• Home
  • Rubriche
  • Attualità
  • Pizzeria Mafiosi – il locale tedesco che offre specialità “mafiose” italiane

Pizzeria Mafiosi – il locale tedesco che offre specialità “mafiose” italiane

Molte le specialità “italiane”, tra cui la Pizza Riina, a 6.20 €, con peperoncino, olive e carciofi; poi la Pizza Cosa nostra che con 1 euro in più, aggiunge anche  pomodori freschi, mozzarella e parmigiano. 

Sandro Mattioli, Presidente dell’associazione tedesca Mafia Nein Danke (Mafia, no grazie), si batte dal 2007 contro la criminalità organizzata ma anche contro le pizzerie che hanno nomi con riferimenti a Cosa Nostra, ha provato a spiegare questo strano fenomeno sempre più diffuso:  “Bisogna distinguere intanto tra i ristoranti che sono gestiti da italiani o da tedeschi. Il ristorante a Francoforte che prendeva il nome di Falcone e Borsellino era gestito, ad esempio, da un tedesco. Nel 2016 abbiamo avviato una campagna di sensibilizzazione per evitare proprio l’utilizzo di parole come Mafia, o Il Padrino e abbiamo notato che l’uso di questi termini avviene sia in ambito italiano che tedesco, ma il significato è ben diverso. Perché se un italiano usa il nome del boss Riina per una pizza vuol dire qualcosa di completamente diverso rispetto all’uso che ne fa un tedesco. Perché i tedeschi fondamentalmente sono ignoranti in materia. C’è meno consapevolezza”.

Secondo la giornalista Cristina Giordano non sarebbe una novità trovare in Germania ristoranti e pizzerie che usano ancora la mafia come elemento folkloristico in quanto, nell’immaginario collettivo è ancora percepita come fatto di “color” o addirittura cinematografico. Deve far riflettere il fatto che vengano dati nomi che richiamino la mafia per assicurare il Made in Italy e la fedeltà all’Italia.

L’ultimo caso della Pizzerai Mafiosi ha provocato ovviamente forti reazioni anche in Italia. “In queste cose si misura il rapporto che l’Europa e la Germania intendono avere con la mafia. È questione di simboli, e di interessi economici. L’associazione ‘Mafia Nein Danke’ fa benissimo a tenere alta l’attenzione e l’indignazione in un paese che sembra sonnolento”, attacca il figlio del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa Nando. “E l’Europa deve chiarire che il divieto di usare il nome mafia nelle insegne commerciali si estende a tutti i suoi simboli e sinonimi”, conclude lo scrittore e docente universitario.

Anche Nicola Morra, presidente della Commissione nazionale antimafia, ha commentato: “Pizza Riina? Mi sembra così grottesco. A quanto pare manca la pizza o la birra Hitler, o quella di Pol Pot e possiamo fare la pizzeria dell’orrore…”.

Nessuno infatti si sognerebbe di aprire qua in Itala una birreria ed intitolarla appunto ad Hitler o qualche altro gerarca nazista.
 
 
 
 
 
 
 

Germania, pizzeria mafiosi

Lascia un commento

© 2013-2020 Consul Press. Testata registrata presso il Tribunale di Roma, N° 87 del 24/4/2014.
Editore: Associazione Culturale "Pantheon" - Direttore Responsabile: Antonio Parisi
Sede: via Tagliamento, 9 - 00198 Roma (RM). Telefono: (+39) 06 92593748 - Posta elettronica: info@consulpress.eu