parentesi di Conversazione)]}

«E’ per noi di grande importanza collaborare con realtà come la Fondazione Don Gnocchi  – riprende Furio Zucco, tra i fondatori della Federazione Cure Palliative –. E siamo felici di proporre anche un altro laboratorio di grande efficacia. {[(Parentesi di Conversazione)]} permetterà di diffondere consapevolezza, divulgare i contenuti della legge 219/2017 e far conoscere a un pubblico più ampio – e forse inedito – il valore delle cure palliative».

CIVIL WEEKE quello dei tanti volontari impegnati a fianco delle persone malate e dei familiari e caregiver.

Insieme, come alleati nell’affrontare tutti gli aspetti della malattia, si può fare di più e meglio.

Quindi consapevolezza | valori | diritti | scelte sono le parole chiave da non dimenticare o “mettere da parte”.

 

Tutto inizia con un’affermazione e una domanda

I giorni trascorrono freneticamente, ci stiamo finalmente riappropriando della nostra vita, che ora più che mai vogliamo vivere in pienezza. Mordendola senza pensare (almeno non troppo, tutto di questi tempi è molto incerto) al futuro.

Ma cosa ne sarebbe delle persone che amiamo, delle questioni finanziarie lasciate in sospeso, dei nostri oggetti del cuore se ci ammalassimo o se ci capitasse qualcosa? Proveremo a cambiare prospettiva insieme, mettendo a fuoco cosa per ciascuno tra noi è più importante.

Il teaser dell’appuntamento pomeridiano – sempre sabato 7 maggio al CSV Milano – pare funzionare. Stimola difatti la curiosità. Dopo essersi messi nelle scarpe dell’altro i partecipanti saranno chiamati a guardarsi dentro. E prendere decisioni sul loro futuro redigendo le Disposizioni Anticipate di Trattamento – DAT.

Recita così: Ti invitiamo a contemplare, articolare e realizzare la visione della vita che desideri vivere, provando poi a riavvolgere il nastro dalla sua fine a oggi. Insieme, troveremo le parole giuste per aprire una conversazione con le persone che ami sul tema della vita e della salute, del presente e del futuro che vorresti.

Civil Week 2022 è la manifestazione pensata proprio per fare tutto questo: mettere la persona al centro. E far vivere l’impegno civico a cittadini attivi, organizzazioni di terzo settore e scuole attraverso oltre 300 iniziative diffuse sul territorio metropolitano.

Chiara Francesca Caraffa

 

Nave ospedale Po. Silurata in Albania nel 1941, ora attrae turismo storico

La nave Po è tra le 12 navi ospedale italiane impiegate durante la seconda guerra mondiale. Esse espletarono più di 600 missioni, riportando in patria oltre 280 mila tra feriti, malati e profughi.

La nave ospedale Po fece, in meno di un anno, 14 missioni. 2.300 i feriti e i naufraghi portati in salvo, oltre 4.000 gli ammalati o infermi fatti rientrare dai fronti africano e greco.

Albania, DIU, Nave Ospedale Po, Seconda Guerra Mondiale, turismo storico

Continua a leggere

Statine. Quali sono i reali benefici?

Statine: utilizzo passato dall’8% del 1987, anno di lancio, al 61% del 2016. 

La malattia cardiaca è la principale causa di morte a livello globale. Un dato ormai tristemente noto a tutti. È per questo che, quando i farmaci per abbassare i livelli di grassi nel sangue, colesterolo e trigliceridi – chiamati statine – sono arrivati sul mercato, la comunità scientifica era raggiante. Alcuni suggerirono addirittura che dovessero essere aggiunti alla rete idrica, così da garantire benefici a tutta la popolazione. La promessa di questi inibitori era quella di ridurre di un terzo il rischio di infarto e ictus. Non poca cosa.

colesterolo, dieta, Jama, malattiecardiache, malattiecardiovascolari, Statine, stilidivita

Continua a leggere

Cina in lockdown, comparto moda in crisi: NFT in rialzo

Sfilate online, avanza la popolarità degli NFT

Attualmente, di fronte alla più grande ondata di infezioni dall’epidemia, alcune parti della Cina sono tornate in isolamento. A differenza di Nazioni occidentali quali Stati Uniti e Regno Unito, Europa – che hanno scelto di allentare le restrizioni – la Cina sta cercando di proteggere i propri cittadini da una ulteriore ondata. Ciò si traduce in una parola da noi per fortuna quasi desueta: lockdown. 30 milioni i cittadini cinesi chiusi a chiave nelle loro case.

