Cristoforo Colombo, personaggio sgradito
…..un mito da abbattere

Colpire le Statue Sgradite è voler cancellare la Storia 
L’azione teppistica di gruppi contro Statue che rappresentano Personaggi  entrati nella Storia. Imbrattata di rosso la statua di Cristoforo Colombo negli U.S.A.

di Egidio Maria Eleuteri

In questi giorni in varie parti del mondo vi sono imbrattamenti ed alcuni  abbattimenti di statue che raffigurano le persone che hanno fatto la storia. Questi atti sono cialtroneschi tentativi non tanto di cambiare la storia, perchè quella che è stata è scritta nella roccia del tempo, ma un palese modo per poter influire sui giudizi meritocratici..
Sono azioni  svolte, purtroppo, sotto la copertura del politicamente corretto.  Nella realtà sono tentativi di tipo squadrista per  intimidire coloro che sono unicamente liberi pensatori e  difensori della meritocrazia.

Mi spiego meglio, queste azioni sono  un sudicio, losco, inaccettabile, grottesco tentativo per permettere ai perdenti, agli incapaci e ai modesti – una misera  massa di  pseudo intellettuali – di poter emergere. Costoro, con  la scusa del razzismo, vogliono poter indicare quelli (unicamente per loro) che sono  i migliori. Negli Usa è stato cancellato da un catalogo il celebre film “Via col Vento” perché raccontava la verità (dell’epoca) in alcuni Stati del profondo Sud.
Risultato: Amazon che non lo ha depennato ha aumentato enormemente  le vendite.

Questo ignobile modo  di voler cancellare la storia, da Colombo ad altri, (poveretti se non c’era Colombo, forse non c’era l’America) serve unicamente  per poter dire non hanno dato l’Oscar ad afroamericano perché di colore, quindi sono razzisti. Non hanno acquisito una scultura (ignobile) perché di un non bianco. Si vuole unicamente  premiare, esaltare, valorizzare  non la capacità, non la professionalità, non la superiorità culturale di questo di quello, ma si vuole porre su un piedistallo unicamente la mediocrità.

Che cosa succede  se un arbitro durante una partita di  calcio  espelle, per comportamento scorretto, un giocatore di colore (non faccio nomi); diventa, sicuramente,un fascio razzista. Così può succedere  in ogni caso  culturale. Non mi hanno pubblicato un mio libro (meraviglioso) perchè sono differentemente bianco.

Se si accetta di cancellare la storia, distruggiamo allora  tutti grattacieli in America perché costruiti da ingegneri bianchi e così leviamo dai musei tutti gli artisti che hanno immortalato nelle loro opere momenti del quotidiano in cui si vedono i nativi, scalzi, umili, semplici ecc.  Ogni tanto si cerca di dimostrare che grandi geni come Leonardo, Raffaelllo, Michelangelo erano sodomiti e che nelle loro opere dipingevano i loro legami,
Se la scelta di vita anche sentimentale e di produzione intellettuale é unicamente personale, è più che giusto accettarla.  L’importante é non tramutare il lavoro di un genio in una povera  vittima del conformismo borghese.

Ma se continua questo andazzo, peraltro appoggiata anche da alcuni religiosi, può anche essere  giusto abbattere le Chiese, dato che la maggioranza di esse è stata costruita sulle magioni dei patrizi romani.
Dobbiamo tornare indietro, non più palazzi e comode abitazioni, quasi sempre costruite da razzisti ma tutto deve  essere abbattuto e sostituito da “tucul “ che sono la giusta e rispettosa  scelta dei nativi è così via.
Via dai musei le opere dei grandi Maestri che mostravano la povera vita degli indigeni, mettiamo solo tele con i simboli della pace, ma senza il colore nero ed il verde perchè ricordano i fascio leghisti.

***** *** ******

Questo intervento del Prof. Egidio Maria Eleuteri – qui pubblicato per gentile concessione dell’ autore e da noi completamente condiviso – è già apparso anche su “Gli Italiani”, altro quotidiano online delle Edizioni Pagine. 

Cristoforo Colombo, America, politicamente corretto, Via col Vento

Lascia un commento

© 2013-2020 Consul Press. Testata registrata presso il Tribunale di Roma, N° 87 del 24/4/2014.
Editore: Associazione Culturale "Pantheon" - Direttore Responsabile: Antonio Parisi
Sede: via Tagliamento, 9 - 00198 Roma (RM). Telefono: (+39) 06 92593748 - Posta elettronica: info@consulpress.eu