Skip to main content

All’ Università Lateranense: Convegno su “Industria 4.0 & Lavoro”

COMUNICATO STAMPA  A CURA DI

  PONTIFICIA UNIVERSITA’  LATERANENSE Istituto Redemptor Hominis”

Fondazione Etica ed Economia  #  Fondazione Tarantelli

Ufficio Pastorale Sociale Diocesi di Roma

 

Viene  promosso il CONVEGNO 

“INDUSTRIA 4.0 E  LAVORO”

industrie4.0

H. 15,30,   Saluto  S.E. Mons. ENRICO DAL COVOLO  – Rettore Magnifico PUL 

H. 15,45,  Introduzione Prof. ARNALDO ACQUARELLI – Presidente Fond. Etica ed Economia

H. 16,00,  Prof. LUCIANO PERO – School of Management Politecnico Milano “Lavoro, organizzazione e industria 4.0”

H. 16,30,  Prof. PASQUALE PASSALACQUA – PUL “Industria 4.0: prospettive e sfide per il diritto al lavoro”

H. 17,00,  Dott. CIRO CAFIERO –  Giuslavorista Founding Partner “Il crowd work e le sfide del legislatore e del sindacato sul piano delle tutele dei lavoratori della gig economy”   

Moderatore: Prof. GIUSEPPE GALLO – Presidente Fondazione Tarantelli

H. 17,30 TAVOLA ROTONDA “LE POLITICHE DEL LAVORO CHE VERRA”

On. GIULIANO POLETTIMinistro del Lavoro e delle Politiche Sociali

Dott. GIANLUCA PETTINI – Segretario Confederale CISL

On. RICCARDO PEDRIZZI – Presidente UCID Lazio

 

 Conclusioni: Prof. GIANNI MANZONE PUL Dottrina Sociale della Chiesa

Moderatore: Ing. GIUSEPPE COLONA – Ufficio Pastorale Sociale – Diocesi di Roma

PER ADERIRE,  RSVP:

E-mail: unieticaroma@gmail.com

 

il Taglio Tasse alle Imprese

IL PERCHE’ ”   è scattata la corsa mondiale a tagliare le Tasse alle Imprese

______________di ENRICO MARRO   per il SOLE24ORE *

Perché è scattata la corsa mondiale a tagliare le tasse alle imprese ?  Dal 1° gennaio 2017 l’Italia ha tagliato dal 27,5% al 24% l’Ires, l’imposta sul reddito delle società. Mentre in Gran Bretagna dal 1° aprile l’aliquota ordinaria sui redditi d’impresa è scesa dal 20% al 19%, con la prospettiva di scivolare al 17% nell’aprile del 2020. E ieri negli Stati Uniti l’amministrazione Trump ha annunciato una riforma fiscale il cui piatto forte è un drastico taglio della corporate tax, dal 35% al 20%. Non sono tre casi isolati: come attesta uno studio dell’OCSE, “Tax Policy Reforms in Oecd”, in tutto il mondo sviluppato è scattata una competizione a chi abbassa di più le tasse. L’obiettivo è chiaro: diventare attrattivi per le grandi multinazionali straniere, con una ricaduta positiva sulla crescita economica.

Continua a leggere

Sovranismo e Libertà Politica

SOVRANITA’ va cercando ch’è si cara, come sa chi per lei vita rifiuta ! 

1.0 // Se si chiedesse, in un’inchiesta demoscopica, a cosa fa pensare la parola “sovranità”, oltre a una maggioranza di risposte improbabili, qualcuno risponderebbe ad una “autorità che giudica con decisioni inappellabili su ogni possibile oggetto e rapporto”. L’elemento più importante di una simile “definizione” è il soggetto, ossia che si tratta di un’ “autorità”. E ciò coincide con la concezione della sovranità interna allo Stato (alla sintesi politica). Se tuttavia si analizzano meglio, dal lato esterno, gli elementi essenziali del concetto, è necessario introdurre, per ottenere una definizione esaustiva (che ne comprenda quanti più elementi essenziali), il termine “antitetico” ad autorità, e cioè libertà. E questa non è contraddizione ma complementarietà: nella storia la formazione di sintesi politiche (Stati) si è realizzata, verso l’interno con la riduzione-relativizzazione dei poteri intermedi e, in una certa misura, dei diritti individuali, ossia nella costruzione di un potere irresistibile; all’esterno, attraverso la rivendicazione della esistenza politica indipendente (ovvero libera da interferenze e rapporti ineguali) della comunità (dell’istituzione) che rivendicava la sovranità.

