martedì, 23 Luglio 2019
Agenzia di informazione e approfondimento su tematiche economiche, professionali, aziendali, culturali e di attualità varie

Roma: piovono rami sull’estate romana

Roma, 4 luglio 2019 – «La mancata manutenzione e l’incuria che caratterizzano il governo a cinque stelle continuano a mettere a rischio la sicurezza pubblica. Al punto che i romani non possono neanche pensare di rinfrescarsi dalla calura estiva godendo di un evento storico come quello dell’estate romana, perché rischiano di essere travolti da uno dei tanti alberi privi di cura.

Quello che è avvenuto, nella tarda serata di ieri, alla manifestazione in programma sulle sponde del Tevere e che ha visto coinvolte otto persone, tra cui due bambini, rimaste fortunatamente illese, si sarebbe potuto trasformare in tragedia.
Per fortuna, questo non è accaduto, ma un episodio del genere potrebbe ripetersi nuovamente e con conseguenze ben più serie. E noi possiamo e non vogliamo permetterlo.

L’emergenza rifiuti, le strade killer e ora anche i rami che si staccano e precipitano sulla testa delle persone: questa Giunta, inadeguata, produce solo danni. E’ arrivato il momento che alzi bandiera bianca e se ne vada a casa».

Così Rachele Mussolini, consigliere comunale della lista civica Con Giorgia e Vice Presidente della Commissione Controllo, Garanzia e Trasparenza di Roma Capitale, Federico Rocca, responsabile Enti Locali FdI.

183 Visite totali, 3 visite odierne

Rachele Mussolini, roma

Lascia un commento

Newsletter

Iscriviti al Servizio Newsletter di Consulpress e riceverai via posta elettronica gli ultimi aggiornamenti dalla nostra Agenzia di Stampa.

Archivio Articoli

© 2013-2019 Consul Press. Testata registrata presso il Tribunale di Roma, N° 87 del 24/4/2014.
Editore: Associazione Culturale "Pantheon" - Direttore Responsabile: Antonio Parisi
Sede: via Tagliamento, 9 - 00198 Roma (RM). Telefono: (+39) 06 92593748 - Posta elettronica: info@consulpress.eu

Le statistiche sulle visualizzazioni degli articoli, si riferiscono ad un periodo che inizia da gennaio 2019.