Cina, CNMI, Fashion, GuerraUcraina, Milano, Moda, NFT

Continua a leggere

Il ruolo delle donne nella caduta dello zar Nicola II. Potrebbe succedere 105 anni dopo?

In questo giorno iniziato con messaggi, immagini variopinte, auguri più o meno pertinenti, non possiamo non pensare alle donne ucraine e russe. Il giallo della mimosa diventa il grano che colora la bandiera ucraina e il rosso delle rose è la base del vessillo russo.

In tanti, oggi, hanno parlato della violenza contro le donne più delle donne stesse. Come fossero oggetto e non il soggetto di una ricorrenza sempre più svuotata del suo significato.

Continua a leggere

MICI

COMUNICATO STAMPA: SENSIBILIZZARE SULLE MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE DELL’INTESTINO

La campagna “FATTI PIÙ IN LÀ” promossa da Janssen dà voce ai pazienti

250.000 italiani soffrono di malattie infiammatorie croniche dell’intestino – MICI, tra cui Malattia di Crohn e Colite Ulcerosa sono forse le più note.

Si tratta di patologie che tendono a manifestarsi nella fascia di età compresa tra i 15 e i 40 anni e che invadono la vita quotidiana dei pazienti. Diventano difatti una presenza indesiderata che si impone prepotentemente, disturbando ogni situazione, alimentando l’insorgere di ansia e vissuti di forte imbarazzo nelle persone che ne sono colpite. Sebbene le cause scatenanti delle MICI siano ancora sconosciute, si ritiene però che siano dovute a diversi co-fattori tra la genetica e i fattori ambientali. Oltre all’impatto fisico, esse hanno un risvolto psicologico molto rilevante: la qualità della vita e delle relazioni ne risente.

Continua a leggere

Russia e Ucraina: il sentiment dei popoli coinvolti nella guerra

Abbiamo gli occhi pieni di immagini provenienti dall’Ucraina, ma la questione è (anche) russa. Certamente – inutile nascondersi dietro paraventi ormai lisi e trasparenti, l’attenzione prestata alla guerra che sta sconvolgendo due Paesi del nostro continente scombussola la pancia ben più di altre operazioni militari. Le ragioni sono molteplici, una tra queste è, terribile a dirsi, questione di pelle.

guerra russia ucraina

Continua a leggere

Lettera aperta delle Istituzioni: l’obesità non può essere trascurata oltre

Urgenti azioni concrete nella lotta all’obesità

Il messaggio che si intende trasmettere è sostanzialmente uno, di grande impatto: riconoscere l’obesità una priorità sociale, sanitaria, economica e clinica. 

Se non trattati, l’obesità e il sovrappeso sono responsabili di un forte carico di malattia che provoca l’80% dei casi di diabete tipo 2, il 7-41% di alcuni tipi di tumore e il 35% della cardiopatia ischemica.

Continua a leggere

In Italia le Olimpiadi e Paralimpiadi Invernali 2026. Il racconto di Martina Riva, assessore allo Sport di Milano

Olimpiadi e Paralimpiadi Invernali 2026: la XXV edizione si svolgerà tra Milano e Cortina. Stanno per iniziare, con la notizia dell’esclusione degli atleti provenienti da Russia e Bielorussia, i Giochi Paralimpici Invernali di Pechino.

Cortina D'Ampezzo, Martina Riva, Olimiadi, Paralimpiadi Invernali 2026, Sport

Continua a leggere

Malattie rare, molti i bambini colpiti

La Giornata Mondiale delle Malattie Rare:
un’occasione per fare il punto sulla situazione …..non solo a livello nazionale.

In Italia le persone affette da una malattia rara – o una combinazione di malattie rare – sono 2 milioni. Si contano tra 5.000 e 8.000 patologie rare che colpiscono 300 milioni di cittadini nel Mondo. Nella Giornata mondiale dedicata ai pazienti, è essenziale ricordare che il cammino è ancora lungo, ma gli strumenti a disposizione sono in continuo aumento.

