Lettera aperta a Virginia Raggi, “Sindaco” di Roma

Lettera aperta al “Sindaco” di ROMA

indirizzata alla Prima Cittadina dell’ Urbe da PIETRO CAPPELLARI

A parte –  ed in calce – seguono alcune “Note” di Giuliano Marchetti sempre dedicate al Primus Cives dell’ Urbe domiciliato in Campidoglio, con qualche successivo riferimento anche al Primus Cives della Repubblica, domiciliato al Quirinale  

Gentile Sindaco (*1),

mi permetto di scriverVi sulla scia di una riflessione personale fatta dopo le Vostre recenti esternazioni sulla necessità di eliminare dalla toponomastica di Roma i nomi “fascisti”. In realtà, già in precedenza volevo scriverVi, ma poi ho soprasseduto per non entrare in polemica con coloro che speculano politicamente sulla tragedia subita dagli Italiani di religioni ebraica durante l’occupazione germanica.
Tuttavia, una nuova e recente Vostra esternazione, appresa dalla stampa, mi ha fatto di nuovo riflettere circa l’opportunità di confrontarmi con Voi, essendo responsabile nei confronti dei lettori del mio giornale, anch’essi sorpresi dalle Vostre esternazioni.

Avete definito “non normale” che un giovane possa militare in un movimento come Forza Nuova. La mia mente è subito corsa ai “soloni della democrazia” che, nel dopoguerra, delegittimarono e criminalizzarono i militanti del MSI, armando così la mano di quei criminali dell’antifascismo militante che riempirono le strade di mezza Italia di giovani massacrati dalle spranghe e dalle chiavi inglesi, per poi finire nella lotta armata e continuare ad ammazzare innocenti. I nomi di Mario Zicchieri, Francesco Cecchin, Paolo Di Nella, solo per 9788863211115farne alcuni, dovrebbero ricordarVi qualcosa. Ebbene, in una Nazione – perché questa è ancora l’Italia – dove si considera “normale” discriminare chi si definisce padre e madre; dove è “normale” censurare chi difende la vita fina dal concepimento; mi sembra davvero assurdo considerare “anormali” dei giovani – a cui nulla può essere imputato! – che militano in un movimento politico (qualunque esso sia), magari sorridendo davanti ad altri giovani che nelle piazze bruciano manichini di avversari politici come Salvini, che gridano «uccidere un fascista non è reato»(*2), che impiccano manichini a testa in giù scimmiottando la “macelleria messicana” di Piazzale Loreto… La prossima volta che intenderà fare un discorso pedagogico ai ragazzi, prima guardate le foto di Mario, di Francesco, di Paolo. Vedremo se avrete il coraggio morale di ripetere la lezionicina antifascista.
E veniamo, quindi, all’iniziativa per la quale siete balzata agli onori delle cronache, ossia la cancellazione dei nomi “fascisti” dalle vie di Roma. Per fortuna che siete arrivata Voi a compiere questo atto di “giustizia”! Finalmente! Un’iniziativa che non era stata mai presa in considerazione neanche quando Roma era guidata dai comunisti e sui banchi del Parlamento italiano sedevano i partigiani, quelli veri, quelli che, per intenderci, i fascisti li ammazzavano volentieri (soprattutto se si erano arresi ed erano disarmati). Eppure c’è qualcosa che stona. Questo intervento sa tanto di cancellazione della memoria, la memoria della nostra Nazione. Si assolutizza un “male” immaginario, dimenticando tutto il resto. Roma ha davvero bisogno di questo? Perché sia chiaro, se la Vostra azione mirasse ad una serena e più pacata analisi di quegli anni, libera dalle speculazioni politiche dell’antifascismo; mirasse ad onorare il ricordo delle vittime e porre fine all’odio politico; saremo certamente al Vostro fianco. Ma se ciò corrispondesse, invece, ad una rimozione della memoria storica della nostra Nazione ci troveremo davanti alla consueta incapacità dei politici di professione di fare i conti con il nostro passato; per cui non essendo in grado di confrontarcisi, lo si rimuove a colpi di piccone, si cancella, non è mai esistito. No, non ci stiamo. Anche perché così facendo non sapremo dove andremo a finire. Perché i nomi dei nostri scienziati sono finiti su quelle vie non perché costoro firmarono il Manifesto della Razza – semplice dichiarazione di principi, per altro condivisi da gran parte della comunità scientifica mondiale, senza nessun valore giuridico e rientrante, comunque, nella semplice espressione di opinioni politiche personali –, ma perché il loro operato di scienziati, nello loro specifico campo, diede lustro alla nostra Nazione in ambito internazionale.

