domenica, 26 Maggio 2019
Agenzia di informazione e approfondimento su tematiche economiche, professionali, aziendali, culturali e di attualità varie

Autore: Rossella Di Ponzio

Dal 14 al 28 maggio si terrà ad Andria “KROMATIKA”, mostra internazionale di arte contemporanea

Dal 14 al 28 maggio 2019, presso l’OFFICINA SAN DOMENICO di Via Sant’Angelo dei Meli 36, Andria, si terrà la seconda edizione della Mostra Internazionale d’Arte Contemporanea, “KROMATIKA”, evento artistico culturale promosso dall’I.I.S.S. “Giuseppe Colasanto” di Andria nell’ambito del Piano Triennale dell’Offerta Formativa per il triennio 2016/19.

Questa mostra, che ha ottenuto il Patrocinio del Comune di Andria e degli assessorati alla Cultura e alla Pubblica Istruzione, vuole essere un’occasione di incontro e confronto per alcuni dei più interessanti artisti contemporanei italiani ed esteri, le cui opere verranno esposte gratuitamente per un periodo di quindici giorni, allo scopo di stimolare, anche presso il pubblico dei non addetti ai lavori, una riflessione su problematiche di carattere estetico e socio-culturale.

507 Visite totali, 6 visite odierne

Andria, Arte Contemporanea, mostra

Continua a leggere

Malattie croniche intestinali: l’intervista al dottor Diego Maria Nati

In vista del prossimo 19 maggio, Giornata Mondiale dedicata alle malattie Infiammatorie Croniche Intestinali, abbiamo deciso di intervistare il dottor Diego Maria Nati, presidente della “Crohnonlus”, associazione con sede a Roma, che da quasi dieci anni si occupa della divulgazione e dell’informazione di queste malattie croniche fornendo diversi servizi sia ai pazienti che ai medici.  

 

 

1) Qual è il principale ruolo dell’associazione?

“L’associazione ha come obiettivo quello di informare e divulgare presso il pubblico, i pazienti e i medici, le nuove frontiere di diagnosi e terapia di questo tipo di malattie. Prima nelle diagnosi si facevano poche analisi, solo quelle del sangue ed esami radiologici abbastanza invasivi; oggi invece esistono colonscopie virtuali ed “entero risonanze magnetiche” che permettono di avere un quadro più preciso della malattia”.

324 Visite totali, 6 visite odierne

Diego Maria Nati, intervista, intestinali, malattie, morbo di crohn

Continua a leggere

Il 10 maggio si celebra la Giornata Mondiale del Lupus, malattia cronica e autoimmune

Il 10 maggio, come da 16 anni a questa parte, ricorre il World Lupus Day. Sull’onda dello slogan internazionale “Let’s join together to fight Lupus – Uniamoci per combattere il Lupus”, si celebrerà la giornata mondiale di sensibilizzazione verso questa malattia cronica e autoimmune che colpisce bambini (5 su 1milione) e adulti di tutto il Pianeta, in prevalenza donne (il rapporto femmine/maschi è di 9 a 1), unendo in questa battaglia medici e pazienti.
 
Anche quest’anno, infatti, il Gruppo LES Italiano è presente all’appuntamento mondiale del 10 maggio con iniziative su tutto il territorio.
 
«L’obiettivo è quello di sensibilizzare tutta la popolazione e le istituzioni verso questa malattia, che interessa 60.000 persone solo in Italia, perché uno dei problemi che maggiormente viene riscontrato è la diagnosi tardiva», sostiene Augusta Canzona, Presidente del Gruppo LES: «Con i momenti di incontri medici-pazienti, i banchetti informativi sulla patologia nelle piazze, nelle farmacie e negli ospedali e anche attraverso i pranzi sociali, le feste, gli spettacoli musicali e teatrali, e gli eventi sportivi vogliamo far conoscere che cos’è il LES, raccogliere fondi per continuare nella ricerca e dire che se la malattia è diagnostica per tempo si può tenere a bada», aggiunge la Presidente del Gruppo LES.
 
Ma che cos’è il LES? «Si tratta di una malattia cronica autoimmune, sistemica – interessa più organi – che presenta una serie di anomalie immunologiche. Vale a dire che il sistema immunitario produce auto-anticorpi atti ad aggredire e distruggere l’organismo.
 
Questo provoca una serie di infiammazioni generalizzate. Non si conoscono le cause, ma si pensa siano implicati fattori genetici e ambientali», spiega Stefano Stisi, Direttore della Reumatologia dell’AO San Pio, Presidio Gaetano Rummo di Benevento e Past President del Collegio Reumatologi Italiano (CReI).
 
 
E come si manifesta? «Può presentarsi sia in età pediatrica che adulta. Ma, in genere, interessa le donne perlopiù tra la seconda e la quarta decade, in età fertile.
 
Di solito, il dolore che riferiscono i pazienti, la stanchezza generalizzata, l’inappetenza, la perdita di peso e le febbricole sono sintomi che fanno richiedere approfondimenti allo specialista reumatologo.
 
Altri segni che possono essere presenti si manifestano sulla cute con eritemi a farfalla o chiazze sul corpo, alopecia, o fenomeno di Raynaud. In genere, l’esposizione al sole può causare peggioramenti dei sintomi», continua Stefano Stisi, ricordando che dal 16 al 18 maggio si apriranno le porte del XXII Congresso Nazionale CReI presso l’NH Villa Carpegna di Roma e che il LES sarà uno degli argomenti di una delle tavole rotonde a cui si siederanno gli esperti reumatologi provenienti da tutta Italia.
 
