Convegno su “Droga & Società”

DROGA & SOCIETA’  – “Criminalità organizzata e intervento sociale”

Valeria LUPIDI *

 L’11, 12 e 13 maggio scorso, presso l’Istituto Madonna del Carmine “Il Carmelo” di Ciampino (Roma), organizzato dall’Associazione ACF – Accademia per la Cultura e la Formazione, e dall’ONAP – Osservatorio Nazionale Abusi Psicologici, in collaborazione con l’Escuela Latino Americana de Cooperacion y Desarrollo – Università di San Bonaventura Cartagena (Colombia) ed il Movimento PER, si è svolto il II Convegno Internazionale di Studi residenziali su “Droga & Società”.

Il seminario, articolato in varie sessioni di studio, ha affrontato il problema della droga sotto diversi punti di vista, con la finalità di consentire ai partecipanti di avere una visione del fenomeno a 360 gradi e di fornire una formazione/aggiornamento professionale agli operatori del settore psico-sociale e giuridico, nonché agli addetti delle Forze di Polizia.

Nella prima parte del Convegno, il presidente del Movimento PER, Politica Etica Responsabilità, On. OLIMPIA TARZIA, ha  introdotto l’argomento tossicodipendenza individuando chiaramente il ruolo e le responsabilità affidati a tutti gli attori che sono coinvolti nel fenomeno: la famiglia, la scuola, le istituzioni, la società in genere. I seguenti relatori, prevalentemente psicologi, hanno centrato i propri interventi sui modelli giovanili devianti, nonché sul concetto di “dipendenza”. Nella seconda sessione, che ha visto la presenza in qualità di relatori di medici e biologi, si è centrata l’attenzione sulle varie tipologie di droghe e sui loro effetti. Successivamente il convegno è poi entrato nella sua parte più ”internazionale”, infatti JAIRO AGUDELO TABORDA – Direttore della Scuola Elacyd di Cartagena, oltre a dare uno spaccato dell’esperienza colombiana nel settore degli stupefacenti, ha presentato un progetto di recupero di giovani tossicodipendenti che da anni sta portando avanti nel suo Paese, al quale l’ACF parteciperà mediante una raccolta di fondi. Il professor PAOLO BENVENUTI, Preside della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi Roma Tre ha poi parlato della Cooperazione Internazionale in tema di contrasto al traffico di sostanze stupefacenti, illustrando l’estremo interesse internazionale per la lotta al fenomeno.

A seguire la Dr.ssa GIOVANNA RICCI, ricercatrice in Medicina Legale presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Camerino, ha affrontato l’argomento delle “Nuove droghe in Argentina” supportata nel suo resoconto da una giovane studentessa di quel Paese. La sessione internazionale si è poi conclusa con l’intervento della Dr.ssa MARIA SCIARRINO dell’Università della Repubblica di San Marino, che ha spiegato come il problema droga viene affrontato nel piccolo Stato al centro dell’Italia.

Di assoluto rilievo è stato l’intervento di un ufficiale in servizio presso la Direzione Centrale Servizi Antidroga che nel convegno ha rappresentato “la risposta dello Stato” nella lotta al traffico internazionale di stupefacenti e del Generale MASTROPIETRO della Guardia di Finanza che ha fornito uno spaccato delle attività di contrasto svolte in sede locale.

Nell’ultima giornata del convegno, dopo una prima parte nella quale la parola è stata data ad alcuni avvocati che hanno spiegato i tipi di reati in cui incorrono coloro che fanno uso di sostanze stupefacenti, l’attenzione è stata spostata sul ruolo positivo della vitalità creativa che si contrappone alla negatività della dipendenza e che attraverso le alternative che la cultura in generale offre è possibile compiere diverse scelte di vita.

Gli interventi sono stati quindi centrati sulle possibili attività di prevenzione e recupero dei giovani tossicodipendenti,  spiegando il ruolo che in tale direzione giocano le istituzioni (sono state esaminate varie campagne di pubblicità sociale), la comunicazione (come mezzo di informazione e formazione), ma soprattutto il ruolo delle agenzie di socializzazione primarie: famiglia, scuola, gruppo dei pari. Toccante è stata infine la testimonianza di un giovane ex tossicodipendente della Associazione Nuovi Orizzonti che ha come finalità l’accoglienza ed il recupero di giovani con varie problematiche.

La chiusura del convegno, tenuta dal presidente dell’ACF, Dr.ssa FRANCA SOLDATO l’ONAP, Dr.ssa PATRIZIA SANTOVECCHI, è stata un messaggio di speranza affinché le alternative che la “luce” della cultura può fornire al “buio” della droga, possano davvero concretizzarsi così come mirabilmente auspicato da  W. Goethe in questa poesia che ha chiuso i lavori del convegno:

C’è una verità elementare, la cui ignoranza uccide innumerevoli idee e splendidi piani: nel momento in cui uno si impegna a fondo, anche la provvidenza allora si muove. Infinite cose accadono per aiutarlo, cose che altrimenti non sarebbero avvenute…Qualunque cosa tu possa fare, o sognare di poter fare, incominciala. L’audacia ha già in sé genio, potere e magia. Incomincia adesso.

*Docente in Sociologia – esperta in tecniche di comunicazione interpersonale

[divider style=”tiny”][/divider]

Totale visite al 15/12/2013: 305

Lascia un commento

© 2013-2020 Consul Press. Testata registrata presso il Tribunale di Roma, N° 87 del 24/4/2014.
Editore: Associazione Culturale "Pantheon" - Direttore Responsabile: Antonio Parisi
Sede: Via Dora, 2 - 00198 Roma (RM). Telefono: (+39) 06 92593748 - Posta elettronica: info@consulpress.eu