La storia di “Avanguarda Nazionale”
in un libro scitto da Adriano Tilgher

“La mia Avanguardia” 
Adriano Tilgher ricostruisce la storia di Avanguardia Nazionale

una rilettura critica di FABRIZIO FEDERICI 

“LA MIA AVANGUARDIA” – il libro di Adriano Tilgher, già pubblicato in aprile del 2019 (*1), è ora giunto alla sua 3^ ristampa  e, con l’occasione, viene riproposta una lettura effettuara da Fabrizio Federici con alcuni approfondimenti e qualche nota critica.      

*****   ***  *****

Sono d’accordo solo in parte con le tesi esposte, nel saggio autobiografico “La mia avanguardia” (Trabia, Avatar ed. 2020, €. 22,00), dallo scrittore e giornalista Adriano Tilgher. Che nel libro ricostruisce soprattutto la storia del movimento di destra “Avanguardia Nazionale” e, più in generale, di quegli anni cruciali della Repubblica che vanno dal mitico ’68 al 1975: quando, il 27 novembre, 72 presunti dirigenti e militanti di Avanguardia vengono arrestati con l’accusa di violazione della legge Scelba del ‘53 (per ricostituzione del disciolto Partito Nazionale Fascista: il processo si terrà poi nel ’76, portando, in ultimo, allo scioglimento dell’organizzazione), gli anni della contestazione generale, dei fremiti libertari del movimento studentesco; ma anche delle “stragi di Stato” (da Piazza Fontana all’ “Italicus”), del malessere sociale, del terrorismo (nel 1970 nascono le Brigate Rosse).

Sono d’accordo solo in parte, dicevo, perché, avendo da sempre – come riferimento intellettuale – il socialismo democratico, non condivido in pieno le tesi dell’Autore. Ma la fede nei princìpi dello Stato di diritto, come anzitutto l’uguaglianza di tutti gli uomini davanti alla legge e la presunzione di innocenza di ogni cittadino sino a quando non venga dimostrato colpevole (princìpi non sempre rispettati dalla nostra Repubblica!), nonchè la necessaria obbiettività di giornalista e ricercatore storico, mi spingono ad esporre con la massima obbiettività il contenuto del libro di Adriano. La storia, inoltre, va letta in ogni sua pagina: e, soprattutto, mai con gli occhi di oggi, né con le lenti dell’ideologia.

Avanguardia nazionale nasce nel 1970: ma le sue premesse risalgono a prima, esattamente all’ “incredibile ‘68”, quando il diffondersi, in tutta Italia, della contestazione studentesca e giovanile evidenzia un malessere da tempo serpeggiante nel Paese. Il 1 marzo del ’68, la storica “battaglia di Valle Giulia”, alla facoltà di Architettura di Roma occupata, tra studenti di sinistra e di destra contro gli agenti di P.S. (a difesa dei quali si schiererà il “controcorrente” Pasolini), evidenzia un fenomeno decisamente nuovo. Cioè l’ obbiettiva maturità degli studenti stessi che, pur appartenendo ad aree tra loro molto diverse, anzi, antagoniste (sono i giovani, tra cui appunto Tilgher, del “FUAN-Caravella”, dissidenti dal MSI, storico partito della destra italiana, e vari gruppi di “filocinesi”, nemici dichiarati del PCI), dan vita a una manifestazione in cui non alzano bandiere di partito o di movimento; e nel successivo scontro con la polizia sulle scalinate di Valle Giulia, evitano di combattersi anche tra loro.
Nei giorni successivi, dal 2 al 10 marzo, ricorda ancora l’Autore, si sviluppano trattative tra “Caravella” e “cinesi” per costruire un’unità d’azione, nell’ interesse solo degli studenti per il rinnovamento dell’ Università, che escluda il PCI, ritenuto mero pilastro del sistema. Purtroppo, rileva Tilgher, queste trattative falliscono, e il 16 marzo 1968 (esattamente dieci anni prima di Via Fani!), alla “Sapienza” l’intromissione, nelle vicende delle Facoltà occupate (Legge da “Caravella”, Lettere dai “cinesi”), del PCI da un lato e del MSI dall’altro, porterà di nuovo a uno scontro “di vecchio stampo”, tra attivisti di sinistra e di destra, con la polizia “terzo incomodo”. Qualcosa di simile, va detto, accadrà ancora nel “Secondo ‘68”, e cioè a febbraio ’77, sempre alla “Sapienza”: quando PCI e CGIL tenteranno, senza riuscirci, di imporre il loro ordine al “Movimento del ‘77” organizzando il comizio di Luciano Lama davanti al Rettorato. Ma il fatto veramente rivoluzionario, chiosa Adriano dal suo punto di vista, era che i giovani della “Caravella” (usciti poi, in gran parte, dal MSI) avevano finalmente deciso di posporre al lotta al comunismo a quella, invece, contro l’ “establishment” .