Continua a leggere

Dallo “Schiaffo di Tunisi”…

….. PROSEGUONO LE OFFESE SEMPRE DALLA STESSA PARTE ! 

E’ passato più di un secolo dallo “schiaffo di Tunisi”, espressione ampiamente utilizzata nelle cronache dell’epoca per qualificare l’azione di forza dell’occupazione militare della Tunisia da parte della Francia, contro le aspirazioni italiane. La storia oggi si ripete, come se il Governo Gentiloni fosse ancora quello di Cairoli, primo ministro dell’Italietta povera, anzi stracciona, e del tutto inadeguato a fronteggiare le sfide del tempo, con la differenza che ora, al contrario di allora, si reagisce con molto meno orgoglio nazionale, si fanno spallucce e non ci si dimette.

Continua a leggere

Conferenza con il Ministro Nathalie Loiseau

invito

COLLOQUI DI POLITICA INTERNAZIONALE

Rilancio dell’Europa:
per un’Unione vicina ai cittadini e che li protegga

Roma, 27 luglio 2017
14.45 – 15.45

(14.30 Arrivo e registrazione dei partecipanti)

Palazzo Rondinini
Via del Corso 518

Programma (link)

Scheda di registrazione (link)

Lingua di lavoro: italiano-francese (con traduzione)

L’accesso sarà consentito soltanto a coloro che confermeranno la partecipazione e
fino a esaurimento dei posti disponibili.

E’ d’obbligo l’abbigliamento formale.

Le riprese fotografiche e video sono vietate.

Si ringrazia la Banca Monte dei Paschi di Siena per la gentile concessione della sala

____________________________________

Istituto Affari Internazionali (IAI)
via A. Brunetti 9, I-00186 Roma

Tel.      +39 063224360 (Switchboard)
Fax      +39 063224363
E-mail   iai@iai.it
Web     www.iai.it
Twitter  @IAIonline
_____________________________________

 

La Geopolitica Euro-Mediterranea

Comunicato Stampa            

MEDITERRANEAN FORUM alla Camera di Commercio di Roma 

Rethinking the Euro-Mediterranean geopolitical space in turbulent times

Venerdì 7 luglio 2017, nella splendida cornice della Sala del Tempio di Adriano si è svolta – come già annunciato mercoledì 3 luglio su questo web – la I^ Edizione del Mediterranean Forum of Rome, una piattaforma indipendente in grado di offrire uno spazio comune di dialogo tra gli attori dell’area strategica del Mediterraneo, organizzata in esclusiva da Universal Trust.

Valerio De Luca, Presidente del ROMED FORUM, ha introdotto i lavori ringraziando la Fondazione FENL e il Direttore Esecutivo del Forum Pierpaolo Abet, sottolineando la stringente necessità di creare un luogo di incontro capace di prendere posizione su questioni che stanno agitando le acque del Mediterraneo e colpendo al cuore i Paesi Europei, come quella economica, sicuritaria e migratoria, che saranno al centro del Paper che verrà realizzato per l’occasione dal Prof. Michel Korinman, Emerito di Geopolitica – Università Sorbona e dal Dott. Paolo Quercia, Direttore del Centro Studi per l’Estero Vicino.

