Riflessioni sul risultato delle Elezioni Regionali 2020

I  VERI   PROFESSIONISTI  della  pOLITICA (*1)

un’ approfondita analisi di DOMENICO GIGLIO 
ed alcune “note” a cura di Giuliano Marchetti  

Se  avevamo definito i “Cinque Stelle” dilettanti allo sbaraglio dobbiamo dare  atto che l’attuale  segretario  del PD, nonché Presidente  della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, da vero professionista della politica, ha saputo  trasformare  in vittoria  quella che in realtà è stata  una mezza  sconfitta. Per  oltre  un quarto d’ora, domenica sera, ai primi risultati delle elezioni  regionali, a reti televisive unificate (Porta a Porta, TG7, Sky, RaiNews, TG5), nemmeno fosse il messaggio di Capodanno del Capo dello Stato (*2), ha imperversato senza interruzione sul significato storico della vittoria  in Emilia Romagna
A prescindere che poi non è stato così  in tutte le province, ma solo il mantenimento di quanto la sinistra già aveva fin dalla nascita, mai troppo deprecata, dell’Ente Regione (*3), snobbando (speriamo non si offendano i calabresi) la disfatta storica del centrosinistra in Calabria, passata trionfalmente al centrodestra, (55,71%  contro  30,26, cioè  più del  25% !) dove il PD aveva fatto ricorso ad un industriale  indipendente, non avendo nemmeno la faccia di presentare un candidato presidente iscritto al Partito.
Questo atteggiamento del segretario ieri ex comunista, oggi “democratico – riprendendo una tradizione comunista di trasformare in ”democratiche” tutte le associazioni  fiancheggiatrici – è  la prova  di una scuola  per preparare funzionari e dirigenti del vecchio partito, insegnando come utilizzare slogan di facile effetto, come  è stato  in tutta  la campagna elettorale  parlare  degli avversari, come fomentatori d’odio.
Ma è possibile che noi italiani  abbiamo la memoria così corta? (*4)
Dal 1945 in poi se vi sono stati dei seminatori d’odio istituzionale, politico, sociale questi non sono stati certo gli esponenti del centrodestra di allora, ma gli esponenti delle varie  sinistre, sempre di matrice comunista.
Tornando  ai  sovrumani silenzi, zingarettiani e non  leopardiani,  non solo sui risultati della Calabria, anche per quanto riguarda l’Emilia  è opportuno  sottolineare che ben 4 province, non  certo secondarie, hanno dato la maggioranza netta dei voti alla non brillante candidata del centro destra, Piacenza  con il 59,60% contro il 36,8 % ( più 22,8), Ferrara con 54,80 contro  40,70 (più 14,1), Parma  con 49,6 contro  45,6 (più 4,00 – ritorna  il Ducato  di Parma e Piacenza ?!) ed infine anche Rimini (forse in omaggio a Fellini ?) con un ridotto 47,50 contro 46,40. Dei grillini e dei loro candidati non parliamo  perché  non siamo  dei Maramaldi. (*5)

DOMENICO GIGLIO

*** ***** ***

NOTE A MARGINE 
(*1) non trattasi di un errore grafico, ma la “P” di professionisti risulta opportunamente con un’iniziale maiuscola, mentre la “p” di politica con un’iniziale minuscola, tanto per evidenziare la diversità esistente tra l’astuzia dei “professionisti” e i veri ideali della “politica”. 
(*2) personalmente, come Cattolico/Ghibellino, avrei molte perplessità sull’utilità di ascoltare i soporiferi ed inutili sermoni ecumenici del Presidente della Repubblica, così come qualche volta i messaggi politici scanditi da una finestra su Piazza San Pietro.
(*3) sulla perversa istituzione dell’Ente Regione, nonché del deleterio successivo mantenimento, più volte la Consul Press ha manifestato il proprio dissenso duro e puro. Infatti le Regioni – a prescindere dalle loro specifiche identità e tradizioni, dalle loro storie e culture – sono state concepite ed istitutite con l’avvento del centro-sinistra come “Enti” autonomi amministrativi, trasformandosi poi autentici centri di potere politico/economico e di corruzione lobbystica/affaristica, con enormi costi per la Nazione rispetto ai ben modesti risultati e benefici per le comunità territoriali.
(*4) ecco perché (ben condividendo una posizione politicamente scorretta) si potrebbe ben giustamente criticare e disapprovare i falsi miti proposti – e molto spessi imposti – dai “Regimi Democratici”, consigliando a tal proposito qualche opportuna lettura, come ad esempio il saggio di Nicola Cospito: “Perché non sono democratico”.
(*5) …. ebbene no ! anche i grillini si meritano la restituzione di una valanga di “Vaffa Day” 

Giuliano Marchetti

 

 

 

Lascia un commento

Archivio Articoli

© 2013-2020 Consul Press. Testata registrata presso il Tribunale di Roma, N° 87 del 24/4/2014.
Editore: Associazione Culturale "Pantheon" - Direttore Responsabile: Antonio Parisi
Sede: via Tagliamento, 9 - 00198 Roma (RM). Telefono: (+39) 06 92593748 - Posta elettronica: info@consulpress.eu