Ed è per questo che la Repubblica Italiana li ha onorati e a loro ha reso omaggio. Questo insistere sui “carnefici” – immaginari! – nasconde dei fini politici chiari e fa passare in secondo piano le vittime, di cui – guarda caso – si parla sempre poco. Ma perché non ricordare coloro che difesero gli Italiani di religione ebraica durante quegli anni? Ricorderà la storia di quel fascista – unico romano a farlo! – che sbarrò le porte della sua casa, ove ospitava israeliti, ai soldati germanici a “caccia di ebrei”. Forse saprà dello squadrista Antonibon che durante la guerra a Roma salvò numerosi perseguitati dai Tedeschi. E, se vogliamo generalizzare, ricorderà i nomi di Perlasca, Palatucci, Bartali, senza dimenticare Giorgio Almirante, che ebbero modo di aiutare gli Italiani di religione ebraica durante quei drammatici mesi. È vero, per Voi sarebbe un vero e proprio boomerang: avevate esordito nell’epurazione dei nomi “fascisti” per finire per omaggiare… dei fascisti! Come è strana la storia, vero?  Ma se la Vostra missione è quella di cancellare dalle pagine della storia i “criminali dell’umanità”, non vogliamo condividere questo percorso. Anche perché si corre il rischio di trasformare in “criminali” persone che non hanno mai fatto male a nessuno – anzi, sono benemeriti della comunità! – trasformandoli in nuove vittime del conformismo o dell’antifascismo militante.
Vi ricordiamo che una delle vie più importanti di Roma è dedicata al cittadino sovietico Palmiro Togliatti. Vorremmo sapere un Vostra opinione sul ruolo che questi ebbe nelle epurazioni tra i dissidenti in Ispagna e nello sterminio – questo reale! – dei soldati italiani prigionieri nei campi di concentramento sovietici. Metto a disposizione le pagine del mio giornale, dimostrandoVi che non abbiamo paura delle idee altrui e siamo bel lieti del confronto.
Avremmo volentieri concluso questa lettera magari consigliandoVi di studiare i libri di Renzo De Felice, Alberto B. Mariantoni o Flavio Costantino – con i quali abbiamo avuto rapporti diretti e per questo citiamo –, per comprendere cosa sia stato il razzismo italiano e la differenza tra discriminazione e persecuzione, ma un dubbio ci ha assalito. E se in nome della lotta ai “simboli dell’antisemitismo” l’Amministrazione comunale decidesse di iniziare dal principio e non da un’occasionale dichiarazione di intenti del secolo scorso? Perché, sapete, Roma è piena di nomi di Imperatori romani, dei grandi della classicità, che ad antisemitismo non scherzavano certamente (cfr. Gian Pio Mattogno, L’antisemitismo nell’Antichità classica).