Come mai molti pazienti riferiscono che servono anni per arrivare a una diagnosi? «Questa è una delle testimonianze che ascoltiamo più di frequente», fa notare Augusta Canzona. «Sappiamo che se non diagnosticato precocemente, il LES può condurre a esiti molto gravi e a volte a un coinvolgimento irreversibile degli organi.
 
A volte, ci sono aggravamenti improvvisi e la necessità di cure più intense, estese e costose sotto diversi profili. La qualità della vita, quindi, può decadere drasticamente», afferma la Presidente del Gruppo LES.
 
Ecco perché è importante parlare ancora di malattie reumatiche, tra cui il Lupus Erimatoso Sistemico, sfatando il mito che
interessino solo le persone avanti con gli anni e che la loro comparsa sia “normale”.
 
Non è così. «Spesso, l’esordio caratteristico della malattia non evidenzia moltissimi dei sintomi che fanno immediatamente pensare al LES. Di solito, l’evoluzione della patologia è lenta e graduale e può servire anche diverso tempo prima di arrivare agli esperti reumatologi e/o immunologi clinici che si faranno carico della persona malata. Molte volte, succede che il paziente viene inviato da altri specialisti per fare altri tipi di accertamento.

147 Visite totali, nessuna visita odierna

10 maggio, giornata, lupus, malattia, mondiale

Continua a leggere

La Festa dell’Europa celebrata a Roma con l’Orchestra Romena dei Giovani

La Festa dell’Europa sarà celebrata a Roma, nell’ambito della Presidenza Romena del Consiglio dell’Unione europea, con un concerto dell’Orchestra Romena dei Giovani, il 5 maggio 2019, ore 19.00, presso l’Auditorium Parco della Musica – Sala Petrassi.

L’evento è organizzato dall’Ambasciata di Romania nella Repubblica Italianadalla Rappresentanza in Italia della Commissione europea e dall’Accademia di Romania in Roma. Il concerto segna l’apertura della stagione “Europa in Musica”, programma di concerti di giovani talenti e di artisti consacrati organizzato dal cluster EUNIC Roma e previsto per il periodo maggio-dicembre 2019.

 Tra i più importanti ensembles giovanili al mondo, con presenze su prestigiosi palcoscenici musicali internazionali, l’Orchestra Romena dei Giovani riunisce i migliori giovani musicisti del Paese che hanno ricevuto numerosi consensi dal pubblico e dalla stampa, dimostrando la sua versatilità nel repertorio proposto.

Il direttore d’orchestra Rafael Butaru proporrà un ricco programma musicale che comprende spettacolari brani di Puccini, Vivaldi, Mozart, Corelli, Enescu e Bartok.

215 Visite totali, 6 visite odierne

auditorium, concerto, europa, festa, orchestra romena, roma

Continua a leggere

Nasce Beyond Rheumatology, la rivista scientifica open access capitanata dal CReI, per documentare la Real Life della Reumatologia

E’ stata presentata da pochissimo Beyond Rheumatology, la nuova  rivista scientifica del CReI, il Collegio Reumatologi Italiani presieduto da Angela De Cata, responsabile della UOAS IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo (FG), tenutasi nella Sala degli Atti Parlamentari della Biblioteca del Senato.

Beyond Rheumatology nasce con l’intento di colmare un vuoto nelle pubblicazioni scientifiche di settore, grazie alle firme di nomi illustri della Reumatologia e di altre branche mediche che si occupano, negli ambulatori e negli ospedali del territorio, della cura dei più dei 5 milioni di malati reumatici in Italia.

Perché le 150 patologie reumatiche a oggi conosciute coinvolgono più organi, e possono interessare gli occhi, i polmoni, il cuore, la pelle e non ultima la psiche. “L’obiettivo della nostra rivista scientifica è quello di intercettare la real life delle malattie reumatiche, quella vissuta dai pazienti ogni giorno”, spiega Angelo De Cata: “Andremo a colmare il gap che manca, quindi.

234 Visite totali, nessuna visita odierna

Beyond Rheumatology, CReI, reumatologia, rivista, scientifica

Continua a leggere

Torna la settimana dell’Organizzazione promossa da APOI dal 21 al 27 marzo

Dal 21 al 27 marzo, torna la Settimana dell’Organizzazione, la manifestazione promossa da APOI, Associazione Professional Organizers Italia, durante la quale  l’organizzazione sarà messa al centro e, grazie ad eventi offline e online, si potranno avere consigli e acquisire metodi per migliorare la propria organizzazione.

L’evento nasce per dare una risposta alle numerose richieste che quotidianamente arrivano da ogni parte, per gestire il numero degli oggetti, il moltiplicarsi degli impegni e le scadenze, seguendo i consigli di  una task force di professional organizers italiani.

Durante la manifestazione, per quanto riguarda gli eventi offline, gli associati APOI, professional organizers italiani, organizzeranno eventi su tutto il territorio italiano, dal Piemonte alla Sicilia, in librerie, palestre, scuole e coworking e ancora circoli, showroom e associazioni.

