Skip to main content

Autore: Redazione

Ai Reali d’Olanda un omaggio di ” splendidi volumi ” nella Residenza Diplomatica dei Paesi Bassi in Italia

L’Ambasciatore Gaetano Cortese ha incontrato, nella Residenza Diplomatica dei Paesi Bassi in Italia, l’Ambasciatore Willem Alexander Van Ee con l’Ambasciatrice Irina Bitzan, assieme al Responsabile della Stampa, Ewout Kieckens.
L’Amb. Cortese ha consegnato al Rappresentante Diplomatico dell’Olandese le prime copie del volume appena pubblicato sulla “Rappresentanza dell’Ambasciatore d’Italia nel Regno dei Paesi Bassi” della prestigiosa Collana dell’Editore Carlo Colombo di Roma, dedicata alla valorizzazione del ricco patrimonio architettonico ed artistico delle rappresentanze diplomatiche italiane all’estero.

Continua a leggere

Note dalla “Consulta dei Senatori del Regno”
…. da Torino, Domenica 12 Febbraio

LA CONSULTA DEI SENATORI DEL REGNO RICOSTITUITA IL 5 GIUGNO 1955,
IN UNA CONTINUITA’ IDEALE CON LO STATUTO ALBERTINO DEL 1848,
LA CUI RICORRENZA VIENE ANNUALMENTE CELEBRATA NELLA PRIMA DOMENICA DI GIUGNO

Aldo Alessandro Mola, il noto storico del Risorgimento, è stato rieletto Presidente della Consulta dei Senatori del Regno. Domenica 12 febbraio, durante un’affollata Assemblea a Torino, con votazione segreta, la Consulta ha riconfermato la fiducia a Mola e all’intero consiglio di Presidenza così composto: VicePresidente Vicario Luciano Garibaldi, storico insigne e biografo di Eddy Sogno; II° VicePresidente Giorgio Blais, Generale degli Alpini. Rappresentanti dell’Assemblea: il Prof. Giovanni Rabbia, saggista e l’Ingegnere Gianni Stefano Cuttica,

Continua a leggere

DAVOS 2023 – 16 / 20 Gennaio ….
Great Reset in failure or default ?

Il Grande Reset è fallito? Riflessioni su Davos 2023

Alla Redazione di Consul Press, nell’ultima decade di gennaio, sono pervenute queste riflessioni da parte di ILARIA BIFARINI, già pubblicate sul suo Blog,  ben lieti di poterle riportare sulla nostra Testata, come già avvenuto per altre interessanti tematiche in precedenti occasioni.
Nel corso di questa analisi, la “nostra” brillante economista si pone personalmente e pone ai suoi lettori un interrogativo a cui Ella stessa dà una risposta “dubitativa” che ci siamo permessi corredare con una massima di Mao Tse Tung.
Con l’occasione segnaliamo che proprio oggi è stata pubblicata, sempre su Consul Press, a firma di Alessandro Benini una breve recensione del suo ultimo libro “Blackout, la deriva dell’occidente”  presentato direttamente dalla Autrice sabato 28 gennaio, presso il Caffé Letterario Hora-Felix.
A tutti ….buona lettura! 

***** *** *****

Un Forum di Davos decisamente sottotono quello che si è da poco concluso nell’innevata cittadina svizzera. A pesare sono state più le assenze che le presenze: mancava il presidente americano Biden, probabilmente occupato dagli scandali dei documenti riservati, ma non c’era neanche la sua vice Kamala Harris; hanno disertato tra gli  altri Macron e il nuovo premier britannico Sunak, mentre l’Italia è stata rappresentata dal Ministro dell’istruzione. Dei capi di Stato del G7 era presente soltanto il cancelliere tedesco Scholz.

Tanti i miliardari, ben 116 per l’esattezza, ma non sono stati avvistati i volti più iconici della plutocrazia globalista, come Soros e Bill Gates. Il magnate di Tesla nonché nuovo patron di Twitter, l’anticonformista ed eccentrico Elon Musk invece, oltre ad aver dichiarato di aver declinato l’invito al consesso svizzero perché noioso, proprio nei giorni del summit ha lanciato delle accuse sferzanti, definendo il Forum di  Davos come un governo mondiale non eletto che il popolo non ha chiesto e non vuole.