Ma Roma è anche piena di nomi di Santi e di Papi il cui antigiudaismo teologico ha costituito una colonna portante della nostra cultura (cfr. Don Curzio Nitoglia, Per padre il diavolo). Un dubbio ci assale allora. Se volessimo schieraci al Vostro fianco in questa missione, dovremmo iniziare a picconare prima l’Arco di Tito oppure ci dovremmo recare direttamente a San Pietro? Le macerie che lasceremo dietro di noi sarebbero a fin di bene, vero?  Senza pensare a cosa potrebbe capitare alla Società “Dante Alighieri” di Palazzo Firenze i cui responsabili potrebbero essere accusati di “propaganda antisemita” solo per aver diffuso la Divina Commedia… Sareste costretta anche ad intervenire prontamente su Piazza Dante, magari dedicandola ai “famosi” poeti del Burkina Faso, che voi certamente conoscerete, i quali non dovrebbero essere in odore di antisemitismo. Vogliamo salutarVi nella speranza che questa nostra lettera Vi induca in riflessione. Perché Roma non ha bisogno di odio partigiano, ma di amor di Patria che unisca tutti gli Italiani in un solo popolo orgoglioso della propria storia, finalmente pacificato e fiero del proprio avvenire. I

n attesa di un Vostro riscontro, inviamo i nostri più sinceri auguri di un buon lavoro per l’intera comunità di Roma, sperando di non dover più intervenire per difendere la nostra memoria storica.

Nettuno,  il 17 Novembre 2018,

Pietro Cappellari
Direttore de “L’Ultima Crociata

*** *** ***

NOTE A MARGINE – La Redazione di Consul-Press ha ricevuto questa lettera aperta a firma PIETRO CAPPELLARI ed indirizzato all’ (ex ?) Avvocato Signora VIRGINA RAGGI, attualmente “SINDACO” di Roma…. la “Lettera” – particolarmente ed opportunamente polemica, ma altresì scritta in modo particolarmente educato – è stata ampiamente condivisa e pubblicata su questa “Testata”, anche se non tempestivamente. A titolo strettamente personale desidero comunque esprimere brevi osservazioni, riallaccciandomi ad alcuni punti della stessa, richiamati da 2 relativi asterischi *.

(*1) “Gentile Sindaco” / Concordo pienamente sull’uso del sostantivo “Sindaco” al maschile, sia per indicare “Chi” – anche se di sesso femminile – riveste tale ruolo,  sia  per abrogare l’orrendo neologismo di Sindaca, tanto caro alle Signore Virgina Raggi e Chiara Appendino, nonchè ad altre Signore come Lady Laura Boldrina. A mio parere, le suddette illustri Signore si ritengono stoltamente autorizzate ed incoraggiate da un ego-centristico auto-compiacimento nel pretendere di essere indicate nel loro “ruolo” od incarico al femminile, grazie anche ad una strampalata disquisizione della pur blasonata Accademia della Crusca.  E poichè i guai vengono sempre “in coppia” –  come  l’accoppiate delle due Prime Cittadine pentastellate elette a Roma e a Torino – anche l’autorevole Accademia è incappata in un duplice scivolone, decretando ex cathedra l’inutilità dell’utilizzo del congiuntivo e varando, di fatto,  un condono per i reati linguistici di Luigi Di Maio, “Capo Politico” del Movimento 5-Stelle ! Senza assolutamente voler scalfire le benemerenze dell’Accademia (già altra volta presa di mira sulla Consul Press >https://www.consulpress.eu/mala-tempora/), posso supporre che probabilmente qualche anziano Accademico abbia bevuto, in tali occasioni, un bicchiere più del necessario di un ottimo vino d’annata.   E, d’altre parte, vale sempre un’assioma recitato dal Divo Giulio …. “A pensar male forse si fà peccato, ma spesso ci s’indovina !