Continua a leggere

Bollino Azzurro consegnato a 94 strutture impegnate nella prevenzione e cura del tumore alla prostata

Nello scorso mese di novembre, dedicato alla salute maschile – tumore alla prostata in primis – Fondazione Onda, osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, ha avviato la prima edizione del bando Bollino Azzurro. Obiettivo principale, identificare a livello nazionale i centri che garantiscono un approccio multi–professionale e interdisciplinare nell’ambito dei percorsi diagnostici e terapeutici dedicati alle persone con questa tipologia di tumore. 
In Italia gli uomini con tumore della prostata sfiorano il numero di 564.000. Ogni anno si contano circa 36.000 nuove diagnosi. E, purtroppo, non si tratta solo di over 50. 
In questa fascia di età il tumore alla prostata rappresenta oltre il 20% di tutti i tumori diagnosticati nell’uomo, che si rivolge al medico dopo aver ignorato numerosi campanelli d’allarme.

Continua a leggere

Emicrania: la call to action di Fondazione Onda in un Manifesto

Emicrania: ne soffrono 6 milioni di italiani, di cui due terzi sono donne, nelle quali la malattia è maggiormente debilitante. Esordisce in età prepuberale o puberale, e connota quindi la vita delle persone che ne soffrono, sino a scemare per gravità dei sintomi solitamente dopo i 50 anni. Secondo i dati dell’Oms è la terza patologia più frequente a livello globale, soprattutto tra le quote rosa. “Gli ormoni sessuali femminili hanno un ruolo cruciale nella determinazione delle differenze di genere che si osservano nell’emicrania”, sostiene Piero Barbanti, presidente dell’Associazione Neurologica Italiana per la Ricerca sulle Cefalee e dell’Associazione Italiana per la Lotta contro le Cefalee.

Continua a leggere

Regione Lazio stanzia fondi a tutela della salute di giovani in difficoltà psicologica e persone disabili

La Costituzione Italiana, articolo 32, stabilisce che “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti”.

Ippoterapia, avere un cavallo per amico | Il Colibrì

Parte certamente da questa consapevolezza l’impegno profuso da Fabio Capolei, vicepresidente della VII Commissione Sanità, politiche sociali, integrazione sociosanitaria, welfare della Regione Lazio.

Il politico azzurro nel recente Consiglio regionale ha visto approvati tre ordini del giorno a sua firma, tutti relativi a tematiche oggi di primo piano. Capolei volge lo sguardo all’altro, consapevole della necessità di garantire supporto integrato alle persone vulnerabili o rese fragili da questi anni tanto complessi.

Continua a leggere

Pandemia: Omicron determina effetti negativi anche sulle donazioni di sangue

Il comunicato stampa diffuso dalla maggiore organizzazione di raccolta di sangue ed emoderivati – l’Avis – si rivolge ai donatori. Indispensabili 365 giorni all’anno.

L’incremento dei contagi da Covid-19 per via della rapida diffusione della variante Omicron sta causando disagianche a livello trasfusionale. Alcune zone del Paese, infatti, segnalano un calo fisiologico nelle donazioni di sangue, a seguito dell’innalzamento dei contagi e, di conseguenza, di persone – e donatori – che hanno contratto o che hanno avuto contatti diretti con persone risultate positive al virus.

Continua a leggere

L’Australia e i campioni di tennis del mondo si interrogano sulla presenza di Novak Djokovic agli Open

 

 

L’esperienza di Djoker (uno dei suoi soprannomi) in Australia non è iniziata con un servizio vincente. Il campione, venerato in patria come un semidio e all’estero con ammirata circospezione, ha fatto un fallo inaccettabile.

Perché una cosa è il giocatore, altra l’uomo Novak. Irrispettoso delle regole di chi lo ospita – l’Australia, e altrettanto menefreghista delle persone incontrate a dicembre pur essendo in attesa del solo tampone valido per i contatti sociali – un antigenico negativo, il tennista segue le sue regole, le quali includono la scorciatoia, la menzogna, il sacrificio di alcuni membri dello staff.

Continua a leggere

Milano, inaugurato il Master in Fashion e Luxury Law – MiFeLL

La Camera nazionale della moda italiana impegnata anche per il sociale

L’Italia, primo produttore di Alta moda al Mondo e Milano, con Parigi, Londra e New York, restano le piazze più apprezzate dagli addetti ai lavori.

A poche giornate dall’inaugurazione della Milano Fashion Week la città aggiunge un tassello al prezioso mondo della moda: il Master universitario di secondo livello in Fashion e Luxury Law – MiFeLL.

Continua a leggere

Omicron, la variante dilaga: operatori sanitari allo stremo

L’obbligo vaccinale per gli over 50 sarà sufficiente a dar loro respiro?

Operatori sanitari al collasso. Tra i professionisti della salute gli infermieri hanno affrontato forse le ore più lunghe, tanto nelle strutture di ricovero che al domicilio.