396 Visite totali, 3 visite odierne

APOI, Organizzazione, settimana

Continua a leggere

Piano Lab 2019 incontra l’Ospedale Miulli, cerimonia consegna del “Pianoforte T. TRAUHVERIN BERLIN”

Riportare uno strumento musicale all’antico splendore, dopo un restauro fatto ad arte, è impresa non da poco. Occorre un’estrema conoscenza professionale delle problematiche tecniche e meccaniche e bisogna saper cogliere l’«anima» musicale dello strumento per ridarle la sua integrità sonora.

Bisogna dunque prendersene cura, come fa un dottore con il suo paziente, migliorandone il fisico ma soprattutto lo spirito. Questo è ciò che è avvenuto con il pianoforte verticale T. Trauhverin Berlino (mod. 132, matricola n. 1835), costruito intorno al 1917 ed appartenuto al Lebbrosario Colonia Hanseniana Opera Pia Miulli, struttura ospedaliera sorta nel 1953 in agro di Gioia del Colle e situata tra i boschi, lungo la direttrice che conduce a Matera, in contrada Vallata.

Nel 2016 l’Ente Ecclesiastico Ospedale Generale Regionale «F. Miulli» di Acquaviva delle Fonti ha affidato il restauro del pianoforte tedesco alla ditta Marangi Giovanni & Figli snc, azienda pugliese – con sede principale a Martina Franca – dall’esperienza centenaria nel settore degli strumenti musicali. Venerdì 8 marzo, alle ore 16.00 nella sede dell’Ospedale «F. Miulli», si svolgerà la cerimonia di consegna del pianoforte verticale restaurato, posizionato nella hall di attesa del complesso ospedaliero.

All’evento interverranno Mons. Domenico Laddaga (delegato del Vescovo-Governatore Giovanni Ricchiuti), Giuseppe De Lillo (direttore operations Miulli), Massimo Griffi (responsabile del corso per tecnici accordatori organizzato per il restauro), Giorgio Manni (pianista e miglior tecnico accordatore del corso), l’affermato pianista pugliese Francesco Libetta (co-direttore artistico di Piano Lab), Franco Marangi (amministratore della ditta Marangi Giovanni & Figli snc) e Giovanni Marangi (presidente associazione culturale «La Ghironda»).

Il restauro meccanico e del mobile del pianoforte è stato operato attraverso «Piano Solo Lab», progetto di formazione per tecnici accordatori promosso dalla Presidenza del Consiglio – Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile, con l’avviso pubblico «Giovani per il Sociale», e realizzato dall’associazione culturale «La Ghironda» di Martina Franca.

In origine questo pianoforte T. Trauhverin Berlin era un cosiddetto «autopiano», uno di quegli strumenti musicali in grado di suonare automaticamente, senza l’ausilio di interventi esterni, grazie a meccanismi pneumatici o elettromeccanici.

Da ora in poi lo strumento sarà a disposizione di chiunque vorrà suonare per sé e per gli altri (è sufficiente chiederne le chiavi in portineria), come avviene già in molti altri luoghi dove i pianoforti, in particolare, sono strumenti dispensatori di benessere e di accrescimento culturale.

L’evento è inserito nella programmazione dell’iniziativa «Miulli in Rosa» che si sta svolgendo dal 4 all’8 marzo, un percorso dedicato alla salute delle donne attraverso consulti e visite gratuite nell’ospedale di Acquaviva.

Dopo la cerimonia di consegna dello strumento seguirà la performance della pianista pugliese Mariacristina Buono, tra i migliori talenti della nuova generazione pianistica italiana.

In programma la Partita n. 1 di Johann Sebastian Bach e la Fantasia op. 28 di Felix Mendelssohn. Il concerto è l’evento inaugurale di «Piano Lab 2019», il festival itinerante organizzato dalla Ghironda, che celebra annualmente, in Puglia, il re degli strumenti. 

Da venerdì 8 marzo, inoltre, sarà possibile iscriversi all’iniziativa «Suona con Noi» (dettagli e informazioni sul sito www.pianolab.me), la kermesse che si svolgerà il prossimo 10 e 11 agosto a Martina Franca, con la partecipazione di più di 200 pianisti dislocati in varie sedi del centro storico.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

474 Visite totali, nessuna visita odierna

cerimonia, concerto, Ospedale Miulli, piano lab, Pianoforte

140 anni fa nasceva Perusini, l’italiano che scoprì l’Alzheimer

Centoquaranta anni fa,  il 24 febbraio 1879, nasceva a Udine il dr. Gaetano Perusini il medico italiano che scoprì assieme con Alois Alzheimer la malattia neurodegenerativa che all’inizio prese il nome di patologia di Alzheimer-Perusini.

Il medico italiano, oggi ingiustamente dimenticato,  e il suo collega tedesco fecero i primi studi sulla malattia nei manicomi dove venivano rinchiusi i pazienti affetti da questa patologia allora non compresa.

I due dottori avevano capito che non si trattava di pazzi e dalle osservazioni fatte, prima durante la vita dei pazienti e successivamente anche con le autopsie del cervello nei cimiteri dei manicomi, individuarono le prime caratteristiche della patologia, evidenti nel cervello.

Perusini individuò, con 80 anni di anticipo, prima che venisse documentata scientificamente, la sostanza responsabile della malattia, costituente le placche, oggi nota come proteina amiloide.

Perusini la descriveva come “un prodotto metabolico patologico di origine sconosciuta” che si comportava come “una specie di cemento che incolla le fibrille  insieme”.

