• Home
  • Rubriche
  • In Evidenza
  • La magistrale implementazione della teoria dei giochi. Usare il Consiglio di Sicurezza per distruggere il Consiglio di Sicurezza?
Alī Ḥoseynī Khāmeneī

La magistrale implementazione della teoria dei giochi. Usare il Consiglio di Sicurezza per distruggere il Consiglio di Sicurezza?

Per una pluralità d’informazione nel Mondo attuale, il comunicato di Mohammad Javad Zarif – Ministro degli Affari Esteri della Repubblica islamica dell’Iran, consente riflessioni sulla nostra attuale Italia, e su aspetti importanti della stabilità e della pace nel mondo. L’Italia per posizione geo-strategica dovrebbe mantenere la stella polare di una politica dinamica e progressiva. Italia che appare senza sfera di influenza geo-politica, difesa dei propri confini, di interessi strategici e tattici o semplice difesa e implementazione del Made in Italy. Un paradigma però è cambiato.                                  

Raffaele Panico

Quel riferimento a “la teoria dei giochi” fa riflettere. John Nash, uno dei teorici, sembra scorgere legami con “Il Principe” di Niccolò Macchiavelli ed è qui che passa la riflessione. L’Italia non è la repubblica iniziata dalle ceneri del Regno d’Italia tra il 1943 e il 1946 con il referendum Monarchia o Repubblica. L’Italia ha millenni a “ben pensare” di visione del Mondo. Al tempo di Machiavelli l’Italia è più Stati che “giocano su più tavoli” in uno spazio geo-politico molto complesso e variegato di Stati pre-unitari, estesi ben oltre i confini geografici o confini post 1945. Là dove si vuol vedere lo Sbarco degli Americani e Alleati in Sicilia nel luglio 1943 quasi come inizio della nuova Italia, post tragedia Seconda guerra mondiale, quella sporca guerra che in termini di distruzione dell’Italia non si vedeva dai tempi delle guerre tra il Regno romano-barbarico dei Goti e l’Impero bizantino o Romano d’Oriente. Era di già il teatro dei giochi più che il campo de “la teoria dei giochi”, senza alcun legame e riferimenti alla Mafia che forse sì, si impossessa del Belpaese, ma solo tornando dal Nuovo Mondo all’Antico piccolo Mondo, dall’America alla Sicilia.
Con l’autorità, dal basso, tanto dei cittadini dello Stato italiano e di ricercatori qualificati e grazie ad una esperienza di vita, più che secolare, anche il popolo italiano vuole stare nella condizione di tornare ad essere considerata, l’Italia, come la Patria di Machiavelli. Tra la fine Ottocento e tra i due conflitti mondiali l’Italia Unita era sì il Paese di Machiavelli, ma non il paese dei furbetti o “Paese delle mafie” dove si sperimentano i giochi di potere. I fondamentali di questa missione nascono da situazioni meccanicistiche per cui alcuni individui, eventi e processi corruttivi si verificano quasi spontaneamente, a cagione di una storia criminogena che già era in essere in aree interessate ai fatti di corruzione e solo grazie alla globalizzazione si de-storicizza e de-regolarizza in un mercato senza regole, divenendo prezioso bottino per le teorie o la teoria dei giochi sulla pelle di persone e di popoli. 

R. Panico 

Comunicato   

[…] Con l’apertura di questo vaso di Pandora e con compiacenza da parte di alcuni governi nazionali, non è difficile immaginare un futuro in cui cittadini comuni e imprese private allo stesso modo possano trovarsi a dover fare i conti con l’applicazione extraterritoriale di molteplici e crescenti serie delle leggi nazionali – debilitando i viaggi internazionali, il commercio e gli investimenti in un passo indietro per il nostro mondo globalizzato…

Mohammad Javad Zarif *

“Quello che noi in Iran […] per l’obiettivo di un regime di sanzioni feroce e indiscriminato – abbiamo visto dall’attuale amministrazione statunitense è abbastanza semplice: non c’è una grande visione per una comunità globale alternativa. La volubilità e l’imprevedibilità degli Stati Uniti non hanno nulla a che fare con la magistrale implementazione della teoria dei giochi. Piuttosto che si tratti della sua cattiva gestione del Covid-19 in patria o del suo indebolimento della pace e della stabilità all’estero, l’attuale regime di Washington non ha alcun piano reale se non quello di attaccare frontalmente coloro che rispettano lo stato di diritto. La gestione da parte degli Stati Uniti della risoluzione 2231 del Consiglio di sicurezza dell’Onu, che ha approvato – ed è inseparabile da – il Piano d’azione globale congiunto, comunemente noto come accordo nucleare iraniano, è un esempio calzante.

Nel luglio 2015, Iran, Stati Uniti, Russia, Cina, Gran Bretagna, Francia e Germania hanno firmato un accordo storico per soddisfare qualsiasi preoccupazione sulla natura esclusivamente pacifica del nostro programma nucleare, sollevando il popolo iraniano da sanzioni inumane e ingiuste. Come parte del Jcpoa, gli Stati Uniti e altri firmatari hanno anche co-sponsorizzato congiuntamente la Risoluzione 2231 del Consiglio di sicurezza dell’Onu, che abbraccia l’accordo nucleare – e alla quale sono allegate le sue 90 pagine complete, sancendo così l’accordo nel diritto internazionale. 

