La Rivoluzione Impossibile

Audio presentazione “La rivoluzione impossibile”

Giovedì 10 giugno, nell’ambito degli incontri “Un libro, un autore, tra storia e attualità”, la Fondazione Ugo Spirito ha presentato il volume di Marco Tarchi: La rivoluzione impossibile. Dai campi Hobbit alla Nuova destra (Vallecchi, 2010, pp. 476, € 18,00).

L’incontro è stato introdotto da Giovanni Tassani, che ha sottolineato come la Nuova destra abbia rappresentato per i giovani di destra da un lato il tentativo di rispondere al ’68 della sinistra, dall’altro di superare il neofascismo dei padri, costruendo un progetto culturale e politico che procedesse alla ricerca di nuovo interlocutori oltre il MSI.

Marco Tarchi ha poi sottolineato gli obiettivi del suo libro. Innanzitutto, il desiderio di correggere una visione distorta della destra giovanile degli “anni di piombo”, che fino ad oggi ne ha messo in luce solo il “lato oscuro” basato sulla violenza, considerando priva di interesse la dimensione culturale, che è invece al centro del presente volume. In secondo luogo, Tarchi ha evidenziato come il movimento della Nuova destra non fosse limitato a Roma e Milano, ma abbia coinvolto giovani provenienti da tutta Italia, che proprio nei campi Hobbit trovarono un luogo privilegiato di incontro. Tarchi ha poi proseguito la sua esposizione ricostruendo l’intera parabola della Nuova destra, ponendola a confronto con la Nouvelle Droite francese, analizzandone le possibili ragioni dell’insuccesso ed evidenziandone le differenze rispetto alla Destra nuova di  Gianfranco Fini.

NEL SITO DELLA FONDAZIONE E’ PRESENTE IL FILE AUDIO DELL’INCONTRO DI OLTRE DUE ORE

http://www.igiovedi.fondazionespirito.it/index.asp

Droga: indagato per peculato deputato Udc

“A Palermo, si faceva comprare cocaina”. Operazione con 29 arresti

(ANSA) – PALERMO, 16 GIU – Indagato per peculato il deputato regionale Salvatore Cintola, 68 anni, dell’Udc, per aver mandato l’autista a comprare la cocaina.

Il nome del parlamentare e’ fra i clienti della rete di spacciatori palermitani bloccati la notte scorsa dalla sezione narcotici della Mobile che ha portato all’arresto di 29 persone.

Agli atti dell’indagine ci sarebbero le telefonate fra uno spacciatore e la segretaria di Cintola sull’acquisto di cocaina.  Cintola era già indagato per corruzione.”

Fin qui l’ANSA. Chissà se l’usava “per ragioni terapeutiche dovute allo stress da lavoro” come ebbe ad affermare Emilio Colombo nel 2003 quando due militari della Guardia di Finanza, Russillo e Donno (che facevano parte della sua scorta) furono arrestati per le telefonate che facevano per chiedere, per conto del senatore a vita ma inconsapevolmente, droga a tal Martello.

Vertenza  Pomigliano

Giuseppe Dinarelli rappresentante RSU a Pomigliano d’Arco che aveva rappresentato al Comitato Centrale della FIOM una posizione formalmente diversa da quella poi approvata spiega in questa interessante intervista aI “ Secolo d’Italia” le proprie ragioni che partono dalla consapevolezza di come la “proposta ” FIAT sia tesa a rendere di lunga durata il suo, attuale, potere contrattuale incidendo sul lavoro di tutti i metalmeccanici e non solo di quelli di Pomigliano.

PULIZIA ETNICA

Su you tube alla voce Odsun a vraždenie sudetských Nemcov (máj 1945) sono presenti sconvolgenti filmati relativi alla polizia etnica operata dai cechi nei confronti di civili tedeschi. IL FILMATO E’ PARTICOLARMENTE VIOLENTO
La emittente TV pubblica ceca  proietterà un film documentario intitolato il Giovedi Zabíjení Po česku, o ‘Killings stile Ceca’.  È la prova di una strage operata da milizie ceche. La telecamera segue decine di soldati tedeschi e civili – uomini, donne e bambini – indossando bracciali bianchi essere ammassati lungo una strada alla periferia di Praga da parte delle milizie armate ceche. La scena cambia e si vede una fila di uomini tedesco in piedi sul bordo di un fosso. Poi qualcuno fuori dallo schermo comincia li tiro a caso, uno dopo l’altro. Poi, un’altra parte del filmato mostra un camion militare che esegue sopra i corpi, alcuni dei quali sono presumibilmente ancora in vita.

Il regista del documentario, David Vondráček, dice che questo filmato è la prova unica dei giorni violenti del dopoguerra.

“Circa 40 i tedeschi sono stati presi, a prescindere dalla loro colpevolezza individuale, dalle aree residenziali di Praga – Bubeneč, Ořechovka, e altri, e sono stati internati in un cinema a Bořislavka.

 A Praga cinema sono stati convertiti in campi di internamento per i tedeschi le cui case e gli
appartamenti venivano nel frattempo i saccheggiati. Poi sono stati presi dal cinema e ucciso dal ceco ‘Guardie della Rivoluzione’, con la partecipazione di alcuni soldati sovietici “.

Il filmato è stato girato da un regista dilettante, il 9 maggio, giorno in cui le truppe sovietiche hanno  raggiunto Praga. La sua famiglia in seguito ha mantenuto il film  nascosto per più di 50 anni, poiché le autorità non hanno visto con favore a nessuno in possesso di prove di tali atrocità.

Uccisioni –  Altre parti del documentario ‘stile ceco’ si concentrano sulla uccisione di oltre 1.000 tedeschi nei pressi della città nord della Boemia di Žatec nel giugno 1945, di cui il regista dice che è stato il più grande
omicidio di massa del dopoguerra in Europa fino al massacro di Srebrenica in 1995.

Sessantacinque anni dopo la guerra, l’espulsione di massa di circa tre milioni di tedeschi etnici dalla Cecoslovacchia, e gli omicidi di diverse decine di migliaia di loro nel processo, rimane un punto dolente per molti cechi. Ma lo storico Eduard Stehlik, del Praga Military History Institute dice che  il popolo tedesco non è morto per mano dei cechi.

“Il camion ha un numero ID russo e si può vedere un mazzo di fiori lilla sul cofano, che ha salutato i cechi con i liberatori. Il camion è di traino un carrello o un cannone campo. In primo piano, è possibile vedere un ufficiale sovietico in stivali con la borsa mappa tipici, mentre sullo sfondo è un gruppo di soldati sovietici, che stanno a guardare il camion. Da tutto ciò, suppongo che queste sono state le truppe sovietiche che hanno ucciso un gruppo di civili tedeschi. “

La fossa comune al di fuori dell’ex cinema è ancora lì. gruppi di volontari si stanno preparando a esumare i resti delle vittime, sperando di gettare più luce su uno dei periodi più controversi della storia moderna ceca.

[divider style=”tiny”][/divider]

Totale visite al 15/12/2013: 688

Lascia un commento

© 2013-2020 Consul Press. Testata registrata presso il Tribunale di Roma, N° 87 del 24/4/2014.
Editore: Associazione Culturale "Pantheon" - Direttore Responsabile: Antonio Parisi
Sede: via Tagliamento, 9 - 00198 Roma (RM). Telefono: (+39) 06 92593748 - Posta elettronica: info@consulpress.eu