• Home
  • Rubriche
  • Lifestyle
  • Guccifest – la nuova collezione di Alessandro Michele lunga come un film
    il primo episodio At Home

Guccifest – la nuova collezione di Alessandro Michele lunga come un film
il primo episodio At Home

 
L’oscurità mi ha permesso di vedere altre cose” tra cui quelle “lucciole che Pier Paolo Pasolini credeva scomparse ma che ci sono: io in un momento di buio ne ho viste tante”: così Alessandro Michele, direttore creativo di Gucci, spiega come è nato il Guccifest, la settimana di appuntamenti online – dal 16 al 22 novembre – in cui viene presentato Ouverture of something that never ended, il film in sette episodi – girato a Roma insieme a Gus Van Sant – che racchiude la nuova collezione.

                                                                                                                   

Tutto è nato dai pensieri maturati durante il lockdown, affidati al tempo allo scritto Appunti dal silenzio, in cui Michele raccontava di voler uscire dai ritmi fagocitanti della moda, compresa la stagionalità delle presentazioni. Ed ecco, dunque, l’idea del festival, inteso come una festa, con invitati alcuni giovani designer scelti dallo stesso Michele, e come risposta alla promessa fatta negli scorsi mesi “di ritrovarci un po’ cambiati, raccontati in modo diverso”. A partire dalla dimensione temporale del racconto: non più i 10 minuti dello show, dove si concentra il lavoro di mesi, ma una serie a episodi, ognuno dei quali senza una trama apparente, per rendere giustizia al “tempo sospeso che abbiamo vissuto in questi mesi“.

Un tempo in cui a Michele è accaduto di prendere coscienza del “succedere di questa vita“, di indagare quell’inconsistenza del quotidiano che – è il suo pensiero – trattiene la bellezza e rende il nostro vivere pieno di senso. In questo senso, non poteva esserci regista migliore di Gus Van Sant, con i suoi “vuoti riempiti di poesia” per diventare “apprendista stregone” e scoprire che il vero lusso è “mandare la vita al ralenti”.
Così, nel primo episodio della serie girata a Roma, At home, la protagonista – l’attrice e performer Silvia Calderoni – vaga per casa apparentemente senza senso, facendo yoga, scegliendo vestiti, accogliendo amici, ascoltando qualcuno che parla alla televisione. È lo scrittore e attivista spagnolo Paul B. Preciado, che dallo schermo si rivolge direttamente a lei, per raccontarle che ci sarà una “rivoluzione sull’amore”, fatta da “dissidenti del regime del sesso”. Un concetto caro ad Alessandro Michele, per il quale “siamo tutti in transizione, stiamo tutti scoprendo cos’è questa umanità, siamo tutti dissidenti senza bombe perché pensiamo in modo autonomo”. E da questi pensieri nascono quegli “incontri impossibili” che – riflette il designer – sono la cifra del suo lavoro, che faccia moda o cinema: “contagi improbabili” li chiama lui, pensando a Preciado che esce dalla televisione per dire che questo è il tempo dove i “mostri stanno prendendo parola”, ma anche ai vestiti “scappati dalle passerelle” per diventare costumi di scena e poi, una volta indossati, abiti veri, in un corto circuito dove lui stesso – racconta – non li riconosceva più, perché erano diventati parte del vissuto di qualcun altro.

Tutine di pizzo per fare yoga, tuniche da sera luccicanti indossate in casa, abiti floreali esposti alla finestra e lasciati andare al vento, mentre si guarda con un sorriso il mondo che scorre, comunque, lì fuori. Un mondo dove Silvia, nelle puntate successive, andando in giro per Roma incontrerà altri artisti vicini alla maison come Harry Styles e Billie Eilish.

via ANSA.

guccifest

Lascia un commento

© 2013-2020 Consul Press. Testata registrata presso il Tribunale di Roma, N° 87 del 24/4/2014.
Editore: Associazione Culturale "Pantheon" - Direttore Responsabile: Antonio Parisi
Sede: via Tagliamento, 9 - 00198 Roma (RM). Telefono: (+39) 06 92593748 - Posta elettronica: info@consulpress.eu