I numeri

I casi totali di cittadini italiani positivi al Covid-19 registrati ieri toccano il record negativo: 219.441 persone.

Del totale dei contagi tra le professioni sanitarie – +210% in un mese – l’82% sono infermieri, la cui carenza crea seria preoccupazione.

L’Istituto superiore di sanità dirama dati allarmanti: 4.142 operatori sanitari positivi il 2 dicembre 2021 e 12.870 il 2 gennaio 2022.

+8.728 in totale, 7.160 gli infermieri. Tra questi ultimi sono 135.000 i contagiati da inizio pandemia.

Continua a leggere

CES 2022, le tecnologie digitali che migliorano la vita

Lo show presenta l’eccellenza internazionale in ambito digitale. Il made in Italy non tradisce le aspettative

Stati Uniti, ha aperto l’edizione 2022 del Consumer Electronic Show – CES, probabilmente il più importante appuntamento annuale dedicato al mondo dell’elettronica.

La manifestazione

L’evento, aperto al pubblico dal 5 al 7 gennaio, richiama a Las Vegas – Nevada oltre 2.200 espositori, tra i quali non mancheranno le consuete aziende legate al mondo automotive e alla mobilità in generale. A esse si aggiungono quest’anno, ancora appartenente all’era Covid-19, aziende con spiccato interesse per le tecnologie sanitarie, sia per soluzioni e dispositivi terapeutici innovativi che per le tecnologie digitali trasformative.

I nuovi casi di persone positive al virus prima dell’apertura della kermesse erano il 107% in più rispetto alla settimana precedente. È diminuito il numero dei morti, ma alla data del 4 gennaio solo il 62.2% della popolazione statunitense aveva la copertura vaccinale completa, percentuale che scende al 56.7 in Nevada. La salute, quindi, non può che restare al centro delle preoccupazioni dei cittadini.

Defezioni

A causa dell’aumento di casi con variante Omicron la Consumer Technology Association – CTA ha infatti accorciato la durata della manifestazione. Il CES 2022 terminerà con un giorno di anticipo proprio per ragioni di salute e sicurezza.

Non sono mancate le avvisaglie, tanto che nelle ultime due settimane grandi aziende quali BMW, Intel, AMD, GM, Google, T-Mobile, Amazon, Microsoft e OnePlus hanno disdetto la partecipazione fisica alla kermesse. Tra chi si paleserà da distanza in sincrono c’é anche Mercedes-Benz, che ha giocato d’anticipo, rivelando di voler produrre una concept car che potrebbe coprire 620 miglia con una singola carica, sufficienti per un viaggio senza soste da Brighton, sulla costa meridionale dell’Inghilterra, a Inverness, nel Nord della Scozia.

CES, l’evento tecnologico più influente al Mondo

«Essendo l’evento tecnologico più influente al Mondo, il CES è fermo nella sua promessa di essere il luogo di ritrovo per mostrare i prodotti e discutere le idee che alla fine miglioreranno le nostre vite», ha dichiarato in una nota Gary Shapiro, presidente e CEO di CTA. Rassicurando, poi, circa la messa in atto misure sanitarie adeguate per garantire totale sicurezza a quanti parteciperanno in presenza.

Tecnologia per tutti i gusti

L’evento mostra diverse meraviglie: alcune innovazioni per la prima volta su token non fungibili (NFT) basati su Blockchainsoluzioni sanitarie a distanzaauto a guida autonoma, giochi, cibo e tecnologia spaziale.

Automotive: veicoli elettrici performanti

A rappresentare il nostro Paese in questa categoria c’è Fiat (Stellantis) con le versioni Nuova 500 3+1 e Nuova (500) RED, vetture esposte all’interno dell’area Electrification. La prima city-car con guida assistita di livello 2 è ora disponibile in 3 varianti di carrozzeria – berlina, cabriolet e 3+1 – e con un sistema di “infotainment Uconnect” di quinta generazione. 100% elettrica, soddisferà le esigenze della mobilità a zero emissioni nei centri urbani del futuro.

Tra le aziende presenti citiamo Sony, che secondo il presidente Kenichiro Yoshida sta “esplorando un lancio commerciale” di veicoli elettrici e lancerà in primavera una nuova società, Sony Mobility Inc. Yoshida ha presentato un prototipo di SUV – il Vision-S 02 – che utilizza la stessa piattaforma del veicolo elettrico del Vision-S 01, il coupé che ha iniziato i test sulle strade europee poco più di un anno fa.

