La Strage di Mogadiscio …..11 gennaio 1948

IN RICORDO DEL LXXII° ANNIVERSARIO 

In Roma, presso il Sacrario del Perpetuo Suffragio (*1) a piazza Salerno, sabato 11 gennaio 2020, alle ore 11.00 , avrà inizio la Celebrazione Eucaristica nel 72.mo anniversario dell’eccidio di Italiani e di Somali.
Una benedizione alla lapide posta a Memoria dell’evento al termine e interventi di autorità civili e militari, con la partecipazione alla Santa Eucarestia del “Coro Polifonico Salvo d’Acquisto”. Alla Cerimonia sarà altresì  presente una delegazione dell’ A.N.R.R.A – Associazione Nazionale Reduci e Rimpatriati d’Africa, Sezione di Roma. 

una nota di Raffaele Panico

L’eccidio avvenne a Mogadiscio. Nei primi giorni del mese di gennaio 1948 doveva giungere una Commissione dell’ONU, la “Commissione Quadripartita” composta dai membri delle potenze vincitrici del secondo conflitto mondiale. La Delegazione aveva mandato di verificare che l’ex colonia italiana potesse essere posta sotto l’Amministrazione fiduciaria italiana della Somalia, e giungere all’indipendenza nel giro di alcuni anni.
Cosa che avvenne con ottimi risultati e la Repubblica italiana con 6 mesi di anticipo terminò ai primi del 1960 tale mandato lasciando un Paese in ordine.
La Somalia italiana veniva, occorre sottolineare, ben Amministrata e i somali ne erano riconoscenti, molti erano arruolati nel corpo PAI Polizia Africa Italiana e prestavano servizio nella stessa Roma anche negli anni Quaranta durante la guerra.
Al contrario, nella Somaliland – territorio della colonia inglese somala, con la fine dell’AOI nel 1941 l’amministrazione britannica aveva avuto mano libera di creare sentimenti antitaliani. Difatti erano persino entusiasti di un ritorno all’Italia, sentimento dimostrato con manifestazioni di piazza in occasione dell’arrivo della suddetta “Commissione Onu quadripartita”.

In quel tempo gli americani erano favorevoli che l’Italia post fascista, già espressasi col referendum per la Repubblica 2 giugno 1946, mantenesse per un interesse geopolitico “condiviso” quelle province oramai, non più colonie pre-fasciste, quali la Somalia, l’Eritrea e la Libia. Il fermo rifiuto britannico operò sulla parte somala affinché i rappresentanti ONU venissero accolti con manifestazioni di protesta. E così avvenne.
Venne organizzata una manifestazione anti-italiana la domenica dell’11 gennaio dalla SVL – Lega dei Giovani Somali, formata da gruppi arrivati dalle ex aree inglesi. La “Lega dei Giovani Somali” era un gruppo sorto a Mogadiscio, capitale della Somalia italiana, nel 1943 “grazie” alle presenti autorità britanniche.
Il governo di Londra solo molti anni dopo ammise le sue responsabilità, passandola tra le prime come un incidente, mentre era stata una vera e premeditata “caccia agli italiani”. Responsabilità dovute sia alle locali forze di polizia e della gendarmeria che sottovalutarono, seppur a conoscenza delle numerose manifestazioni dei somali pro italiani e favorevoli ad un ritorno dell’Italia; preoccupati da tanto inaspettato consenso l’Amministrazione militare britannica e gli ambienti somali fondamentalisti come la Lega dei Giovani Somali, ordirono, o lasciarono fare.
Quella domenica i nostri connazionali vennero aggrediti e poi ferocemente trucidati per le strade, nei bar, nei negozi e nelle case devastate e saccheggiate. I morti, e molti erano solo ragazzi, giacevano tra le vie, moltissimi i feriti ad attendere ore e ore soccorsi che non giungevano.
La domenica di sangue finiva in tarda serata con 54 morti e altrettanti feriti, alcuni in condizioni disperate, tra gli italiani. Molti si salvarono nella cattedrale di Mogadiscio circa in 800 perché stavano a messa, e si rifugiarono fino a tarda sera. Altrettanti morti e feriti tra i somali mentre molti altri, visti i sentimenti di profonda amicizia, vennero in aiuto degli italiani.

        

Le spoglie ricomposte vennero tumulate nel cimitero italiano di Mogadiscio. Con l’Amministrazione fiduciaria italiana in Somalia, nel 1951 venne costruito un monumento-ossario poi disfatto dal successivo governo somalo. Così che nel 1968 il governo italiano decise di rimpatriare le salme dei caduti in Africa Orientale, compresi i morti dell’eccidio. 

*******

(*1) per ulteriori informazioni si può visionare il relativo sito
www.tempiodelperpetuosuffragio.it

  

AOI, Mogadisco, ONUg, PAI, Somalia, SVL

Lascia un commento

Newsletter

Iscriviti al Servizio Newsletter di Consulpress e riceverai via posta elettronica gli ultimi aggiornamenti dalla nostra Agenzia di Stampa.

Archivio Articoli

© 2013-2020 Consul Press. Testata registrata presso il Tribunale di Roma, N° 87 del 24/4/2014.
Editore: Associazione Culturale "Pantheon" - Direttore Responsabile: Antonio Parisi
Sede: via Tagliamento, 9 - 00198 Roma (RM). Telefono: (+39) 06 92593748 - Posta elettronica: info@consulpress.eu