(*2) ”Uccidere un fascista non è un reato !” / Ricordo bene questo slogan scandito ritmiticamente negli “anni di piombo” dai Compagni Komunisti, sia se iscritti al P.C.I., sia se aderenti ai movimenti extra-parlamentari; e a Roma, sulle mura esterne del Policlinico Umberto I, questo slogan campeggiava, in vernice nera, enorme, a caratteri cubitali oltre altezza d’uomo ! Una scritta che è rimasta per vari anni su quel muro vicino al Verano, il grande cimitero monumentale della Capitale, senza venire mai cancellata od imbiancata. Mai un intevento da parte dei Vigili Urbani o del Comune di Roma, né della Polizia, né dei Carabinieri o dell’ xoe8siAnti-Terrorismo per rimuovere tale “istigazione all’assassinio” nei confronti di un avversario ideologico e politico. Una istigazione al crimine ignorata sia dal Sindaco, sia dal Questore, sia dal Prefetto …. Mai una minima “presa di posizione” da parte di qualsiasi Autorità Istituzionale pubblica o privata, nemmeno di quelle Ecclesiastiche o Religiose o Cattoliche…. Mai si è levata una singola voce di protesta (o di coscienza) da parte di un Sacerdote, di un Parroco o di un Vescovo, né di Comunione e Liberazione o di Amnesty International, né dei Radical Chic, né dei pacifisti verdi o senza frontiere !   Questo succedeva a Roma, durante i tristemente famosi  anni di piombo … e non solo a Roma, ma anche in molte altre città d’Italia, ove i ragazzi del M.S.I. venivano ammazzati quotidianamente dai gruppettari di Via dei Volsci, o dagli adrenti dei Nuclei Armati Proletari, di Potere Operaio, di Lotta Continua  o delle Brigate Rosse. 

Gcntile Sindaco,   ….. qualora Lei volesse ricordare anche tali “Compagni Comunisti”, suoi padrini ideologici, anziché cancellare alcuni personaggi dalla toponomastica della Città Eterna (che certamente non merita questa effeimera e temporanea amministazione a 5-Stelle) dovrebbe forse tacere per pudore e, con Lei, alcuni suoi Colleghi Pentastellati, come un certo Alessandro, attualmente turista in Sud America nell’ attesa di sedersi sulla poltrona di Di Maio, come un certo Roberto, che si sente molto “Fico” nel ruolo di Presidente della Camera, come un certo Beppe, attualmente oscuro guro, crepuscolare, decadente e nullafacente.

***** ***** *****

Ma se il Campidoglio piange, certamente il Quirinale non può sorridere, dato che il Professor Avvocato SERGIO MATTARELLA, attualmente anche  Presidente della Repubblica (grazie ad una forzatura a suo tempo imposta dall’ex Premier Matteo Renzi), a mio personale giudizio, non può pretender di essere consideratoIl-sangue-dei-vinti il “Presidente di tutti gli Italiani”, sia perchè  tale suo “Ruolo” non deriva dalla elezione diretta da parte del nostro Popolo, sia perchè quando  intende impartire a tutti gli Italiani una sua Lectio Magistralis dall’alto del Colle, paragonando il Fascismo al Male Assoluto, continua a perpretare una discriminazione contro una parte dello stesso Popolo, cioè quella parte che secondo la Storia – scritta da Vincitori – stava dalla “Parte Sbagliata”. Ebbene io, essendo nato nel dicembre 1942 e quindi cresciuto in “epoca democratica”, ancora oggi mi sento fiero di appartenere “idealmente” ad un’ altra Italia – quella sbagliata – che, dopo essere stata parte viva e vitale di uno splendido Venteenio (a parte il solo punto negativo riguardante le c.d. “Leggi Razziali”), veniva sconfitta combattendo sotto la bandiera di un’ altra Repubblica.  (G.M.)


PIetro Cappellari

Laurea in Scienze Politiche, Master in Relazioni Internazionali, successiva Laurea Magistrale in Storia e Società, Coordinatore del Gruppo Ricerche Storiche Fondazione RSI. Autore di numerosi articoli di storia, di pubblicazioni scientifiche sul '900 Italiano, nonché vincitore di vari premi letterari e scientifici.

© 2013-2020 Consul Press. Testata registrata presso il Tribunale di Roma, N° 87 del 24/4/2014.
Editore: Associazione Culturale "Pantheon" - Direttore Responsabile: Antonio Parisi
Sede: via Tagliamento, 9 - 00198 Roma (RM). Telefono: (+39) 06 92593748 - Posta elettronica: info@consulpress.eu