Tuttavia, nel maggio del 2018 l’amministrazione statunitense ha dichiarato di aver optato unilateralmente per la “cessazione della partecipazione” al Pacg. Da allora, l’Iran e il resto della comunità internazionale sono stati lasciati nella straordinaria posizione di guardare gli Stati Uniti diventare il primo governo nella storia delle Nazioni Unite che non solo viola una risoluzione vincolante da essa stessa sponsorizzata, ma punisce anche quei governi e le società che rispettano il diritto internazionale attuando le sue disposizioni. Come ho avvertito il Consiglio di sicurezza il mese scorso, questo status quo non è né desiderabile né sostenibile. Siamo quindi a un bivio.

La campagna di disinformazione dell’amministrazione statunitense – comprese affermazioni false e contraffatte riguardanti un consenso regionale – sulle conseguenze dei restanti firmatari del Jcpoa che confermano le disposizioni dell’accordo – inclusa la normalizzazione della cooperazione di difesa dell’Iran con il mondo in ottobre – è uno stratagemma per mascherare la sua reale, motivazioni più malevoli: non essere riusciti a far crollare la Risoluzione 2231 dopo oltre due anni della più brutale “massima pressione” mai imposta a una nazione, inclusa la privazione agli iraniani ordinari dell’accesso a medicinali e attrezzature mediche in mezzo alla pandemia più mortale che il mondo abbia visto in molti decenni. Gli Stati Uniti sperano ora di abusare della loro cattiva interpretazione delle disposizioni della stessa risoluzione che hanno abbandonato nel 2018 per distruggerla definitivamente. Questo comportamento profondamente dannoso degli Stati Uniti è evidente all’Onu.

Ci sono diversi problemi chiave e conseguenze da considerare in questa equazione.

Prima di tutto, ci si potrebbe chiedere perché o come il crollo di un’unica risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite su un argomento di nicchia sia correlato al quadro più ampio. Lo fa, perché in particolare sarebbe una battuta d’arresto generazionale per la causa del multilateralismo se il Consiglio di sicurezza fosse costretto a silurare la sua stessa risoluzione. A meno che tutti i poteri non rispettino i principi per i quali il Consiglio è stato creato, non può svolgere i propri doveri, né alcuna nazione può riconoscerne l’autorità.

Non dovremmo dimenticare che lo stesso regime statunitense si è faziosamente ritirato anche dall’Oms in mezzo alla peggiore pandemia globale, ma ora cerca di guidare il processo di riforma dell’Oms, con dispiacere dei suoi più stretti alleati occidentali.

Se agli Stati Uniti sarà permesso di continuare su questa strada, il mondo scivolerà all’indietro verso uno standard del “potere che fa bene”. E sebbene questo possa sembrare allettante per i Cold Warriors alla ricerca di nuovi obiettivi, anche quello standard ha i suoi limiti. Entrambe le superpotenze del secolo scorso hanno assistito al disfacimento della loro influenza internazionale nella sconfitta militare in Afghanistan, un Paese con un Pil che è 14 volte inferiore alle entrate annuali di Apple Inc.

Abbiamo anche visto negli anni passati come l’amministrazione statunitense, parallelamente al suo assalto alle istituzioni e agli accordi internazionali, abbia cercato di soppiantare il diritto internazionale con le proprie leggi nazionali. In pratica, questo ha significato che ora è il Tesoro degli Stati Uniti e non i governi nazionali europei a decidere con chi le aziende europee possono fare affari, sia che si tratti della risoluzione 2231 o della propria ancora di salvezza del gas North Stream.

Anche se finora sono stati principalmente gli Stati Uniti a cercare di espandere la giurisdizione delle loro leggi nazionali, nulla suggerisce che manterranno il monopolio su di essi. Con l’apertura di questo vaso di Pandora e con compiacenza da parte di alcuni governi nazionali, non è difficile immaginare un futuro in cui cittadini comuni e imprese private allo stesso modo possano trovarsi a dover fare i conti con l’applicazione extraterritoriale di molteplici e crescenti serie delle leggi nazionali – debilitando i viaggi internazionali, il commercio e gli investimenti in un passo indietro per il nostro mondo globalizzato.

Pertanto, la comunità internazionale in generale, e il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite in particolare, si trova di fronte a una decisione importante: manteniamo il rispetto per lo stato di diritto o torniamo alla legge della giungla?

Sebbene l’Iran abbia dimostrato la sua resilienza e la sua risposta decisiva al bullismo coercitivo, sono fiducioso che, nelle prossime settimane e mesi critici, i membri del Consiglio di sicurezza confuteranno la lotta elettorale di un’amministrazione statunitense assediata per trasformare quello che è stato il risultato diplomatico del XXI secolo in un esercizio di futilità, e nel processo annientare ciò che resta del multilateralismo e del diritto internazionale”.

IN COPERTINA Alī Ḥoseynī Khāmeneī
FOTO CINE-ARCHIVIO DELL’AUTORE GIUGNO DEL 2005  

Italia, Ministro degli Affari Esteri della Repubblica islamica dell'Iran, risoluzione 2231 del Consiglio di sicurezza dell'Onu, Mohammad Javad Zarif, Iran, Machiavelli, machiavellismo, teoria dei giochi

Lascia un commento

© 2013-2020 Consul Press. Testata registrata presso il Tribunale di Roma, N° 87 del 24/4/2014.
Editore: Associazione Culturale "Pantheon" - Direttore Responsabile: Antonio Parisi
Sede: via Tagliamento, 9 - 00198 Roma (RM). Telefono: (+39) 06 92593748 - Posta elettronica: info@consulpress.eu