Come caso di semplice alleanza tra forze politiche minori, di opposte ideologie ma unite dalla comune avversione ai partiti maggiori, non era la prima volta nella storia. Ma a Roma, in quell’inverno del ’68, si trattava di ben altro: di un tentativo d’intesa non episodica tra due forze (sinistra estrema e destra non “ufficiale”) contro quel gioco sporco che – dobbiamo riconoscerlo – ha caratterizzato per decenni la nostra storia del dopoguerra. Cioè alimentare artificiosamente – col consenso, dietro le quinte, di tutti i partiti – lo scontro tra opposti estremismi e tra “fascismo” e “antifascismo”, sulla pelle soprattutto di tanti giovani (dai morti del rogo di Primavalle del ’73 a quelli di Via Acca Larenzia del ’78, passando per le tante stragi da Piazza Fontana in poi): per lasciar così il potere nelle mani sempre delle stesse forze politiche, rafforzate dalla mancanza di alternative credibili.

 In questa stessa ottica, di superamento della vetusta – quanto comoda- contrapposizione fascismo-antifascismo, (che personalmente condivido quasi in pieno: era ridicolo parlare di un “pericolo fascista” nel 1968, figuriamoci oggi!), e delle stesse etichette politiche “destra e sinistra”, ritenute ormai superate (e qui sono meno d’accordo, anche se Tilgher affronta questo tema in modo certo ben diverso dai “Cinque stelle”), l’ Autore ricostruisce , poi, le vicende della rivolta di Reggio Calabria del 1970/’72. Nei primi mesi del ’70, come dicevamo, nasce Avanguardia Nazionale, come organizzazione di destra antisistema, ma – puntualizza l’ Autore – non certo basata su una leggittimazione della violenza in stile nazista o leninista; in essa confluiscono giovani di destra , in gran parte transfughi del MSI, accomunati dal rifiuto dello snaturamento della sua identità socioculturale che da decenni l’ Italia sta subendo, nella sua condizione quasi di “colonia di fatto” degli USA, vincitori della Seconda guerra mondiale (e anche qui, non posso dare troppi torti al buon Tilgher).

A fine anni ’60, molti sono i segnali di malessere provenienti da un Sud in perenne ebollizione. La rivolta che esplode a Reggio a luglio del ’70 ha, in realtà, molteplici cause: determinante, però, è soprattutto l’accordo tra i partiti (specie DC e PSI, all’epoca guidato da Giacomo Mancini) per spostare il capoluogo regionale da Reggio a Catanzaro, “dando” invece l’ Università a Cosenza; sullo sfondo, decenni e decenni di mancate promesse statali sul decollo economico del MezzoGiorno, che generano il disgusto popolare per partiti e sindacati.
La rivolta di Reggio durerà piu’ di due anni, con scene cittadine degne di Belfast (intervengono addirittura tanks e paracadutisti) e, soprattutto, almeno 4 morti, parecchi arresti e condanne al carcere e al confino. Significativo, sottolinea ancora l’ Autore, è che ad essa partecipa spontaneamente tutto il popolo reggino; compresi esponenti di rilievo di tutti i partiti locali, dal sindaco dc Battaglia al deputato missino Ciccio Franco, dall’altro deputato, comunista, Catanzariti, all’ex-partigiano Perna.