Ad attaccare senza mezzi termini questo famigerato organismo, che solo due anni fa, in piena (psico)pandemia, annunciava fermamente e trionfalmente un Great reset della nostra civiltà, è stato anche il giovane e promettente governatore della Florida Ron Desantis: “vogliono gestire tutto e trattano i cittadini come servi e contadini. Stanno indebolendo la nostra società”. Ma le loro politiche, ha specificato, quando arrivano in Florida sono destinate a perire.

Il WEF, emblema della narrazione turbo capitalista, sembra un gigante con i piedi di argilla che si sta sgretolando.  Sintomatico di tale declino è la presenza dell’ex ministro degli esteri Di Maio, personaggio dalla caratura e reputazione quantomeno deboli.

Possiamo dunque esultare e affermare perentoriamente che il distopico e transumanista progetto del Grande Reset è fallito? .……. Ni.  / (*1)

Senz’altro l’encomiabile lavoro di denuncia da parte della libera informazione di questo disegno tanto disumano quanto sfacciatamente proclamato ha sortito i propri effetti. Molte persone hanno potuto appurare con il proprio giudizio, consultando e analizzando documenti ufficiali e inopinabili, che il modello di Davos segue un’agenda distruttiva del nostro tessuto economico, sociale e in definitiva della nostra civiltà occidentale. Dall’altra però un’informazione pubblica del tutto prona ai diktat delle politiche globaliste, catastrofiste ed eco-misantropiche continua a fare da cassa di risonanza a una narrazione altrimenti minoritaria, così come i vari capi di Stato in Occidente, anche quelli appartenenti all’area conservatrice, se ne fanno solerti esecutori.

Pieno e incondizionato sostegno all’Ucraina, secondo un surreale pacifismo guerrafondaio, e attuazione di assurde politiche “Green”, dalle quote di emissione di CO2 che gravano sulle aziende nazionale all’introduzione di alimenti a base di insetti e cibo artificiale nella nostra alimentazione: sono questi i cavalli di battaglia dall’agenda globalista, ribaditi a Davos. La stampa ha riportato con entusiasmo le dichiarazioni della premier finlandese  Sanna Marin per la quale occorre supportare l’Ucraina “per cinque, dieci, quindici anni”, fino a quando non vincerà la guerra.
Atterrati coi loro jet privati super-inquinanti, Ceo di banche e grandi multinazionali hanno discusso su come decarbonizzare l’economia mondiale per ridurre il tanto discusso riscaldamento climatico di presunta origine antropica, caldeggiando l’acquisto da parte di governi di cibo sintetico da somministrare in mense aziendali e ospedaliere.
La guerra alla nostra cucina tradizionale e alla connessa filiera enogastronomica è una delle nuove frontiere dell’ecologismo misantropico e malthusiano.

Nessun moto di indignazione è stato sollevato né da parte dell’informazione ufficiale né tantomeno dal mondo politico per l’inquietante ammissione del vice-cancelliere tedesco Habeck durante il consesso: “Ad agosto abbiamo distrutto il mercato (del gas) facendo impennare i prezzi per fare scorte”.
Una dichiarazione di una gravità inaudita, che avrebbe dovuto portare all’istituzione immediata di una nuova Norimberga. Famiglie e aziende terrorizzate e messe sul lastrico da un’esplosione dei prezzi energetici (e conseguente inflazione generale) studiata a tavolino per portar avanti le politiche bellicistiche della Nato e il piano di razionamenti in linea con le politiche neocologiste e decresciste. E invece tutto tace.

Più che del Grande Reset, la cui piena realizzazione sembra oggi scontrarsi con un multipolarismo antiglobalista e un’opposizione di nuovi personaggi carismatici, dobbiamo temere il blackout cognitivo e mentale in cui è sprofondata la politica e l’informazione pubblica, con effetto contagio sull’opinione pubblica.

  24/01/2023

                                                                        ________________Ilaria Bifarini

(*1)  si potrebbe pertanto aggiungere: “Grande è la confusione sotto il cielo, quindi la situazione è eccellente” !

