Tutti al voto

TUTTI AL VOTO  ?  IMMIGRATI ED EXTRA IMMIGRATI

Riteniamo che un immigrato comunitario, ovviamente munito di certificato elettorale può, a buon diritto votare: un diritto sancito e regolato da trattati dell Unione Europea.

Per quanto riguarda tutti gli altri immigrati extraconunitari, per l’ appunto,  è necessario, allo scopo di accedere alle liste elettorali, raggiungere il traguardo della cittadinanza. Chi può dichiarare che la popolazione extracominitaria , in toto, residente, autorizzata o meno, ha il diritto-dovere del voto? Un diritto riconosciuto al cittadino comunitario, per alcune elezioni, ma non è detto che questo diritto possa essere esteso anche ad altri. A questo proposito riportiamo integralmente un comunicato stampa di ANOLF “Associazione Nazionale Oltre Frontiere”

Sede legale e Presidenza:

Via Monte Velino n.63 67051 Avezzano (AQ)

Iscritta con il n° A/14/2000/RM al registro delle associazioni che svolgono attività a favore degli immigrati (art. 54 D.P.R. n° 394/99)

DATECI IL DIRITTO DI ELETTORATO ATTIVO………..

La febbre delle elezioni comincia a sentirsi  dappertutto,  ma quelli che non si preoccupano più del dovuto  sono solo gli immigrati e, in modo particolare, gli extracomunitari i quali possono partecipare solo alle primarie.

In queste consultazioni non si va votare per i programmi che presentano i candidati ma  solo sulla base delle  conoscenze e l’amicizie che ognuno di noi stranieri  ha sul territorio.

Poi la “storia” finisce  e ce ne  torniamo ad essere degli invisibili.  Siamo quelli  che portano solo i problemi,  con il dovere di pagare le tasse e  nessun diritto  di partecipare alla vita pubblica,  essere scelto o scegliere.

Da un po’ di tempo, ci è stata data la possibilità di partecipare  ad alcuni concorsi ma  non possiamo farlo  in quelli dove viene esercitata la potestà  statale, ciò in Magistratura  e nelle forze dell’ordine.  Ma perché non possiamo votare? E’ giusto che un comunitario, che, magari, è presente nel territorio  italiano da soli tre mesi, può votare se è munito solo di una  tesserina elettorale e un immigrato, che ha cinque, otto e dieci anni di residenza in Italia,non può esercitare  questo sacrosanto  diritto?  Un comunitario che non conosce nessuno, che non sa la lingua, che non ha dato niente all’Italia  ha il diritto di votare  e un immigrato che vorrebbe tanto essere parte attiva nella scelta dell’Organismo Amministrativo  dello Stato, anche se vive da tanti anni, non può? Chi ci rappresenta?  Speriamo che qualcuno provvederà a sanare questa situazione proponendo,  magari, che  chi ha una carta di soggiorno potrà  essere cittadino con tutti  i Diritti Fondamentali  riconosciuti  dalla Nazione Italiana. Forse le problematiche si comincerebbero  a risolversi  e la discriminazione  sarebbe meno profonda…… ( Dott.ssa Nusha ZHUBA Mediatrice Culturale A.N.O.L.F.)

foto elvis

Va da se che tutto si puo modificare e adattare alle nuove esigenze demografiche e geografiche.

© 2013-2020 Consul Press. Testata registrata presso il Tribunale di Roma, N° 87 del 24/4/2014.
Editore: Associazione Culturale "Pantheon" - Direttore Responsabile: Antonio Parisi
Sede: via Tagliamento, 9 - 00198 Roma (RM). Telefono: (+39) 06 92593748 - Posta elettronica: info@consulpress.eu