L’intuito scientifico di Perusini ha anticipato le moderne considerazioni sulle cause  patogenetiche della malattia.

203 Visite totali, nessuna visita odierna

Alzheimer, fondazione, IGEA Onlus, perusini

Continua a leggere

“Organizzare Italia” pubblica il primo rapporto italiano sulla disorganizzazione

Il 22 febbraio scorso durante la conferenza stampa (presso FENAPI) sono stati presentati i primi dati relativi al fenomeno della disorganizzazione e la sua incidenza su benessere, produttività e soddisfazione personali.

Organizzare Italia, azienda che da anni si occupa di formazione delle competenze organizzative, ha presentato il primo rapporto italiano intitolato “Organizzato o disorganizzato, come ti senti?”, che ha visto al centro della ricerca l’analisi della disorganizzazione percepita e vissuta dagli italiani.

Si stratta di un’indagine che ha coinvolto 300 persone alle quali è stato sottoposto un questionario online di 23 domande per investigare se le persone si sentano organizzate o disorganizzate, e come questo abbia ripercussioni sulla vita. Dalle risposte degli intervistati sono emersi risultati interessanti.

315 Visite totali, nessuna visita odierna

disorganizzazione, Organizzare Italia, rapporto, ricerca

Continua a leggere

Gastroenterologia ed endoscopia digestiva: convegno all’Ospedale San Giovanni di Roma

Panoramica sulle nuove tecnologie e i casi clinici. Tavola rotonda sui rischi professionali con la presenza di legislatori, medici e magistrati
 
Il 18 e il 19 gennaio si è tenuto presso la Sala Folchi dell’ospedale San Giovanni di Roma un convegno medico intitolato: “Ritorno al futuro. Dalle iniziali esperienze alle nuove tecnologie in gastroenterologia ed endoscopia digestiva”.
La manifestazione è stata organizzata dalla UOC Gastroenterologia ed endoscopia digestiva diretta dalla dott.ssa Maria Giovanna Graziani, Responsabile scientifico dell’evento, e ha visto la partecipazione di illustri professionisti del settore. In particolare i partecipanti hanno potuto assistere nella prima parte del convegno all’analisi e alla presentazione medica delle innovazioni tecnologiche nel settore specifico della gastroenterologia ed endoscopia digestiva.

320 Visite totali, nessuna visita odierna

convegno, endoscopia, Gastroenterologia, ospedale, roma, San Giovanni

Continua a leggere

Taranto: mostra personale d’arte contemporanea dal 4 al 12 gennaio 2019

Una nuova esposizione sarà inaugurata venerdì 4 gennaio alle ore 18.30, nello SPAZIO CLAM di Taranto,  nell’ambito del progetto LO STATO dell’ARTE, curato dall’Associazione C.L.A.M. International . Intitolata “La Tecnica dell’Arte ”, la mostra personale di Mimino Miccoli , rappresenta un’esperienza inusuale nella produzione artistica del nostro tempo.

Nell’era del digitale, l’analogico diventa ormai microarcheologia industriale e lascia in eredità memorie, sensazioni, emozioni che hanno riempito le nostre vite segnate dall’innovazione tecnologica del boom economico.

Tanto fascino hanno avuto su di noi i materiali plastici ed i preziosi metalli delle apparecchiature industriali, inesorabilmente destinati alla demolizione, dopo la diffusione rapida e travolgente del digitale.

mimmo

Delicata e colta l’ispirazione di questa esposizione, in cui Mimino Miccoli ci permette di osservare come il processo creativo possa trasformare materiali metallici, viti, bulloni, rondelle, ghiere, trecce di massa e minuterie, un tempo preziosi nel mondo industriale ed oggi un cumulo di rifiuti, in poetiche ed ispirate figure, che raccontano storie di personaggi picareschi. 

Favolose le iconiche rappresentazioni di Don Chisciotte e del suo gregario Sancho, simboli della libertà dell’immaginazione.

La tradizione culturale del Mondo occidentale emerge nelle graziose e romantiche opere di Mimino Miccoli. L’artista rivela nel suo percorso artistico i riferimenti di valore che considera i pilastri della nostra civiltà.

Dalle origini del Cristianesimo, rappresentate nei suoi futuristici presepi, alle figure di Masai, alla rappresentazione della Pietà, alla scena del balcone di Giulietta e Romeo, alle numerose figure della tradizione popolare, ai personaggi dell’era del motore, Mimino Miccoli riesce ad esprimere con i materiali della sua officina un panorama di gioielli di estrema raffinatezza.

Il freddo colore dell’acciaio diventa lucente nel contrasto cromatico con il caldo dorato dei componenti di bronzo prezioso ed il nero opaco della familiare bachelite, un tempo utilizzata per realizzare i telefoni delle nostre case.

L’esposizione può essere visitata tutti i giorni dalle 17.30 alle 20.00 dal 4 al 12 gennaio 2019.

Info: assclaminternational@gmail.com
           392728692

 

177 Visite totali, nessuna visita odierna

Arte Contemporanea, miccoli, mimino, mostra, Taranto

Desk Day 2018: grande successo per la I^ giornata
dedicata all’organizzazione della scrivania

Si è tenuto lo scorso 6 dicembre il primo Desk Day, ovvero la prima giornata nazionale dedicata all’organizzazione razionale della scrivania.

