lunedì, 23 Settembre 2019
Agenzia di informazione e approfondimento su tematiche economiche, professionali, aziendali, culturali e di attualità varie

Tallyerand e il “Moloch della Democrazia”

Democrazia, democrazia, la fregatura più grande che ci sia

Un grande statista del passato, il Tallyerand, diceva che “ La democrazia è l’arte di contare i nasi invece dei cervelli”. 
In effetti il sistema democratico, quando esista realmente e non sia, come nella grande maggioranza dei casi una Oligarchia di gruppi di potere mascherata, privilegiando la quantità alla qualità, che tutti sanno sono in natura valori inversamente proporzionali, fa si che le decisioni più importanti siano prese dai meno capaci.

Laddove poi essa sia sostituita da una oligarchia di gruppi di potere, unisce al danno la beffa di farci credere liberi di decidere mentre invece le decisioni si prendono nella stanze del potere occulto. 
Se in uno stadio ci mettiamo 100.000 persone e ne analizziamo le capacità intellettuali, troveremo una manciata di geni, qualche migliaio di molto intelligenti, qualche decina di migliaia di intelligenti ed una maggioranza assoluta di 60.000/ 70.000 poco intelligenti e preparati. 

Ebbene, in democrazia, a decidere saranno i 70.000 poco intelligenti e preparati e sarà  ben difficile che essi siano in grado di prendere la decisione più giusta …!!! 
Aggiungiamo il fatto che chi possiede abbastanza denaro è in grado di condizionare pesantemente i media e di forzare la formazione della pubblica opinione nella direzione del proprio interesse falsando così la prospettiva di un giudizio critico obiettivo. 

Assistiamo ogni giorno a come la politica prenda le sue decisioni non in funzione di un giudizio di giusto o ingiusto, ma in base a sondaggi di opinione ( pagati con i soldi dei contribuenti ) che stabiliscono quanti voti si guadagnino o si perdano a seconda della decisione presa. 
Sentiamo già le solite obiezioni trite e ritrite: “ l’unica alternativa alla democrazia è la dittatura” “La democrazia, per quanto imperfetta è il sistema migliore possibile”, e così via blaterando per luoghi comuni..! 
Balle..!!

Se percorriamo la storia dell’umanità vi troviamo tanti sistemi diversi dalla dittatura e dalla democrazia che, pur non essendo la perfezione ed avendo i loro difetti, hanno retto la vita dei popoli per secoli. 
Aristocrazia, monarchia costituzionale,  oligarchia, dogatura, consulismo, repubblica presidenziale,  ecc. ecc. 
Ma al di là delle alternative del passato, ciò che colpisce e fa rabbia è il fatto che anche constatando che il sistema democratico NON FUNZIONA, nessuno si pone il problema di cominciare a discutere per cercare se possa esistere un’alternativa accettabile, ma si rifiuti ogni ipotesi e persino la possibilità di parlarne seriamente!

Se una persona è malata, la prima cosa da fare è quella di cercare una cura. 
Qui invece si insiste a dire che per la società civile la stato di malattia è il migliore stato possibile ! 
… Roba da matti!!!

Alessandro Mezzano

*******

 

 

NOTA A MARGINE  – Desideriamo ricordare ai nostri lettori un articolo già pubblicato sulla Consul Press nel maggio 2018, a firma di Nicola Cospito, in occasione di una presentazione del  suo libro “PERCHE’ NON SONO DEMOCRATICO”

https://www.consulpress.eu/democrazia-ii-male-assoluto/ 

Democrazia

Lascia un commento

Newsletter

Iscriviti al Servizio Newsletter di Consulpress e riceverai via posta elettronica gli ultimi aggiornamenti dalla nostra Agenzia di Stampa.

Archivio Articoli

© 2013-2019 Consul Press. Testata registrata presso il Tribunale di Roma, N° 87 del 24/4/2014.
Editore: Associazione Culturale "Pantheon" - Direttore Responsabile: Antonio Parisi
Sede: via Tagliamento, 9 - 00198 Roma (RM). Telefono: (+39) 06 92593748 - Posta elettronica: info@consulpress.eu