Continua a leggere

Unione Europea: ultima fermata

L’Europa costruita con norme e trattati trovava la sua ragione d’essere nella diffusa crescita del benessere che, in una concezione ottimistica delle previsioni, tutte improntate sulla inarrestabile ascesa del mercato, libero da tassi e balzelli di varia natura, non sarebbe mai venuta meno. Su questo postulato, sulla cieca fiducia in un dogma fideistico, si è proceduto alla instaurazione della moneta unica, una valuta senza sovranità, se non quella delle banche, che, da subito, nelle operazioni di cambio con la nostra moneta nazionale, ha presentato un primo, pesante danno al reddito ed al risparmio, privilegiando, causa i mancati controlli, gli arrotondamenti a favore di intermediari e di finanziarie protesi a sfruttare nel modo a loro più conveniente, l’evento.

Ancora pochi anni, poi la crisi, che, attraversando l’Atlantico, ha messo il continente europeo alle corde ed, in modo ancor più gravoso, ha bloccato ogni possibile iniziativa di rilancio dell’Italia, anello debole, dove l’illusione di una prosperità progressiva, basata solo sul castello cartaceo di una finanza “creativa”, aveva posto in secondo piano il vero motore del benessere, rappresentato dalle attività realmente produttive.

Inevitabilmente, le conseguenze disastrose determinate da pressappochismo e miopia di una classe dirigente europea priva di una visione solidale delle problematiche scaturite dalla circostanza, ha dato vita ad una politica di parametri coercitivi nell’esclusivo interesse delle economie più avanzate; è, dunque, questa l’Europa del Trattato di Roma? No, è molto peggio. Questo burocratico Club dove vale, sempre e comunque la politica del più forte, non ha un’anima, ma ha comunque, un comune interesse: un mercato liberista dove chi sbaglia la mossa per minore astuzia o maggiore debolezza, paga pegno.

L’abbiamo visto con la Grecia, un caso limite, ma facilmente applicabile all’Italia e forse a tutta l’Europa mediterranea. È un Club, questo di Bruxelles, molto simile ad un pensionato per la terza età, dove gli ospiti sono convinti di essere ancora in pista, come negli anni verdi, e di esercitare un potere del passato, dove la grandeur francese, come per abitudine, la forza industriale della Germania e l’attitudine imperiale britannica potevano ancora regolare le sorti del mondo.

Oggi tutto questo non esiste ed i vari revivals degli ultimi tempi sembrano anticipare un definitivo “de profundis”.

Si è smarrito, forse ad arte, il senso stesso dell’Europa, che non nasce in visione unitaria come si vuol far credere, nell’isola di Ventotene, ma affonda le sue radici nella romanità, nell’abbraccio vitale di un Impero capace di unire nazioni diverse con la forza del diritto e della lingua comune, bastione di civiltà a difesa delle pressioni esterne da un Est ancora idolatra e desideroso di saccheggio e distruzione.

L’idea di un continente europeo figlio dell’Impero di Roma non è stata mai del tutto abbandonata, questa idea, anche se volutamente oscurata, ha continuato ad appassionare intellettuali e filosofi proprio in Italia e nel bel mezzo del Ventennio fascista. Già nel 1929, vedeva la luce “Antieuropa” un mensile di “azione e pensiero” di Asvero Gravelli, fautore di un rinnovamento spirituale del continente, che dieci anni prima, a Versailles, aveva gettato le basi per un nuovo conflitto e diffuso il germe assassino dello stesso ruolo di punta europeo nella storia. Scriveva Gravelli, nell’editoriale del primo numero “…noi siamo l’eresia della moderna Europa…” volendo intendere come eresia la volontà di una rivolta morale capace di portare solidarietà sociale contro l’alienazione del capitalismo gabbato per modernismo.

L’Unione Europea, quella del fiscal-compact e delle politiche depressive, è giunta, probabilmente, alla fine del suo non esaltante percorso: cosa rimarrà? Le formazioni di diverse ideologie che invocano un ritorno alla completa sovranità nazionale, prima fra tutte quella monetaria, con tutti i rischi connessi, specie per l’Italia, ad un nuovo rapporto di cambio e la definitiva scomparsa politica di un continente, schiacciato da superpotenze d’Oriente e d’Occidente. Ed allora, non sarà opportuno stare insieme, non certo nel modo odierno?