L’evento ideato da Organizzare Italia, prima azienda in Italia che si occupa di formazione delle competenze organizzative ha ottenuto un grande successo, riunendo un gran numero di persone molto interessate a comprendere come poter organizzare il loro spazio fisico di lavoro.

L’obiettivo prefissato dall’azienda promotrice della giornata ha raggiunto il suo obiettivo, cioè quello di favorire la formazione per la  creazione di spazi di lavoro comodi e funzionali capaci di sostenere il lavoratore nel libero svolgimento delle proprie attività lavorative. Sia che si lavori in ufficio, sia che si lavori a casa, la scrivania infatti è lo spazio fisico cardine dell’attività lavorativa.

Infografica Desk Day 18 - Organizzare Italia

Sabrina Toscani, fondatrice di Organizzare Italia, l’azienda che ha ideato e promosso il Desk Day ha espresso molta soddisfazione: “Il primo Desk Day italiano proposto da Organizzare Italia è stato un successo.

Un gran numero di persone ha chiesto, durante l’intera giornata il nostro aiuto per organizzare meglio la propria postazione di lavoro, condividendo foto della propria scrivania e ricevendo in cambio consigli pratici da mettere in opera subito per alleggerire lo spazio di lavoro e di conseguenza la mente”.

Inoltre ha tenuto a precisare: “Direi che il primo importante risultato è stato proprio quello che i nostri interlocutori, e di questi giorni in generale, da quando è partita la campagna di sensibilizzazione all’organizzazione razionale della scrivania, hanno compreso il messaggio e si sono avvicinati alla soluzione.

Hanno capito che per affrontare tutti gli impegni, gli oggetti, le informazioni che li circondano e che arrivano senza soluzione di continuità è necessario organizzarsi. Sistemare la scrivania è appunto un metodo facile e veloce per aiutare la mente a lavorare meglio e per fronteggiare con energia e positività tutto ciò che arriva durante il giorno”.

Il prossimo obiettivo afferma infine Sabrina Toscani sarà: “Ripetere il Desk Day ogni anno il 6 dicembre, sicuri che la strategia di farsi supportare da uno spazio di lavoro organizzato possa essere adottata nel corso dell’anno da un numero sempre crescente di persone”.

117 Visite totali, 3 visite odierne

desk day, giornata, Organizzare Italia, prima, scrivania

Organizzare Italia promuove il Desk Day: come organizzare la scrivania per lavorare meglio

Si svolgerà il 6 dicembre la prima giornata nazionale dedicata all’organizzazione razionale della scrivania, per favorire il flusso di lavoro e il benessere individuale.

Si tratta di una campagna ideata e promossa da Organizzare Italia, prima azienda in Italia che si occupa di formazione delle competenze organizzative, per favorire la creazione di spazi di lavoro comodi e funzionali capaci di sostenere il lavoratore nel libero svolgimento delle proprie attività lavorative.

Sia che si lavori in ufficio, sia che si lavori a casa, la scrivania infatti è lo spazio fisico cardine dell’attività lavorativa. Sulla scrivania transita di tutto, blocchi per appunti, post-it a cui è stato affidato un messaggio, faldoni da esaminare, documenti da archiviare e molto altro.

Spesso però è un luogo disordinato dove regna il caos, ricettacolo del non evaso, non concluso non archiviabile. Caos e disordine sono grandi nemici della produttività, infatti sovraccaricano i sensi di stimoli erodendo la capacità di mettere a fuoco.

Per cui avere una scrivania affollata di oggetti tende ad aumentare la sensazione di avere più cose da fare e causa stress, oltre al fatto che spesso il disordine comunica una cattiva immagine di sé e della propria capacità di gestire il lavoro creando imbarazzo e frustrazione.

Il Desk Day si svolgerà giovedì 6 dicembre, una data strategica che cade all’inizio di un mese in cui si cerca di chiudere con le cose irrisolte e si avviano attività da mettere in campo per l’anno che dovrà iniziare.

Un momento perfetto per dedicare tempo alla razionalizzazione dello spazio della scrivania e per individuare priorità lavorative e comfort degli spazi.

Per il Desk Day le offerte di Organizzare Italia sono tante. Un vademecum che indicherà i passi da seguire per avere una scrivania organizzata e funzionale, un test per misurare il caos della propria scrivania, 5 consulenze gratuite ai primi che il 6 dicembre condivideranno la foto della propria scrivania sulla pagina Facebook di Organizzare Italia.

Per il resto dei partecipanti risposte in tempo reale sulla pagina Facebook dell’azienda e infine la possibilità di acquistare ad un prezzo eccezionale nei giorni precedenti il Desk Day il modulo formativo con il quale apprendere come organizzare al meglio e in maniera funzionale la propria scrivania.

 

Per info: www.organizzareitalia.com
Ufficio stampa Organizzare Italia
fabioladigiovangelo@hotmail.com

 

 

159 Visite totali, nessuna visita odierna

desk day, eventi, lavoro, Organizzare Italia, scrivania

L’intervista all’onorevole Vincenza Giuliana Labriola: una “garanzia” per il Sud

Il Mezzogiorno rappresenta una risorsa per il nostro Paese, ed è proprio in questo momento di grande instabilità politica -economica dell’Italia, che la Consul Press ha voluto porre alcune domande all’onorevole Vincenza Giuliana Labriola, eletta alle elezioni politiche del 2018 alla Camera dei Deputati nelle liste di Forza Italia.