 

 

 

 

 

 

Note e Comunicati dei “Monarchici Real-Democratici”

 NOTIZIARIO DAL PARTITO REAL DEMOCRATICO….GENNAIO 2023

28 Gennaio – Una Delegazione del Partito Real Democratico – presieduto da Massimo Arsetti – ha partecipato alla Cena di Gala dell’Istituto Nazionale per la Guardia d’Onore alle Reali Tombe del Pantheon, presente S.A.R. il Principe Emanuele Filiberto di Savoia, svoltasi presso l’Hotel Parco dei Principi in Roma, all’indomani della Celebrazione dei CXLV Anniversario della fondazione del Corpo.
Sulla manifestazione che ha avuto luogo domenica 29 Gennaio con una Cerimonia all’Altare della Patria ed una Divina Liturgia al Pantheon, la Consul Press ha pubblicato un intervento particolarmente vibrante a firma di Antonio Parisi – già Direttore di questa Testata – e corredato da un breve filmato, forse ‘artigianale’, ma senz’altro patriotticamente coinvolgente anche per coloro non di “fede monarchica” (ndr)

 

Continua a leggere

Archiviate le indagini sulla Lobby Nera:
il commento di Umberto Baccolo

Niente più chiacchiere dai “soliti cacciatori” di finti, o inventati, scoop ad personam

 ___________UMBERTO BACCOLO (1*) 

Un anno fa, quando scoppiò questo caso politico, dove palesemente non tornavano molte cose, fui tra i pochissimi, anche nel giro garantista, a provare a parlare con i protagonisti per raccogliere la loro versione, a studiare i materiali disponibili per capire meglio e quindi a dire chiaramente che sarebbe finita di sicuro come effettivamente adesso è finita.
Adesso i tempi sono cambiati, e con la Meloni al governo a molti oggi fa comodo raccontarla come vogliono, ma io ricordo bene e la realtà è che questa vicenda fu una schifezza e quasi nessuno ebbe il coraggio, o la convenienza, di dirlo chiaramente a mezzo stampa, e di provare a spiegare il perché, tranne appunto l’Unione Camere Penali, il sottoscritto e (se ci furono) pochissimi altri

Continua a leggere

La “Lobby Nera” entra in Archivio …..
sulla scena resta solo la “diffamazione”

“LOBBY NERA ARCHIVIATA 
Milano, 12 gennaio 2022  (*1)

100 – CENTO ORE di video riprese, abusive con telecamera nascosta, in luoghi ed eventi sia pubblici che privati, da parte di sedicenti giornalisti, agenti provocatori, infiltrati, per oltre 3 – TRE ANNI, con false generalità, nella destra milanese.
I servizi di FANPAGE e PIAZZAPULITA a due giorni dalle elezioni comunali di Milano, la campagna mediatica diffamatoria dei giornali di sinistra, la strumentale denuncia dei VERDI,  (successivamente ndr) sponsor di SUMAHORO.

Continua a leggere

In Puglia “L’Ordine del Drago”

 A Bari, nella Città del Santo Patrono Nicola di Mira

Nasce in Puglia, la Delegazione regionale della Casa Imperiale Bizantina Romena dei Principi Cantacuzino di Bisanzio (Despoti di Morea, Imperatori di Costantinopoli, Gospodari di Valacchia, Voivodi di Moldavia e Pazniki di Transilvania).
A presiedere il sodalizio è la Prof.ssa Angela Campanella, coadiuvata dal Dr. Damiano Nicolella, due ricercatori appassionati di Bisanzio, la prima autrice anche di un romanzo storico proprio sul mito di “Dracula” Vlad Tepes, entrambi di Bari, città marittima del Santo Patrono Nicola di Mira, carismatica e simbolica figura religiosa, venerata ecumenicamente da tutti i cristiani, sia cattolici che ortodossi.

Continua a leggere

Benedetto XVI – due riflessioni sul “Papa Emerito”
a cura di Franco Bucarelli e di Adriano Tilgher

Vengono qui di seguito pubblicate due riflessioni su Joseph Ratzinger,  pervenute alla Redazione di Consul-Press da parte di Franco Bucarelli nostro Antico Amico –  Giornalista & Vaticanista d’Assalto (…e non solo !) intervistato da Elleradio, nonché da parte di Adriano Tilgher, anch’egli nostro Antico Amico, sempre in grado di proiettare il cuore oltre l’ostacolo e più volte gradito ospite su questa Testata.
Al termine di queste due riflessioni viene altresì riproposta la lettura di un circostanziato intervento (pubblicato il giorno stesso della scomparsa di Papa Benedetto XVI) a firma di Antonio Parisi, ben noto autore di interessanti inchieste sullo Stato Città del Vaticano (…e non solo !), nonché già “Nostro” Direttore Responsabile della Consul Press.
______________ G.M.