Alessandro P. Benini

(Articolo già pubblicato su “IL BORGHESE”, periodico diretto da Claudio Tedeschi)

Mediterranean Forum of Rome

MEDITERRANEAN FORUM of ROME
Rethinking the Euro-Mediterranean
geopolitical space in turbulent times

 

Friday July 7th, 2017
CAMERA DI COMMERCIO DI ROMA – SALA DEL TEMPIO DI ADRIANO

PIAZZA DI PIETRA – ROME, ITALY
9:00 a.m. – 1:15 p.m.

 

The Foundation for a Europe of Nations and Freedom (FENL) is pleased to invite you to the MEDITERRANEAN FORUM of ROME that is meant to be an occasion where different ideas and solutions will be exchanged, ideally leading to a Euro-Mediterranean common space of dialogue that addresses most of the current issues in the social, economic and cultural dimensions.

 

 

SPEAKERS

 

– Hassan Abouyoub, Ambassador of Morocco to Italy and former Minister of Commerce and Investments;
 Valerio De Luca, Chairman of the Mediterranean Forum of Rome;
– Mons. Pierpaolo Felicolo, Director of the Migrantes Foundation Office of the Vatican Roman Diocese;
– Enrico Giovannini, former Minister of Labour and Spokesperson of the Italian Alliance for Sustainable Development;
– Enrico Granara, Euro-Mediterranean Multilateral Activities Coordinator at the Italian Ministry of Foreign Affairs and International Cooperation;
 Hervé Juvin, French writer and essayist;
– Michel Korinman, Professor Emeritus of Geopolitics at Sorbonne University;
 Edin Mujagic, economist, The Monetary Kring, The Netherlands;
– Eugenio Occorsio, Journalist at La Repubblica;
– Yahya Pallavicini, President of the Islamic Religious Community of Italy;
– Giulio Terzi di Sant’Agata, Ambassador and former Minister of Foreign Affairs;

Usa – Germania, duello per l’Europa

COMUNICATO STAMPA –  Presentazione Nuovo Numero del Periodico “LIMES”  – 5/2017

| 13 giugno, h, 19:00  presso lo “Spazio Fare” al  Mercato Centrale Roma 

Pubblichiamo per i nostri Lettori l’invito ed il comunicato stampa, pervenutoci in Redazione da SIMONA SACCO  per la presentazione dell’ultimo numero uscito della rivista Limes intitolato “Usa-Germania, duello per l’Europa” (5/2017).  L’evento si svolgerà alle ore 19:00, presso la sala Spazio Fare, secondo piano Mercato Centrale Roma, in via Giolitti, 36.

Continua a leggere

Settore Bancario Italiano

IL SETTORE BANCARIO ITALIANO: CRISI E RESPONSABILITA’

In Italia, a partire dalla grande crisi finanziaria del 2007-2008, tutte le autorità hanno costantemente dichiarato che il settore bancario è solido e non necessita di interventi di sostegno da parte dello Stato, interventi del resto  ora non più possibili in ossequio alla legislazione europea.
Nello stesso periodo, le banche italiane si sono avvitate in una spirale di perdite su crediti concessi con scarsa professionalità, aggravate anche  dalla velocità imposta dalla BCE nella liquidazione dei  Non performing  loans; mentre il paese non si mostra tuttora in grado di uscire dalle conseguenze di una gravissima recessione economica.
Le banche si sono poi rifatte, almeno in parte, delle perdite piazzando a clienti spesso inconsapevoli obbligazioni subordinate destinate ad essere travolte dalla introduzione dei salvataggi interni, i bail-in, o, addirittura, col ricatto della concessione di mutui e fidi solo a chi acquistasse “volontariamente” azioni della banca stessa.

Continua a leggere

Tunisia: “Una Speranza per il Mediterraneo”

La Tunisia, quella piccola porzione d’Africa sottocasa, unico paese della costa nordafricana che ha potuto raggiungere, nella breve stagione della “Primavera araba”, un risultato di stabilità democratica, rappresenta, oggi, un esempio per tutto il sud del Mediterraneo.