L’onorevole da tempo si batte su temi importanti: lavoro, salute, ambiente, tutte questioni di grande rilievo per il Sud. Vediamo nel dettaglio le domande rivolte all’onorevole Labriola.

1) Nell’agenda politica di Forza Italia rientra anche la questione del Mezzogiorno, quali sono i punti su cui vi siete più focalizzati?

“Per quanto riguarda il Sud abbiamo fatto qualche mese fa una conferenza stampa dove abbiamo presentato quella che è l’idea di Forza Italia e le risposte che lo stesso partito vuole dare. Prima di tutto occore dire che  il Mezzogiorno rappresenta un’area di crisi complessa sotto vari profili.

Portare via dal territorio i giovani, sia per motivi di lavoro che di studio, significa impoverirlo, perché quando vanno via i giovani, viene a mancare chi può portare una miglioria al territorio, rendendolo sempre più un territorio depauperato.

Rimane così solo la gente che non può andare via e non può contribuire alla crescita dello stesso perché sprovvista degli strumenti necessari. Al centro del nostro discorso politico rientra il tema delle infrastrutture, il Sud non può crescere se non si riduce la forbice infrastrutturale con il  Nord.

Altri temi importanti sono quelli delle bonifiche e della messa in sicurezza del territorio e altra questione rilevante è l’rugenza di risolvere il problema dell’illegalità dilagante.

È necessario anche un ritorno al Sud, trovare quel tessuto sia in welfare che in opportunità lavorative di sviluppo imprenditoriale che al momento manca.

Altro punto fondamentale è l’immediato intervento sulla sanità, non è possibile che nella maggior parte delle regioni meridionali ci sia una sanità pubblica che non  funziona: è inconcepibile che il paziente per un intervento chirurgico, in ospedale deve aspettare anche un anno, dal privato invece, pagando impiega meno della metà del tempo.

Siamo in un cortocircuito che non può essere più demandato ad altra data”.

2) Quali sono i disegni di legge specifici che avete presentato sulla questione del Mezzogiorno?

“Abbiamo presentato sia una risoluzione in aula che è stata approvata, sia un pacchetto di proposte nella Legge di Stabilità dove prevediamo una defiscalizzazione più seria, più strutturale e una serie di investimenti per le infrastrutture. E’ importante ricordare che nel Sud manca, anche per colpa della classe dirigente, una programmazione per il recepimento dei finanziamenti europei che ci sono, ma non si riescono a spendere”.

 3) Che cosa pensa della Legge di Bilancio 2019? 

“Su questo tema noi come Forza Italia non siamo completamente convinti di questa manovra fiscale, nel senso che è una manovra che va a finanziare in deficit delle norme che invece avrebbero bisogno di essere finanziate non in deficit: un esempio è quota 100, che è prevista solo per il 2019.

Nella scorsa legislatura si prevedeva un meccanismo di flessibilità in entrata e in uscita, con una staffetta generazionale, che è un meccanismo semplice, ovvero invece di andare in pensione a 62 anni, garantisci il futuro pensionato all’azienda fino ai 67 anni con un contratto part time, e in questi cinque anni, lo stesso forma il giovane che entra in azienda. Quota 100 come è pensata oggi non pensa a una staffetta generazionale”.

4) Il suo partito cosa propone per migliorare la situazione meridionale?

“Condivido l’idea della scorsa legislatura di Forza Italia, che aveva provato a lanciare il referendum sul regionalismo differenziato, per mettere a punto una serie di strategie su sanità, infrastrutture, ridimensionamento economico del Mezzogiorno, perché è fondamentale la presenza dello Stato a Sud.

Per esempio su Taranto, che tra l’altro è la mia città, chiedo da molti anni di togliere la sanità alla Regione per essere ridisegnata a livello nazionale per le strutture ospedaliere, le assunzioni, i tecnici, i macchinari ecc., per poi ridarla alla Regione per la gestione ordinaria. Il Sud al momento ha bisogno di un intervento diretto dello Stato”.

Le ultime battute dell’onorevole sono rivolte all’urgente necessità di ripensare alla rinascita vera di un Mezzogiorno, ma l’idea stessa che ancora oggi esista una questione legata allo stesso, è davvero paradossale.

 

186 Visite totali, nessuna visita odierna

giuliana, intervista, labriola, onorevole, sud, vincenza

Scompenso cardiaco: gli “esperti” riuniti per una visione d’insieme al convegno presso Palazzo Giustiniani

Ieri, martedì 27 novembre,  nell’incantevole Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani (Senato della Repubblica) si è svolto il convegno organizzato da Stefano De Lillo con la Onlus Lazio Salute e Sanità per l’Eccellenza, intitolato “Scompenso cardiaco: Scenario attuale e prospettive future”.

L’iniziativa è nata dall’esigenza di fornire un momento di approfondimento e confronto su un tema di attualità e rilievo scientifico che riguarda appunto lo scompenso cardiaco.

Quest’ultimo rappresenta oggi una delle patologie di maggior incidenza clinica, con un fortissimo impatto sociale e di spesa sanitaria. Dai diversi interventi durante l’incontro si è appreso che appaiono però all’orizzontevi nuovi studi di ricerca che offrono prospettive terapeutiche molto interessanti.

