Xylella: una piattaforma  elettronica per individuare le piante infette

I ricercatori dell’Università di Bari e del Cnr, con il contributo di Agritest S.r.l. hanno realizzato una piattaforma elettronica capace di individuare le piante colpite dal batterio della Xylella fastidiosa in tempi molto rapidi.
 Grazie ad un innovativo biosensore elettronico, infatti, si riuscirebbe a rilevare anche il singolo batterio presente sulla pianta, direttamente in campo, il tutto in circa 30 minuti. I risultati della ricerca, pubblicata su  Advanced Science, si mostrano molto interessanti: grazie a questa piattaforma e alla sua rapidità di azione, si potrebbe scoprire il batterio anche prima che i suoi effetti siano riconoscibili, e questo significherebbe riuscire ad intervenire in modo tempestivo sulle piante.

La Xylella fastidiosa è un patogeno batterico delle piante trasmesso da insetti vettori. Esso vive e si riproduce all’interno dell’apparato conduttore della linfa grezza. Questo pericoloso batterio può provocare alterazioni estremamente gravi alla pianta ospite, conducendola talvolta alla morte.

«La rivelazione ultrasensibile di Xylella fastidiosa si è avvalsa fino ad ora di test di rilevamento molecolare, che impiegano come target il DNA del batterio stesso». Spiega Lusia Torsi, vice-presidente del Consiglio scientifico del Cnr, che ha coordinato la ricerca.

«Tali analisi, tuttavia, prevedono l’impiego di infrastrutture di laboratorio, assieme a tempi di analisi di almeno 3 ore. L’innovativa piattaforma elettronica proposta dal team di ricercatori baresi consentirebbe invece la rivelazione del singolo    batterio in appena 30 minuti direttamente in campo».

Lusia Torsi sottolinea anche come i metodi “classici” di laboratorio siano caratterizzati da alcuni limiti importanti, come «la necessità di dover ricorrere a personale specializzato e l’impiego di strumentazioni complesse».

Il biosensore elettronico appare dunque estremamente innovativo anche su questo aspetto poiché permette di effettuare «un’analisi accurata, veloce e ultrasensibile» e dunque «rappresenta uno strumento potentissimo contro la diffusione di Xylella fastidiosa».

 

 

 

 

Cnr, Xylella, Xylella fastidiosa

Lascia un commento

© 2022 Consul Press - Tutti i diritti riservati.
Testata registrata presso il Tribunale di Roma, N° 87 del 24/4/2014.
Editore: Associazione Culturale "Pantheon" - Direttore Responsabile: Sveva Marchetti
Sede: Via Dora, 2 - 00198 Roma (RM). Telefono: (+39) 06 92593748 - Posta elettronica: info@consulpress.eu