Cos’è upcycling? Quali sono le sue origini?

Il termine upcycling è apparso per la prima volta negli anni 90. La sua traduzione letterale è: Riciclare dall’alto . La parola fu usata per la prima volta da un ex ingegnere tedesco Reiner Plitz, che divenne un designer di interni.

L’upcycling si sta sviluppando sempre di più oggi. Perché? Perché la tutela del l’ambiente è un argomento che è sempre più presente nella mente dei consumatori. Oggi molte persone cercano soluzioni per ridurre gli sprechi e realizzare risparmi energetici .

Se l’upcycling è più conosciuto nel mondo della moda, è perché si dice che la moda sia la seconda industria più inquinante al mondo. Ogni anno vengono prodotti più di 140 miliardi di capi di abbigliamento .

Quali sono le sue caratteristiche?

L’upcycling consiste nella trasformazione di un prodotto per dargli una seconda vita. L’upcycling può riguardare diversi settori come l’ abbigliamento (più in generale i tessuti ), la decorazione o anche i gioielli.

Esempio di upcycling:

Ad esempio, nella decorazione, questo può essere il recupero di pallet che erano principalmente utilizzati per immagazzinare merci, per usarli come testate, librerie o scaffali.

Quali sono le differenze con il riciclaggio?

L’idea di base è la stessa: riutilizzare i prodotti per dare loro nuova vita. Ma allora qual è la differenza ? L’obiettivo dell’upcycling è dare una nuova vita al prodotto, fornendogli qualità e valore aggiunto. L’uso del prodotto creato sarà, nella maggior parte dei casi, lontano dal suo uso di base.

 Un metodo adottato su scala industriale?

Mentre l’upcycling è per lo più conosciuto e praticato da individui, questo concetto sta iniziando a svilupparsi a livello di marchio. È sempre più apprezzato e potrebbe benissimo fare un posto rapidamente a livello industriale.

Marchi di abbigliamento

Questo è già il caso dell’alta moda, con alcuni marchi che hanno adottato l’upcycling. I consumatori sono sempre più alla ricerca di marchi eco-responsabili, e questo, il marchio francese Marine Serre lo ha capito. Questa designer basa le sue collezioni sui tessuti che riutilizza.

Ma non è solo l’alta moda a interessarsi all’upcycling. Sempre più marchi di moda eco-responsabili compaiono sul mercato. Questo è ad esempio il caso del marchio Les Recuperabili . L’idea per il marchio è nata da un’osservazione del suo creatore: Anaïs Dautais Warmel, che nota le centinaia di kg di tessuti persi ogni giorno, a causa del Fast Fashion. Il principio del marchio è il seguente: vestiti realizzati secondo il principio dell’upcycling, 100% made in France.

Alcuni sondaggi hanno rilevato che ad esempio durante la pandemia, il 28% delle persone ha riciclato gli abiti e le statistiche hanno evidenziato, complice il lungo lockdown, un’impennata negli acquisti on-line.

Marchi di decorazione

Non è solo l’industria tessile a fare l’upcycling. Anche la decorazione risente di questo fenomeno.

Il marchio Septembers trasforma le tue bottiglie di vino in oggetti di decorazione e mira a ridurre i rifiuti prodotti durante il riciclaggio del vetro.

Sapere!

Il riciclaggio del vetro si traduce nella creazione di CO2. Ci sono tra 300 e 500 grammi di CO2 prodotti per il riciclaggio di una kg di vetro.

Ma non è tutto, il marchio Extramuros offrirà, ad esempio, ai suoi clienti, piuttosto alle aziende, la realizzazione di mobili su misura. La base di questo mobile? Il legno che l’azienda ha recuperato nei cantieri o nei siti di raccolta differenziata.

upcycling vestiti

Cosa cambia in termini di energia?Risparmia energia

Il vantaggio principale che si può notare parlando di upcycling è ovviamente il risparmio energetico che consente.

Riduzione dei rifiuti
Un’osservazione innegabile che si può fare con l’upcycling è che consente una netta riduzione dei rifiuti. I materiali che avrebbero dovuto essere scartati vengono riutilizzati per creare altri prodotti. L’idea di riqualificare i materiali consente di non escluderne alcuni e di tenerli tutti in considerazione.

Se prendiamo l’esempio dell’industria tessile, in Italia ogni anno vengono distrutte decine di migliaia di tonnellate di materiali tessili.

Risparmio idrico
I rifiuti non sono l’unico fattore da considerare quando si parla di upcycling. In generale, grandi quantità di produzione trovate nell’industria consumano molta acqua .

Se riprendiamo l’esempio dell’industria tessile, la produzione di abbigliamento richiede una quantità d’acqua molto elevata . Si stima che circa il 4% la percentuale di acqua utilizzata nella produzione di abbigliamento in un anno.

Lo sapevate ?

Occorrono 1350 litri di acqua per produrre un paio di calzini in cotone da 60 g.

Risparmio di materie prime
Non sorprendentemente, l’upcycling permette di realizzare un risparmio di materie prime. Poiché le risorse vengono costantemente riutilizzate per creare altri prodotti, non sono più necessari nuovi materiali per creare nuovi prodotti.

Risparmio di elettricità
L’elettricità è anche una risorsa molto richiesta per la produzione di abbigliamento. Inevitabilmente, c’è bisogno di elettricità per accendere tutte le fabbriche di produzione di tessuti ed è per questo che molte aziende puntano a raggiungere l’efficienza energetica.

Con l’upcycling, l’intero processo di produzione dei prodotti è inesistente. Possiamo ancora vedere una differenza con il riciclaggio: il processo di upcycling è molto meno dispendioso in termini di energia, poiché non vi è alcun consumo energetico aggiuntivo per creare nuovi materiali.

Cosa cambierebbe se tutte le industrie eseguissero l’upcycling

Fermiamoci un attimo e proviamo a immaginare le conseguenze che avrebbe se tutte le grandi industrie della moda avessero iniziato l’upcycling. Il consumo eccessivo non esiste più. Sarebbe un risparmio energetico inimmaginabile che si otterrebbe ogni anno.

Se Fast Fashion fosse sostituito dai marchi attraverso l’upcycling, si otterrebbero risparmi significativi in acqua, elettricità e materie prime . Anche lo spreco sarebbe notevolmente ridotto , poiché non getteremmo più un prodotto non appena fosse inutilizzabile, lo riprenderemmo per crearne uno nuovo.

Redactor

Scritto da Enrica Amato via Csttaranto.it