Social Equity ?

Serve equità sociale

Così ha avuto modo di debuttare il nuovo Premier Italiano: “Sen. Prof. Mario Monti”. Sarà proprio lui, colui il quale riuscirà a portare fuori dal pantano verso nuovi anni di benessere l’Italico stivale?. Parafrasando il ben noto Alessandro Manzoni dirò: ”Ai posteri l’ardua sentenza!”, nella speranza (speriamo ardentemente non vana) che la storia lo annoveri meritatamente tra gli altri grandi Padri della Patria.

Ma, un preoccupante dubbio mi assale e mi pervade fin nel più intimo anfratto: sarà mai possibile che un Uomo affermato e ricco come lo è il nuovo premier – Senatore Prof. Mario Monti – possa pensare veramente di “salvare” l’Italia? … Come potrebbe farlo non conoscendo direttamente i veri problemi della base della società Italiana? … E, nel caso, perché dovrebbe farlo? … Forse perché pregno essenzialmente di spirito patriottico?  … E, nel caso lo farebbe senza prendersi un euro? … giacché la prima azione è stata di accettare la nomina di senatore a vita? … A proposito, come mai non si è provveduto a dare la stessa nomina anche ai ministri? …

Il neo Presidente del Consiglio ebbe ad annunciare che sarebbe stato lui a fare il famoso decreto denominato “Lacrime e Sangue”, cosa che ha puntualmente fatto, glielo riconosciamo. Ma sarà sempre possibile che a piangere sangue sia sempre solo e soltanto il popolo Italiano? … Possibile che Pantalone venga chiamato solo e soltanto a rifondere? … Dio non voglia che Pantalone si stanchi !!! – Bhè, perché dico questo? Lo affermo per un motivo ben preciso: dopo la nomina a “Senatore a vita” conferita dal capo dello Stato Napolitano, l’On. Sen. Prof. Mario Monti entra a tutti gli effetti nella “Casta dei Senatori a Vita” gravando in modo incisivo sulla spesa pubblica.

Ecco quanto ci costano i nonni del Senato:

Indennità Senatore€.12.005,95  al mese = €.144.000 annui – Rimborsi per:  €.12.680,00  al mese = €.152.000 annui
Rimborso delle spese di soggiorno€.3500
Contributo per il supporto dell’attività dei senatori€.4.180 al mese da dividere però tra tutti i senatori a vita.
Spese accessorie di viaggio: €.1.650€ al mese.
Viaggi gratis su Autostrade, Treni e … su tutto il territorio Nazionale!

Questo è quello che percepisce, al momento di questo scritto, un Senatore a Vita e che (a detta di alcuni) permette loro a stento di sopravvivere, e se inoltre pensiamo che il Presidente del Consiglio, Sen. Prof. Mario Monti, è il meno anziano di tutti tra i suoi colleghi, possiamo candidamente affermare che almeno lui è al riparo della crisi per lunghi anni (glielo auguriamo di vero cuore) … noi, miseri e tartassati cittadini affatto. Questo accadrà anche nel caso si andasse alle elezioni lui … una poltrona calda e ben stipendiata ce l’ha finché campa … non solo, c’è di più … a detta di autorevoli fonti altamente credibili, si dice che il suo governo di tecnici verrà a gravare nelle tasche degli Italiani circa il doppio di un Governo normale, si passa da un costo di 2 milioni l’anno a ben 4 milioni … e questa sarebbe “equità sociale?”… Al riguardo avrei più perplessità, anzi…

Ps: primo appunto al Governo Monti: ci sono dei Ministri, come Passera (non equivochiamo), che sembra abbia qualche conflitto d’interesse a stari lì, senza contare che il neo ministro Giarda ha già utilizzato l’elicottero dei vigili del fuoco con spese relative a carico del popolo Italiano (nessuno si è sognato di chiamare a rifondere la cifra spesa), il suo collega Clini vorrebbe il nucleare … sembra proprio che in Italia cambiare sia difficilissimo (anche quando il popolo si è espresso con un referendum) … anche questo è un piccolo scandalo all’Italiana. Anche se bazzecole rispetto a quanto è accaduto in altri governi è pure imbarazzante dire: Di fronte ai sacrifici chiesti ai cittadini devono essere ineludibili gli interventi volti a contenere i costi di funzionamento degli organi elettivi e delle cariche elettive. E’ bene tener sempre presente che chi rappresenta le istituzioni ad ogni livello dovrà agire con grande sobrietà e attenzione al contenimento dei costi dando un segnale concreto e immediato. Quando si sa benissimo che grazie al Governo Prodi ed ad una legge assurda il Governo Monti solo di stipendi costerà il doppio di quello appena uscito: costerà infatti €.4.800.000= contro €.2.900.000= ... Ed allora perché non annunciare già domani mattina la rinuncia ai privilegi dei tutti i ministri di questo Governo? Che bella la vita per il governo tecnico!

Ps: Voci di corridoio, ben accreditate, dicono che presto ci sarà anche una tassa sui Cani e sui Gatti … così giusto per non farci mancare nulla! Il tutto alla faccia dell’Equità!

[divider style=”tiny”][/divider]

Totale visite al 15/12/2013: 227

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 − dieci =

© 2023 Consul Press - Tutti i diritti riservati.
Testata registrata presso il Tribunale di Roma, N° 87 del 24/4/2014.
Editore: Associazione Culturale "Pantheon" - Direttore Responsabile: Sveva Marchetti
Sede: Via Dora, 2 - 00198 Roma (RM). Telefono: (+39) 06 92593748 - Posta elettronica: info@consulpress.eu