Gabrielle Chanel ed il cinema

Nato come nuova arte nel XX secolo, il cinema ha intrecciato un legame molto stretto con Gabrielle Chanel e la sua straordinaria carriera, in un dialogo creativo continuo, dove la grande sarta subì il fascino della cosiddetta settima arte, ed questa, a sua volta porta ancora oggi l’impronta del suo passaggio. Un nuovo video della maison online sul sito di Chanel, ricostruisce il legame tra l’iconica couturier e la magia del grande schermo. Poco più di dieci anni separano la nascita di Gabrielle Chanel nel 1883 da quella del cinema, avvenuta nel 1895, una vicinanza anagrafica profetica per questi due rivoluzionari che vennero al mondo alla fine del XIX secolo.

Gabrielle era ancora una bambina quando il cinema scatenò una rivoluzione senza precedenti nel panorama artistico dell’epoca, mettendo in “movimento” le immagini. Nel frattempo lei era diventata una sarta e fu questo “movimento” che volle mettere al centro del suo stile per liberare il corpo femminile e dare ritmo alle silhouette. La sua intuizione le permise di comprendere l’importanza del cinema, del nuovo mezzo artistico che avrebbe segnato la cultura del XX secolo. Coco riconobbe la necessità di unire moda e cinema: “È attraverso il cinema che la moda può essere imposta oggi”, affermò nel 1931, consapevole dei suoi poteri di diffusione e della visibilità che forniva a un vasto pubblico. Nello stesso anno il magnate della United Artists, Samuel Goldwyn, chiese a Gabrielle Chanel di vestire le sue attrici. In Tonight or Never (1931) Gloria Swanson indossava un guardaroba creato da Chanel. Una bottiglia di profumo N°5 scivolò persino nell’arredamento come per rivelare il concetto globale di Chanel del fascino femminile. Venne criticata.

Rifiutando di scendere a compromessi, ad un certo punto Coco scelse di sbattere la porta di Hollywood, che però le aveva lasciato un acuto senso della fotogenia che le permetteva di padroneggiare l’arte di scegliere un taglio o un tessuto per le sue silhouette e di catturare la luce. Il costume e la moda ora formavano l’architettura di una scena. Così Coco chiese al futuro regista, Robert Bresson, di fotografare la sua collezione di gioielli Bijoux de Diamants (1932). Il senso unico dell’inquadratura e della luce di Bresson non le era sfuggito.

Tra Gabrielle Chanel e questa nuova generazione di registi e attrici, il dialogo artistico è stato fruttuoso. Coco vestì Anna Karina e Visconti le consegnò Romy Schneider che apparve sullo schermo in Boccaccio ’70 (1962), immersa nell’universo Chanel presente in ogni scena: dall’abito alla borsa trapuntata, dai gioielli di perle, alle scarpe bicolore al profumo N°5. Altre dive che hanno vestito Chanel sul grande schermo sono Elizabeth Taylor e Jane Fonda.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Copyright © 2020 ANSA.

Lascia un commento

© 2013-2020 Consul Press. Testata registrata presso il Tribunale di Roma, N° 87 del 24/4/2014.
Editore: Associazione Culturale "Pantheon" - Direttore Responsabile: Antonio Parisi
Sede: via Tagliamento, 9 - 00198 Roma (RM). Telefono: (+39) 06 92593748 - Posta elettronica: info@consulpress.eu