«Con le nostre tecnologie di imaging e rilevamento, cloud, 5G e intrattenimento combinate con la nostra padronanza dei contenuti riteniamo che Sony sia ben posizionata come azienda di intrattenimento creativo per ridefinire la mobilità», ha affermato alla conferenza stampa del 4 gennaio il presidente Sony. E le azioni quotate a Tokyo sono salite all’istante del 3.7%! Tesla docet, Apple avanza.

Apple

Secondo un rapporto di novembre di Bloomberg, l’azienda di elettronica di consumo – che questa settimana è diventata la prima azienda a raggiungere una valutazione di 3 trilioni di dollari – mira a produrre un’auto a guida autonoma entro il 2025.

Eppure CES ha evidenziato che i produttori tradizionali non rinunceranno facilmente alla loro quota di mercato. 

Innovazione in ambito sanitario

Robert B. Ford, presidente del Cda e CEO di Abbott, salirà sul palco principale del CES affiancato da un gruppo eterogeneo di scienziati, ingegneri, inventori e partner dell’azienda. Si tratta di una prima assoluta, che indica l’aumento dell’interesse generale registrato per salute e benessere. 

La tecnologia, secondo gli organizzatori dell’evento, migliora la vita. È certo che, ora più che mai, stiamo assistendo all’incredibile impatto della tecnologia sull’assistenza sanitaria di qualità.

Progressi

Il CES ospiterà una programmazione di conferenze incentrata sulle innovazioni nella tecnologia sanitaria e tornerà il Digital Health Studio, ospitando conversazioni con leader di spicco in tema di salute con focus sulle tendenze che plasmano il futuro.

Mr Ford afferma che: «Il CES è il palcoscenico ideale per mettere in luce come la tecnologia consente alle persone di assumere il controllo della propria salute». La quale è «al centro della nostra capacità di vivere una vita piena; e l’accelerazione della tecnologia sanitaria ha il potenziale per migliorare più vite in più luoghi che mai». 

La pressione conta

La distanza socialeumanaimposta dalle ondate pandemiche che si sono susseguite nei 24 mesi passati, ha imposto, d’altro canto, la necessità di rispolverare modalità di diagnosi e cura che – prima del Covid-19 – sembravano puri esercizi di stile.

Oggi strumenti e tecnologie che riducono i costimigliorano l’equità sanitaria e salvano vite sono finalmente sul podio. Ne è un esempio OMRON Healthcare, leader mondiale nel monitoraggio della pressione sanguigna a distanza e nell’uso della tecnologia per la salute personale.

Al CES 2022 presenta i nuovi servizi di monitoraggio remoto dei pazienti insieme a misuratori di pressione sanguigna collegati e un’app mobile avanzata.

Tutto progettato per supportare la salute cardiaca di ogni consumatore, indipendentemente da dove si trovi

La missione aziendale è progettare strumenti per favorire una maggiore gestione attiva delle condizioni di salute, rafforzare la connessione medicopaziente e guidare il cambiamento comportamentale. Capace di ridurre – se non eliminare – il rischio di infarto e ictus.

L’azienda darà inoltre vita a un’iniziativa di ricerca collaborativa che indagherà su un tema non più solo appannaggio dei film di fantascienza: come l’intelligenza artificiale può analizzare le metriche della pressione sanguigna per prevedere malattie cardiovascolari con precisione.

Telemedicina e medicina digitale

Non mancherà una valutazione collettiva su come nel 2020 e nel 2021 sia cambiato il panorama dell’assistenza virtuale, e verranno condivise le lessons learned.

Si osserverà quindi la traiettoria futura del mercato della telemedicinacomprese le sue inevitabili barriere. I recenti cambiamenti nel fare diagnosi sopravviveranno alla pandemia di Covid-19? Abbiamo una certezza: sono e saranno molte le sfide e le opportunità della rivoluzione digitale in medicina.

Sicurezza

Interviene al CES anche la tecnologia Made in Italy.

L’azienda Filo presenta Tata Pad, dispositivo tecnologico antiabbandono di nuova generazione in grado di rilevare la presenza di un bambino all’interno di un veicolo e lanciare l’allarme. Scongiurandone, quindi, il drammatico abbandono.

«Un tema molto sentito anche in America» – racconta Giorgio Sadolfo, Ceo di Filo – «tanto che proprio quest’anno in Usa si è tornati a discutere di una legge, l’Hot Cars Act, che renda obbligatori i dispositivi salva bebè».

