trump accordo del secolo

Trump verso l’ accordo del secolo

A meno di tre mesi dalle elezioni, e dietro il suo rivale, Joe Biden, nei sondaggi, il presidente Donald Trump ha firmato giovedì, con la mediazione nell’accordo di normalizzazione delle relazioni Israele-Emirati Arabi Uniti, il suo principale scopo diplomatico in Medio Oriente è uno  delle politiche estere più rilevanti di tutto il suo mandato. Questo è il primo passo verso il cosiddetto “accordo del secolo“, la proposta della Casa Bianca di risolvere il conflitto israelo-palestinese, che ha presentato lo scorso febbraio.

Parlando del patto Israele-Emirati, Trump ha fatto appello alla continuità suggerendo che atti simili potrebbero verificarsi in un secondo mandato: “Ne stiamo discutendo con altri Paesi”. Jared Kushner, suo genero e che da tre anni spinge l’agenda presidenziale in Medio Oriente, ha comunque confermato gli accordi tra Israele e altri paesi della regione entro la fine dell’anno.

In ogni caso, l’accordo annunciato giovedì dallo stesso Trump,  il quale si è presentato come colui che è riuscito a raggiungere uno storico patto di pace. Questa, di fatto, potrebbe essere tregua per un leader circondato dall’avanzata della pandemia – con oltre cinque milioni di casi nel Paese – dal deterioramento dell’economia e dalla perdita di consensi a livello elettorale, in particolare nella settimana in cui Biden ha attirato l’attenzione nell’annunciare la senatrice Kamala Harris come suo candidato vicepresidente.

Robert O’Brien, consigliere per la sicurezza di Trump, ha detto che il presidente sarà ricordato come un “pacificatore” e potrebbe persino aspirare al Premio Nobel per la pace. Intanto il segretario di Stato Mike Pompeo ha osservato dalla Slovenia, dove è in tournée diplomatica, che la Casa Bianca organizzerà una cerimonia per firmare l’accordo. Una messa in scena che ricorda il 1994, con Bill Clinton in uno dei giardini della residenza di Washington con il primo ministro israeliano Isaac Rabin e re Hussein di Giordania. Anche alla stretta di mano tra Jimmy Carter, l’egiziano Anuar el Sadat e l’israeliano Menajem Beguin, nel primo accordo di pace di Israele con un paese arabo, l’Egitto, nel 1979. Pompeo notò che l’instaurazione di relazioni tra i due paesi è paragonabile ai patti raggiunti con l’Egitto e la Giordania.

Trump ha lavorato duramente per capitalizzare l’accordo annunciandolo in un tweet e poi chiedendo un breve annuncio alla Casa Bianca. “Tutti dicevano che sarebbe stato impossibile”, disse. Il presidente si proclamò promotore della pace nella regione che allo stesso tempo ospita i pezzi di un complesso scacchi. “Ti ho tenuto lontano da una guerra”, ha osservato.

La diplomazia americana ha svolto un ruolo rilevante nei negoziati. Pompeo ha osservato che un team del Dipartimento di Stato sta lavorando all’accordo “da molto tempo” e che la parte cruciale è stata chiusa “negli ultimi mesi”.

Trump si è allineato a Netanyahu durante il suo mandato e la strategia di Kushner è stata fondamentalmente focalizzata sugli aspetti economici e sull’apertura di canali commerciali tra Israele e i suoi vicini. L’accordo del secolo di Trump dà la priorità agli Stati arabi con cui gli Stati Uniti condividono un investimento verso l’Iran, il caso degli Emirati Arabi Uniti.

Lascia un commento

© 2013-2020 Consul Press. Testata registrata presso il Tribunale di Roma, N° 87 del 24/4/2014.
Editore: Associazione Culturale "Pantheon" - Direttore Responsabile: Antonio Parisi
Sede: Via Dora, 2 - 00198 Roma (RM). Telefono: (+39) 06 92593748 - Posta elettronica: info@consulpress.eu