Inoltre, la tecnologia sta aprendo nuove frontiere, offrendo la possibilità di monitorare il paziente con scompenso cardiaco prevenendo recidive, nuovi ricoveri e diminuendo la mortalità.

E’ stata anche l’occasione per valutare come l’offerta tecnologica ed i nuovi dati della ricerca apportino cospicui miglioramenti socio-economici relativi a questa patologia.

Un convegno molto partecipato che dopo i consueti saluti istituzionali  ha dato grande spazio ai preziosi  interventi scientifici.

Il dottor Fabrizio Oliva, direttore di cardiologia-emodinamica unità di cure intensive cardiologiche presso l’Ospedale Nigaurda di Milano, ha presentato i dati amministrativi e osservazionali di una ricerca che ha messo in luce ottimi risultati. Prima di tutto i dati hanno dimostrato che negli ultimi 50 anni la cardiologia ha ottenuto grandi successi.

Per un miglioramento in campo scientifico il dottor. Oliva spiega che bisogna puntare sulla prevenzione, investire sulla ricerca, prendere in considerazione gli aspetti educazionali che prevedono la preparazione di medici adeguati e infine una organizzazione della rete sia ospedaliera che del territorio rendendo più facile l’accesso alla cure per il paziente, che diventa protagonista attivo dello stesso processo di cura.

Altro contributo importante è stato quello del professore Gianfranco Gensini, che ha posto l’attenzione sui modelli organizzativi, prevedendo un cambiamento per la medicina generale, infatti lo stesso propone per il futuro l’uso di una cartella clinica condivisa, percorsi assistenziali, e l’osservazione di una prescrizione secondo quanto viene indicato dalle linee guida.

Ulteriore intervento è stato quello del professore Francesco Fedele il quale ha tenuto a precisare che lo scompenso cardiaco non è una malattia bensì una sindrome.

Bisogna avere con il paziente un approccio globale, ovvero chi presenta uno scompenso cardiaco è portatore di numerose comorbidità  (gli esperti intendono quel fenomeno per cui in una persona sono presenti due o più disturbi di origine diversa) ed è spesso complesso e fragile.

Per questo la valutazione deve essere multidisciplinare e multiprofessionale. Infine ha sottolineato come il rapporto tra ospedale e territorio debba essere fondamentale per prevenire le riospedalizzazioni.

Questi sono stati solo alcuni degli interventi scientifici proposti  durante l’incontro che assieme agli altri hanno offerto spunti sui quali continuare a lavorare per migliorare gli obiettivi futuri e le prospettive sul tema dello scompenso cardiaco.

183 Visite totali, nessuna visita odierna

cardiaco, convegno, giustiniani, palazzo, scompenso

Sistema Museale Nazionale: il sesto incontro al Planetario di Roma

Il 16 novembre scorso presso l’Aula Ottagona (Planetario) delle Terme di Diocleziano a Roma, si è svolto il sesto ed ultimo incontro organizzato dalla Direzione generale Musei del Ministero per i beni e le attività culturali, con l’obiettivo di promuovere il Sistema museale nazionale.

Questo appuntamento rientra nel ciclo di conferenze inserito nel calendario di eventi del 2018, anno europeo del patrimonio culturale.

L’evento è iniziato con i saluti di Daniela Porro, direttrice del Museo nazionale romano e moderato da Manuel Roberto Guido per la Direzione generale Musei.

Gli ospiti che sono intervenuti durante l’incontro sono stati: Daniele Pitteri, direttore del Complesso Museale Santa Maria della Scala di Siena, Serena Bertolucci, direttrice del Polo museale della Liguria e Valentino Nizzo, Direttore del Museo nazionale etrusco di Villa Giulia di Roma.

Tutti gli interventi sono stati preceduti dalla proiezione di video che presentavano la realtà museale in cui gli stessi operano.

Un viaggio nel mondo dell’arte, un’occasione di promozione del patrimonio culturale italiano che si pone come nobile obiettivo quello di creare una rete che inglobi il sistema museale nazionale.

Una missione che punta alla promozione, ma anche  a migliorare il sistema di fruizione, accessibilità e gestione sostenibile del patrimonio culturale che porterebbe inevitabilmente a una sinergia tra tutti i musei dislocati sul territorio italiano.

Una conferenza partecipata, oltre agli ospiti “espertissimi” del settore, nell’Aula  Ottagona del Planetario era presente un numeroso pubblico, affascinato dalle parole dei relatori, ma soprattutto dalla immagini dei video proiettati che ancora una volta hanno messo in luce l’immenso patrimonio artistico di cui l’Italia dispone.

imm.testo

Non bisogna assolutamente dimenticare che per creare connessioni  in una rete che vede come protagoniste le realtà museali su scala nazionale, si deve saper fare comunità al fine di accrescere la partecipazione incuriosendo, includendo e divertendo su più livelli il pubblico che si reca a visitare ogni museo, avendo un programma ben dettagliato che coinvolga ogni fascia di età.

Infine è importante ricordare che possono accedere alla rete del Sistema museale nazionale, oltre ai luoghi della cultura statali, anche musei e luoghi della cultura non di appartenenza statale, pubblici o privati, su base volontaria e mediante un sistema di accreditamento definito nel Decreto ministeriale del 21 febbraio 2018 (pubblicato il 4 aprile 2018).