Il Convegno Internazionale, promosso il 4 ultimo scorso, dalla Fondazione Craxi presso la sede della Rappresentanza della Commissione Europea a Roma, ha messo a fuoco i valori, tanti, e le altrettante problematiche che la Tunisia esprime ed affronta con determinazione. Gli interventi degli ambasciatori di Tunisi e di Roma, del Presidente della Camera di Commercio Tuniso-Italiana e di numerosi docenti di ambedue i Paesi, hanno, nelle loro relazioni, sottolineato, oltre alle differenze, la medesima appartenenza culturale e lo scambio di lavoro e di commercio da sempre attivo fra Italia e Tunisia.

Continua a leggere

contabilizzazione della funzione monetaria

Come dovrebbe essere contabilizzata la funzione monetaria?

_________________di NICOLETTA  FORCHERI

& Per distinguere la funzione monetaria dalla funzione creditizia, in modo da rendere il sistema bancario vero intermediario e non come adesso creatore di moneta bancaria 11, occorre iscrivere la moneta creata come flusso finanziario nel rendiconto finanziario e come attivo di cassa nello stato patrimoniale, alla voce 10. La moneta è un segno contabile costituito da un simbolo tangibile gestito dall’ente emittente che rappresenta una cosa intangibile del tipo del valore, o potere di acquisto, conferito da chi accetta la moneta per le transazioni.

Continua a leggere

Informazione e dibattito pubblico nelle democrazie consolidate del XXI Secolo a partire dal caso Italia

Su iniziativa del Sen. Enrico Buemi
In collaborazione con

organizzatori

Venerdì 12 maggio 2017 ore 15
Senato della Repubblica  
Aula della Commissione Difesa
Palazzo Carpegna
Via degli Staderari, 2

INFORMAZIONE E DIBATTITO PUBBLICO NELLE DEMOCRAZIE CONSOLIDATE DEL XXI SECOLO A PARTIRE DAL CASO ITALIA:
QUALI PROBLEMI E QUALI RIFORME?

Prima sessione (15:00-17:00)
Principi, standard e criticità internazionali

Continua a leggere

CSM, Rating, e la sentenza del Tribunale di Trani

 Le MANIPOLAZIONI del RATING 

Un intervento di Alberto Micalizzi, segnalato alla nostra Redazione da parte di Giuseppe Magliacane (domenica 2 aprile 2017) 

______________________________________________________________________________

Dunque hanno paura. Anche ai non esperti risulta evidente che il dispositivo della sentenza di Trani che ha assolto in primo grado i funzionari di Standard & Poor’s perché “il fatto non costituisce reato” è robusto quanto una vetrina di cristallo. Ecco allora che ieri il consigliere del Csm Pierantonio Zanettin ha annunciato che Lunedi chiederà al Comitato di Presidenza del CSM l’apertura di una pratica in Prima commissione contro Michele Ruggiero “per valutare eventuali profili di incompatibilità ambientale e/o funzionale” (Fonte: ANSA).

Continua a leggere

Rilanciare l’Economia

Comunicato Stampa a cura del CESI sul CONVEGNO

QUALI MISURE PER IL RILANCIO DELL’ECONOMIA REALE IN ITALIA

 

Tale Convegno – organizzato dal Movimento TRE GENERAZIONI” su un complesso di temi di attualità – avrà luogo Giovedì 20 aprile 2017 presso il Senato (h: 10 – 13.).  Per il CESI –  Centro Studi Politici ed Iniziative Culturali  partecipano: Cristiano Rasi, Franco Tamassia, Giulio Terzi di Sant’Agata e Carlo Vivaldi Forti.

Per presenziare al Convegno occorre confermare la propria presenza tramite mail a 3generazionistaff@gmail.com per essere inseriti nella lista degli invitati da consegnare agli Uffici del Senato, sino ad esaurimento numero posti disponibili.

Continua a leggere