Tata Pad è l’unico dispositivo anti abbandono con tre livelli di allarme e che usa la chiamata d’emergenza come primo livello. In caso di smartphone scarico o senza campo, Tata Pad è comunque in grado di inviare gli allarmi. Lo fa grazie a Tata Brain, centralino virtuale che effettua le chiamate senza costi aggiuntivi. Si attiva in automatico quando il bambino è sul seggiolino auto e si connette via Bluetooth al tuo smartphone senza ulteriori azioni.

Arena Italia

ICE ITA e Business France, agenzie nazionali per il commercio di Italia e Francia, hanno selezionato 8 candidati da ciascuna delegazione per partecipare all’Arena Italia al CES 2022, situata a The Venetian Expo, Tech West, Eureka Park, Padiglione/Stand #62724.

Vi sarà una competizione di startup delle due Nazioni, frutto della cooperazione oggetto del Trattato del Quirinale. Una delle eccellenze del made in Italy si chiama iNNOVA, startup siciliana che ha sviluppato il sistema di telemedicina all’avanguardia CheckMED. Dispositivo elettronico integrato da un software di gestione e da un’app per smartphone, assolverà a una pluralità di funzioni. Intese a migliorare, semplificandolo, il rapporto medico-paziente.

Lo strumento spazia dal monitoraggio da remoto della salute degli assistiti alle consulenze mediche online. Passando per il rilevamento di cadute accidentali attraverso il costante controllo dei parametri vitali.

CheckMED nel corso della giornata ricorda ai pazienti quali medicine assumere. E – se queste stanno per terminare – invia una notifica sul telefono della persona o del caregiver, piuttosto che agli assistenti vocali domestici. Ad esempio Alexa e Google Home.

Non manca neppure il tema/ambito green, abbiamo davvero tutto.

Mettiamoci comodi, occupiamoci della nostra arnia B-Box, sviluppata e testata per garantire una convivenza felice e sicura tra uomo e api, nel rispetto della normativa italiana in materia di apicoltura urbana.

La tecnologia ci salverà.

Chiara Francesca Caraffa

Foto © CES (copertina), Social News XYZ, Missionline, Ruetirs, Pharmaceutical Technologies

www.cta.tech/

www.governo.it/en/articolo/italy-france-treaty-signed-quirinale-palace/18662

 

Malattie sessualmente trasmesse: HIV e AIDS mietono ancora vittime

Adottare comportamenti adeguati diminuisce il rischio di contrarle

Trasmissioneinfezionevirusmalattia: non stiamo parlando di Covid-19, ma di HIV/AIDS.

Patologie dimenticate dalle nostre cronache, sono invece – con grande sorpresa dell’autore, il britannico Russell TDavies – al centro dell’attenzione mediatica del Regno Unito, dove la miniserie It’s a Sin è al primo posto tra le 50 trasmissioni più viste nel 2021.

Virtuosa la ricaduta: aumento della consapevolezza sull’HIV e sulla necessità di fare test, il cui incremento parla chiaro. Se il tema viene raccontato e affrontato in modo esplicito, pur ricorrendo a una narrazione ambientata negli anni ’80, il pubblico risponde.

Dati allarmanti

L’Oms afferma che l’HIV continua a essere un grave problema di salute pubblica globale, avendo causato finora 36,3 milioni di vittime dal 1988. I dati dell’UNAIDS sull’epidemia di HIV e AIDS, stimano che nel 2020 – a fronte di 37,7 milioni di persone che vivono con il virus, di cui 36 milioni sono adulti e 1,7 milioni bambini con meno di 15 anni, vi siano state 1,5 milioni di nuove diagnosi.

Sono però solo 27,5 milioni le persone con HIV che hanno avuto accesso alle terapie antiretrovirali. Il Covid-19, secondo l’Oms, sta esacerbando le disuguaglianze e le interruzioni dei servizi, rendendo più difficile la vita di quanti convivono con l’infezione da HIV.

Nel Mondo molti positivi tra i più giovani

Il numero delle nuove diagnosi è dimezzato dal 1997 (3 milioni di nuove infezioni) al dicembre dello scorso anno. Ogni settimana vengono diagnosticate circa 5.000 nuove infezioni da HIV tra giovani donne (15-24 anni).

Tra gli adolescenti dei Paesi dell’Africa Sub-Sahariana 6 nuove diagnosi su 7 riguardano ragazze (15-19 anni). Il numero di decessi per anno continua a diminuire, principalmente per effetto delle terapie antiretrovirali combinate, e tuttavia i dati del 2020 lasciano di stucco: 680.000 decessi.