150 Visite totali, 3 visite odierne

musei italiani, planetario, roma, sesto incontro, sistema museale nazionale

Al Miulli parte il Laboratorio di make up per donne in oncologia

Dal 14 novembre parte al Miulli il “Laboratorio di make up per donne in oncologia”.  L’iniziativa è immaginata innanzitutto per le donne che stanno affrontando trattamenti di radioterapia e chemioterapia, che spesso sono forieri di danni alla pelle.

Un team di estetiste qualificate APEO effettuerà un check personalizzato per consigliare le più adeguate cure del viso, del corpo e delle unghie, cercando di supportare la battaglia contro il cancro anche attraverso la dedizione verso la femminilità.

L’Ospedale come luogo di cura a 360°, in cui il paziente possa sentire l’attenzione del personale medico e delle associazione di volontariato che quotidianamente prestano la loro preziosa opera in favore dei degenti.

È da queste premesse che nasce la collaborazione fra l’Ospedale “F. Miulli” e l’associazione Una rosa blu per Carmela di Santeramo in Colle, che nei mesi di novembre e di dicembre realizzeranno il Laboratorio di Make up – Spazio benessere all’interno della struttura di Acquaviva delle Fonti.

LOCANDINA A3 novembre

Gli appuntamenti si terranno il mercoledì dalle ore 15.00 alle 17.00, con partenza il 14 novembre e prosecuzione nelle giornate del 21 novembre12 e 19 dicembre. È consigliata la prenotazione telefonica tramite il numero 339.2335367.

 

189 Visite totali, nessuna visita odierna

donne, LABORATORIO, make up, oncologia, Ospedale Miulli

Sri Sri Ravishankar a Roma, AHIMSA per una società libera da stress e violenza

Si svolgerà martedì 30 ottobre, presso l’ambasciata dell’India in via XX Settembre a Roma il contemporary talk alla presenza di Sri Sri Ravishankar.

L’incontro “AHIMSA, per una società libera da stress e dalla violenza” si inserisce in una serie di incontri e appuntamenti gratuiti dal vivo e online per avvicinarsi alla pratica della meditazione come abitudine quotidiana per gestire meglio se stessi e esprimere al meglio il proprio potenziale.

Sri Sri Ravishankar sarà presente il 30 e il 31 ottobre per importanti incontri istituzionali sempre riguardanti il tema della non violenza e della risoluzione dei conflitti cosa per cui è particolarmente rinomato e conosciuto in tutto il mondo.

Uno degli ultimi suoi contributi è stato quello tra i guerriglieri della FARC e la Colombia terminato con l’accordo di pace tra le due parti basato sul principio Gandhiano di non violenza.

Una serie di incontri gratuiti in tutta Italia che porteranno la conclusione del tour a Milano, con workshop UNVEILING INFINITY da lui stesso guidato e che sono rivolti a diffondere il valore della meditazione come strumento per affrontare la vita quotidiana, imparare a gestire la mente, raggiungere uno stato di riposo e serenità, appunto la meditazione, per consentire alle persone di giungere ad una piena consapevolezza del sé.

Sri Sri Ravinshankar, ambasciatore di pace, quinto uomo più influente al mondo nella classifica di Forbes, ha fondato Art of Living nel 1981, la ONG internazionale che opera in 152 paesi per migliorar la qualità della vita attraverso programmi di gestione dello stress.

In particolare durante questo tour in Italia Sri Sri Ravinshankar sosterrà il progetto internazionale “Art of Living Prison Smart” per una detenzione più riabilitativa che punitiva e “Art of Living Gift a Smile” che offre educazione gratuita agli studenti delle zone rurali dell’India.

L’evento a Roma sarà l’occasione per conoscere l’operato di Sri Sri Ravinshankar, ispirazione per persone di qualunque provenienza e soprattutto per diffondere il suo messaggio di amore, saggezza e compassione.

Info:
ufficio stampa

117 Visite totali, nessuna visita odierna

incontro, roma, società, Sri Sri Ravishankar, stress

Violenza sui posti di lavoro: la proposta di legge presentata alla Camera dei Deputati

MEDICI in Prima Linea  

per la “Difesa contro la Violenza sui posti di Lavoro”

Il 25 ottobre u.s. presso la Camera dei Deputati, in occasione della Conferenza Stampa e del Convegno sulle “Aggressioni ai sanitari: un fenomeno sociale?” organizzato dal CIC, Collegio italiano dei Chirurghi, la dottoressa Marina Cannavò, medico psichiatra, ha presentato la proposta di legge di cui è autrice e promotrice contro la violenza nei confronti dei lavoratori, in particolare degli operatori sanitari.

144 Visite totali, 3 visite odierne

camera dei deputati, convegno, lavoro, legge, proposta, VIOLENZA

Continua a leggere

Newsletter

Iscriviti al Servizio Newsletter di Consulpress e riceverai via posta elettronica gli ultimi aggiornamenti dalla nostra Agenzia di Stampa.

Archivio Articoli

© 2013-2019 Consul Press. Testata registrata presso il Tribunale di Roma, N° 87 del 24/4/2014.
Editore: Associazione Culturale "Pantheon" - Direttore Responsabile: Antonio Parisi
Sede: via Tagliamento, 9 - 00198 Roma (RM). Telefono: (+39) 06 92593748 - Posta elettronica: info@consulpress.eu

Le statistiche sulle visualizzazioni degli articoli, si riferiscono ad un periodo che inizia da gennaio 2019.