Serate culturali all’Hotel The Hive di Roma
con la partecipazione di Giampiero Mughini

Nella sala al quinto piano dell’Hotel The Hive di Roma, in via Torino 6, con ampia terrazza e vista su Roma, poco distante dalla basilica di Santa Maria Maggiore sull’Esquilino, il pubblico dei lettori ha incontrato  Giampiero Mughini, brillante giornalista e scrittore, in occasione della presentazione del suo nuovo libro Uffa. Cartoline amare da un tempo in cui accadde di tutto”.

L’introduzione all’evento è stata svolta dal  Prof. Egidio Maria Eleuteri, per poi cedere la parola ad  Antonello Sette, autore e giornalista a Mediaset, che ha evidenziato alcuni degli aspetti rilevanti del testo, quelli che maggiormente hanno colpito il suo interesse, ben esplicitati e rimarcati all’uditorio negli aspetti personalmente vissuti e conosciuti dall’autore.

L’attività giornalistica di Mughini è stata definita liberale, caratterizzata da un modo di pensare che non si limita alla conoscenza superficiale o parziale delle cose, ma va nel profondo, anche se la verità che emerge è sconveniente o divergente dal modo di vedere e pensare tradizionale. 
Un invito a non omologarsi al pensiero unico, comprendere gli eventi passati, non circoscrivendoli in determinate forzature ideologiche, poiché divergenza e diversità di punti di vista sono aspetti di ricchezza culturale, delineando un quadro più ampio e una coralità di voci.

Uffa – Cartoline amare da un tempo in cui accadde di tutto“, il  libro costituito come una raccolta di eventi attuali, racconta la società e la politica italiana in un periodo storico che va dalla guerra in Iraq alla I^ elezione di Napolitano come presidente della Repubblica; da calciopoli alla vittoria degli azzurri ai campionati del mondo a Berlino.

Con uno stile breve e chiaro, l’autore riesce a condensare in poche righe un punto di vista innovativo degli eventi narrati, scendendo sin nelle “piccole fessure” della storia, dove non i fatti assumono molte sfumature e sfaccettature non sempre ben distinguibili. 
A tal proposito sono stati ricordati alcuni esempi di vicende passate ma non del tutto comprese: la vicenda di Giovanni Berta, quella della poetessa Antonia Pozzi, l’occupazione di Trieste da parte dei “titini”.

Nella chiusa del dibattito, con Arturo Diaconale – Direttore de “L’Opinione” – sono state ribadite le qualità di Mughini: pensatore profondo e con una forte personalità, indirizzato verso il pensiero e la cultura divergente e non omologata, che riesce a mostrare i problemi attuali nelle sue plurime sfaccettature.

A conclusione della serata un vin d’honneur e l’incontro diretto dei lettori con l’autore, che hanno conservato gradevole ricordo nella dedica al testo e nelle foto.

Simone Selvaggi

 

giampiero mughini, the hive, uffa

Lascia un commento

Archivio Articoli

© 2013-2020 Consul Press. Testata registrata presso il Tribunale di Roma, N° 87 del 24/4/2014.
Editore: Associazione Culturale "Pantheon" - Direttore Responsabile: Antonio Parisi
Sede: via Tagliamento, 9 - 00198 Roma (RM). Telefono: (+39) 06 92593748 - Posta elettronica: info@consulpress.eu