L’Europa

Secondo il rapporto “HIV/AIDS surveillance in Europe 2021”, pubblicato a novembre 2021 dall’ECDC e dall’Ufficio europeo dell’Oms, nel 2020, 46 dei 53 Paesi dell’Oms Europa hanno segnalato 104.765 nuove diagnosi di HIV e 43 Paesi hanno notificato 7.721 nuovi casi di AIDS.

La situazione in Italia

L’Istituto superiore di sanità – Iss, premette che “i dati relativi al 2020 hanno risentito dell’emergenza Covid19 in modi e misure che potranno essere valutati correttamente solo verificando i dati dei prossimi anni”. Lettura: restrizioni nella circolazione e minori opportunità di incontro e aggregazione potrebbero aver determinato la riduzione di contatto/contagio.

Ecco la fotografia del 2020 nel nostro Paese: 1.303 nuove diagnosi di infezione da HIV, pari a un’incidenza di 2,2 nuovi casi per 100.000 residenti, numero in continua diminuzione dal 2012. Le Regioni con più casi sono Valle d’AostaLiguriaProvincia Autonoma di Trento e Lazio.

È aumentata la proporzione delle persone con nuova diagnosi di AIDS che ignorava la propria sieropositività e ha scoperto di essere HIV positiva nel semestre precedente la diagnosi, passando dal 70,9% nel 2019 all’80,4% nel 2020.

Oltre un terzo delle persone con nuova diagnosi ha eseguito il test per sospetta patologia o presenza di sintomi HIV correlati (37,1%). Oppure a seguito di rapporti sessuali non protetti (17,2%), comportamento a rischio generico (10%), accertamenti per altra patologia (3,5%), screening/campagne informative (6,5%).

Azioni congiunte

Sorge spontanea una domanda: lo sforzo per arrestare l’ondata pandemia da Sars-Cov-19 non dovrebbe includere anche l’aumento delle azioni di prevenzione dell’HIV?

Si muovono in tal senso le valutazioni di diversi ricercatori, concordi nell’affermare che la variante Omicron sia “strana. Sembra non discendere da varianti di preoccupazione quali Alpha, Beta o Delta e si ipotizza che sia sorta in una persona con il sistema immunitario indebolito.

La scienza si interroga

L’identikit è di un individuo fragile la cui condizione o malattia, secondo The Guardian, potrebbe essere un tumore, un trapianto d’organo, HIV incontrollato. Il virus attacca infatti  il sistema immunitario, rendendolo debole e quindi più esposto a una serie di agenti patogeni. Il livello di allerta si alza se pensiamo che l‘Africa subsahariana ospita i due terzi della popolazione mondiale affetta da HIV: 8 milioni di persone attualmente non sottoposte a una terapia efficace.

Il claim della recente giornata mondiale contro la malattia va proprio in questa direzione: “Stop alle diseguaglianze. Stop all’AIDS”.

Il quotidiano si chiede infine se vi sia il rischio che l’HIV non controllato porti all’emergere di varianti di Coronavirus. Ne parla con il dottor Richard Lessells, infettivologo dell’Università di KwaZulu-Natal a Durban, parte del primo team che segnalò Omicron.

Il quale afferma che le questioni importanti sono due. «Prima c’è la scienza, che ha bisogno di andare avanti per capire meglio cosa sta accadendo».

«Ma […] non abbiamo bisogno di aspettare la scienza. […] mentre affrontiamo la sfida immediata del Covid-19, dobbiamo anche intensificare gli sforzi per porre fine all’HIV come problema» – appunto, aggiungiamo noi – «di salute pubblica».

Cosa possiamo fare: il nastro rosso non basta

Il primo obiettivo è educare le nuove generazioni attraverso il confronto: non solo i giovanissimi, ma anche quella fetta di popolazione sfuggita alle campagne di sensibilizzazione impresse nella memoria dei nati alla fine degli anni ’60 e negli anni ’70 e ’80.

Drammaticamente indimenticabile è la campagna del 1989: “Aids: se lo conosci lo eviti, se lo conosci non ti uccide», diceva Fondazione Pubblicità Progresso.

Un bar, una festa, una sagoma che diventa improvvisamente bordata di un alone viola.

Un incubo per i ragazzi e le ragazze di quell’epoca, diventati poi uomini e donne assuefatti alla notizia, distratti e con una gran voglia di vivere una sessualità libera. Il problema? La quasi totale mancanza di consapevolezza, lo scollamento tra il “so che potrei farmi del male” e l’unica azione valida a proteggersi vicendevolmente: l’uso del profilattico.

