La Pace

Parliamo tutti di pace, ma quale significato cogliamo dare a questa parola? Non basta dire che, in termini di significato, si tratta del contrario della guerra. Pace significa capacità di amare, di ascoltare, di comprendere, di avvicinarsi alla vita e agli altri senza desiderio di primeggiare. Di allontanarsi dal desiderio insano di conquistare territori, potere, dominio, perchè proprio da questo nasce l’esigenza di rompere le tregue e combattere battaglie sempre più sofisticate che coinvolgono etnie, nazioni, piccoli paesi e tanti esseri umani innocenti.
Si parla di pace solo perchè é il contrario della guerra ma temo che dovremmo allargare il concetto al gioco sociale che è diventato di una complessità inaccettabile. Non scopriremo mai il vero motivo per cui si scatena un conflitto o un attentato in un contesto polivalente e sofisticatissimo. Abbiamo assistito al proliferare di enormi danni, purtroppo irreversibili, e questi hanno tolto quasi il significato alla parola PACE.
Ormai non esistono più eserciti che si affrontano ma intricate, subdole comunicazioni che preludono più al concetto di attentato che a quello di una aperta battaglia fra due gruppi nemici.
In questo irreversibile meccanismo per quale mezzo si potrebbe recuperare il significato di pace? Forse si potrebbe pensare di recuperarlo globalmente come dimensione nuova dell’umanità in termini di ritrovata fiducia e serenità. Ma il gioco sociale è gestito dall’intricato filtro internazionale al quale partecipano associazioni sofisticatissime che non si rivelano mai. Queste operano proprio contro il concetto di tranquillità e serenità del mondo.
Ma noi che cosa possiamo fare per recuperare in parte la fiducia anche solo in noi stessi? Forse sarebbe il caso di inventare una tregua alla corsa della posizione sociale per arricchire a accedere al potere che distrugge tutti gli altri insieme con noi. Forse sarebbe il caso di accedere alla parola AMORE che ci è stata indicata come l’unica chiave per arrivare alla felicità che non può morire mai.
Non potendo riformare il mondo intero facciamo una riflessione per stare meglio noi, forse si potrebbe offrire un piccolo esempio a qualcuno dei nemici. Cerchiamo di avvicinarci il più possibile al significato di serenità che in parte è sinonimo di pace.

Anna Lucia Vona

                                                                         Anna Lucia Vona

© 2022 Consul Press - Tutti i diritti riservati.
Testata registrata presso il Tribunale di Roma, N° 87 del 24/4/2014.
Editore: Associazione Culturale "Pantheon" - Direttore Responsabile: Antonio Parisi
Sede: Via Dora, 2 - 00198 Roma (RM). Telefono: (+39) 06 92593748 - Posta elettronica: info@consulpress.eu