E mentre a Reggio prosegue la rivolta, la notte del 7 dicembre 1970 è quella in cui dovrebbe scattare il “golpe Borghese”, il tentativo di colpo di Stato guidato dall’ex Comandante della X Mas, figura mitica della Seconda Guerra mondiale e della RSI, punto di riferimento di ampi settori di destra insofferenti di una democrazia che ha le sue innegabili pecche, e che Borghese ha cercato di coagulare nella sua organizzazione, il Fronte Nazionale. 
Sul golpe Borghese, bloccato all’ultimo momento, esiste ormai un’ampia bibliografia (importante, anzitutto, il libro dello scomparso Gianpaolo Pansa, “Borghese mi ha detto”, oggi pressochè introvabile).
Quella notte, i giovani di Avanguardia sono in attesa, in forte tensione, nella sede di Via dell’ Arco della Ciambella, nel centro storico: Tilgher dice di non sapere, tuttora, se effettivamente quella notte doveva scattare un vero colpo di Stato o qualcos’altro E sorvola rapidamente sui retroscena organizzativi del progetto di golpe e, soprattutto, sui motivi della laconica comunicazione di annullamento che, alle 24, lui e gli altri militanti ricevono in sede: vuole però sottolineare che, se anche il piano fosse scattato, Avanguardia, d’accordo con Borghese, non avrebbe mai consentito che il potere passasse a una giunta militare (come invece sarebbe stato in seguito, a Santiago del Cile nel ’73 e a Buenos Aires nel ’76; e come era stato per accadere in Italia stessa nel ’64, col presunto “golpe” del generale De Lorenzo)

Borghese muore poi in Spagna (dove è riparato dopo il fallimento del golpe) a fine agosto del ’74; il 2 settembre, Tilgher è tra i militanti di destra che riescono a vivacizzare il suo funerale (che le autorità vorrebbero tenere sotto tono), nella basilica di S. Maria Maggiore. Poco piu’ di un anno dopo, a novembre del 75, inizierà la ricordata istruttoria penale a carico dei militanti di AVN: sulla quale, sino al processo del ’76, Adriano Tilgher sta per pubblicare un altro apposito saggio.

Un libro, questo, in perfetto equilibrio tra letteratura memorialistica e saggio storico che, comunque lo si voglia valutare, colma un indubbio vuoto nella ricostruzione di quegli anni: anche col ricorso a un’ ampia documentazione fotografica, comprese copie di testi, documenti e volantini di AVN dei quali non era rimasta quasi più traccia.

Fabrizio Federici

***** ***** *****

NOTE A MARGINE – (*1) Il Libro doveva essere presentato in anteprima il 9 maggio 2019 nell’ Aula Magna di Teologia presso la Facoltà Valdese di Roma, in via Pietro Cossa, nelle adiacenze di Piazza Cavour.
Personalmente posso ipotizzare che tale scelta sia stata effettuata per un duplice motivo: il primo di natura spirituale, in quanto il nostro amico Adriano avrà pensato che alcuni ideali politici, se nobili, sono equiparabali ad una “Fede Religiosa”; il secondo di natura economica, in quanto tale location avrà avuto un costo sopportabile per gli organizzatori del Convegno. 
La presentazione si è dovuta però svolgere presso una Sala Congressi dell’ Hotel Cicerone, sempre nelle stesse adiacenze, in quanto dalla stessa Università veniva negata (all’ultimo momento) la disponibilità dell’aula già prenotata ed anche pagata ….ciò avendo probabilmente individuato l’autore del libro come personaggio “non politicamente corretto”, in base ai canoni del Pensiero Unico Dominante
Purtoppo anche i Confratelli Valdesi appartengono a quelle Chiese (Cristiane e non) che predicano bene e razzolano male; pertanto le Idee, gli Ideali le Ideologie e le Voci degli altri – qualora non conformi ai suddetti canoni – debbono essere semplicemente oscurate o cancellate. Questo è il bello dell’Ecumenismo e della Democrazia a senso unico ____________Giuliano Marchetti          

Lascia un commento

© 2013-2020 Consul Press. Testata registrata presso il Tribunale di Roma, N° 87 del 24/4/2014.
Editore: Associazione Culturale "Pantheon" - Direttore Responsabile: Antonio Parisi
Sede: via Tagliamento, 9 - 00198 Roma (RM). Telefono: (+39) 06 92593748 - Posta elettronica: info@consulpress.eu