Allora c’erano molti testimonial, diversi politici, il mondo della moda con l’iniziativa Convivio, le band musicali. E ora? Un silenzio quasi assordante!

La scuola ha un ruolo cruciale

Le campagne di prevenzione guardano all’abuso di sostanze alcoliche piuttosto che all’educazione alla salute anche in ambito di sessualità. I pochi incontri organizzati nelle scuole secondarie di secondo grado, finalizzati alla sensibilizzazione sui rischi di trasmissione dei virus e sulla protezione consapevole, parlano ancora troppo spesso un linguaggio ingessato, poco vicino ai giovani.

Obbligatoria in Gran Bretagnal’educazione sessuale non è materia cara alla scuola italiana, che improvvisa. Le serie dedicate all’argomento non sono infatti sufficienti a promuovere l’adozione di comportamenti all’insegna della sicurezza.

Occorrerebbe invece stilare programmi strutturati di educazione affettiva e sessuale – quale docente ha ore sufficienti da dedicare alla materia? – da svolgere a partire dalla prepubertà. Un assaggio alle scuole medie con la definizione di salute, la sua importanza, come mantenerla con una corretta routine quotidiana.

Giusta quantità e qualità di cibo e acqua, attività fisica, sonno, eccetera. Poi la pubertà, caratterizzata da profondi cambiamenti fisici, emotivi e sociali. Quindi un focus su genere, percezione di sé, identità, orientamento sessuale. Infine le relazioni e le emozioni, il desiderio – argomenti fondamentali per giungere a parlare di sessualità, di infezioni e malattie sessualmente trasmissibili e di quali comportamenti adottare

Uno strumento importante

È ancora l’Istituto superiore di Sanità a proporre contenuti di alto interesse: la monografia “Le infezioni sessualmente trasmesse. Come riconoscerle e prevenirle”,  curata da Barbara Suligoi e Maria Cristina Salfa (Iss) per la collana di libri “I Ragazzi di Pasteur”, è rivolta agli studenti delle scuole secondarie. Frutto della cooperazione tra Ibsa Foundation e Istituto Pasteur Italia è ora disponibile anche in lingua inglese.

La monografia, che adotta un linguaggio semplice e non tecnico, inizia illustrando le “Regole del sesso sicuro” e spiegando ai giovani come riconoscere le infezioni sessualmente trasmesse, i potenziali rischi a esse connesse e a chi rivolgersi per avere delucidazioni a riguardo. Nella seconda parte trova invece spazio un fumetto sul tema a cura della scuola romana dei Fumetti, con la sceneggiatura elaborata dagli studenti del Liceo scientifico Galileo Galilei di Trento.

Il silenzio degli adulti porta al rischio disinformazione

Se gli adulti sono imbarazzati e manchevoli, i ragazzi si rivolgono allora a quel che ritengono essere il miglior medico sul mercato, Dr Google. Purtroppo non accurato e sovente tardivo nel dare risposte realmente utili e accessibili. Le stesse domande poste sui motori di ricerca evidenziano difatti una preoccupante disinformazione di base.

I nuovi dati dell’Iss, che da oltre trent’anni risponde alle domande e ai dubbi su HIV e AIDS attraverso il numero verde 800 861061, sottolineano l’urgenza di intervenire contro il ritardo di diagnosi. 6 nuove diagnosi su 10 avvengono tardivamente.

il tempo è prezioso: quello della prevenzione primaria, come quello della prevenzione secondaria, le nuove terapie, se iniziate precocemente, possono difatti salvare la vita e salvaguardarne la qualità.

Che sia un Capodanno all’insegna della sicurezza!

 

Chiara Francesca Caraffa

Foto © Eurocomunicazione (copertina), Wall Street International Magazine, Press View, Best Movie

www.eurocomunicazione.com/2021/11/29/omicron-e-la-nuova-variante-di-preoccupazione-del-covid-19/

www.epicentro.iss.it/ist/pdf/vol.10_le-infezioni-sessualmente-trasmesse_suligoi-salfa.pdf

  • 1
  • 2

© 2022 Consul Press - Tutti i diritti riservati.
Testata registrata presso il Tribunale di Roma, N° 87 del 24/4/2014.
Editore: Associazione Culturale "Pantheon" - Direttore Responsabile: Antonio Parisi
Sede: Via Dora, 2 - 00198 Roma (RM). Telefono: (+39) 06 92593748 - Posta elettronica: info@consulpress.eu