• Home
  • Rubriche
  • In Evidenza
  • Altamedica, con un suo studio, dimostra come
    “il rischio di contagio” nei ristoranti sia basso

Altamedica, con un suo studio, dimostra come
“il rischio di contagio” nei ristoranti sia basso

LO  STUDIO EFFETTUATO DA  ALTAMEDICA
  CONFERMATO DALLE  DICHIARAZIONI 
DEL DIRETTORE SCIENTIFICO CLAUDIO GIORLANDINO 
 
di ELISA ERRIU via dissapore.com (*1)
 

Da quanto è emerso dallo studio condotto dal centro Altamedica di Roma, posto all’attenzione del prestigioso giornale di settore, il Journal of Medical Virology, esistono prove scientifiche per affermare che palestre, bar, ristoranti, cinema e teatri non rappresentino l’ambiente di diffusione del Covid-19.

Lo scopo del nostro studio osservazionale retrospettivo era valutare il rischio ambientale per la diffusione dell’infezione correlata alle suddette attività ricreative (cinema, teatri, palestre e ristoranti)“, spiega il direttore scientifico di Altamedica, Claudio Giorlandino: “Abbiamo analizzato 5100 tamponi, di cui 4844 negativi e 256 positivi al test antigene diretto. Nel presente studio, abbiamo interrogato 256 soggetti positivi al Sars-Cov-2, ma soltanto 226 hanno rilasciato il consenso di rispondere al questionario. Tra queste persone, il 95% non è andato al cinema o al teatro, il 92% non è andato in palestra e pure il 93% non è andato nei ristoranti.“ 

 

tabella studio di Altamedica 1
In questa tabella dello studio di Altamedica, viene dimostrata la percentuale dei soggetti positivi che hanno frequentato i ristoranti nei 14 giorni prima di scoprire la positività al virus.
tabella Altamedica studio 2

 

Dato che la durata della positività generalmente sembra essere di 14 giorni per le persone asintomatiche e anche di più per i pazienti sintomatici, è stato chiesto ai soggetti se nei 14 giorni prima del riscontro della positività al virus, fossero andati nei luoghi citati e con quale frequenza. Se tali osservazioni che per primi abbiamo dimostrato con questo nuovo studio, venissero confermate da altri studi e ricerche non vi sarebbe alcuna ragione di limitare tali attività, visto che l’infezione dal Coronavirus si è verificata raramente nel sistema ambientale considerato“, conclude il direttore scientifico.

***** ***** ***** 

Dopo quanto sopra pubblicato – riportando un intervento di Elisa Erriu da “Dissapori” – si desidera evidenziare alcune specificità di eccellenza del Centro Altamedica, presente in Roma e in Milano.

# La professionalità dei suoi Specialisti, i quali hanno tutti acquisito una esperienza internazionale nella propria branca, vantano al loro attivo  partecipazioni a congressi nazionali ed internazionali, in qualità di discenti e relatori.. Gli stessi Specialisti sono altresì autori di centinaia di pubblicazioni scientifiche e seguono un  loro costante e continuo aggiornamento realizzato all’interno della struttura stessa

# Attenzione al Paziente, in quanto fulcro dell’ attività dei collaboratori, medici e specialisti che operano  presso il Centro Altamedica è il soddisfacimento del bisogno di salute dei nostri pazienti che vengono seguiti a 360° tramite approfondimenti diagnostici, clinici e chirurgici riducendo del tutto il rischio clinico.

# Alta tecnologia, disponendo il Centro Altamedica delle più avanzate tecnologie sia in ambito laboratoristico che diagnostico; il “fiore all’occhiello” è rappresentato da un innovativo laboratorio di Genetica ed un servizio di PMA (fecondazione medicalmente assistita) tra i più avanzati in Italia.

 

 

 

 

 

Lascia un commento

© 2013-2020 Consul Press. Testata registrata presso il Tribunale di Roma, N° 87 del 24/4/2014.
Editore: Associazione Culturale "Pantheon" - Direttore Responsabile: Antonio Parisi
Sede: via Tagliamento, 9 - 00198 Roma (RM). Telefono: (+39) 06 92593748 - Posta elettronica: info@consulpress.eu