******* *** *******

Continua a leggere

Capodanno 2023 in stile Made in Italy:
per il “cenone” la Campania al Top !

Capodanno 2023, gli italiani scelgono la Campania:
“Consigli per un Cenone in Casa”

 

a cura di FRANCESCO VALENTE 

La Campania non è soltanto una delle regioni più amate per il turismo estivo. Anche a Capodanno, infatti, questa zona della Penisola attira tantissimi turisti. Tra il buon cibo e la bellezza paesaggistica, la Campania si dimostra una meta quasi tagliata su misura per festeggiare l’Immacolata e l’ultimo dell’anno. Anche per via dei numerosi eventi che mette a disposizione dei propri avventori. Ed ecco alcuni consigli utili per organizzare un cenone a casa propria.

Continua a leggere

A Roma, sabato 17, alla Libreria ELI …….
trascorrendo una “Serata Pre-Natalizia”

TRA  ARTE, BOLLICINE, CULTURA, LIBRI E MUSICA

Alla Libreria ELI, in viale Somalia, una “Serata di festosa solidarietà” si è svolta una settimana prima di Natale – ed esattamente Sabato 17 Dicembre – con una rassegna di canti natalizi di Enzo Carro, artista poliedrico partenopeo, che ha intrattenuto i numerosi amici riportandoli alla loro infanzia.
Da intrattenitore giulivo e scherzoso, il “menestrello” – così ribattezzato da Enrichetta Arci, organizzatrice e madrina della serata, nonché Presidente della “Associazione Giampiero Arci -Società Civile”, – ha accompagnato per mano i suoi ospiti in un tour canoro in lungo per lo stivale, partendo dal Nord Italia, percorrendo il Centro, fino a giungere al Sud, impresa all’insegna della Pace, sempre evocata dallo spirito Natalizio, che neanche il generalissimo si sarebbe potuto sognare.

Continua a leggere

Per il Pontefice Benedetto XVI,
da parte della Chiesa Ortodossa Italiana Autocefala

Per Joseph Aloisius Ratzinger, Pontefice Emerito della Chiesa Cattolica

Carissimi Figli e Fratelli in Nostro Signore Gesù Cristo di cui sia sempre lodato il nome. Nelle ultime ore giungono notizie dallo Stato della Città del Vaticano sull’aggravarsi dello stato di salute del Patriarca di Roma e Pontefice Benedetto XVI.

Continua a leggere

“Stella e Corona”, a Genova, ritorna ad inaugurare
la propria nuova Sede Provinciale

GENOVA INAUGURATA SOTTO LO STEMMA DI “STELLA E CORONA”
LA NUOVA SEDE PROVINCIALE DEL PARTITO MONARCHICO

Pubblichiamo la seguente nota pervenuta alla Redazione di Consul Press
tramite Sergio Anselmi – Addetto Stampa per la Liguria

Preceduta dalla esecuzione della Marcia Reale d’Ordinanza, ha avuto luogo la cerimonia d’inaugurazione della nuova prestigiosa Sede Provinciale di Stella e Corona con la lettura di un vibrante quanto commovente messaggio – giunto per l’occasione dalla Casa Reale – da parte del Presidente Onorario del Partito il conte Roberto VITTUCCI RIGHINI di SANT’ALBINO, accompagnato dal marchese Guglielmo CAVALCABO’.

***** *** *****

Continua a leggere

Dalle Montagne del Trentino all’Azzurro del Cielo:
….. ciao Federico !

IN ALTO I CUORI  ! …….
IN RICORDO DI FEDERICO LA GANGA

UNA MINI ANTOLOGIA DI BREVI EPISODI, PENSIERI E RIFLESSIONI,
che terminano con un bellissimo pezzo pubblicato sulla Testata  “7 Colli”

Sarà cura della Redazione di ConsuI Press in ricordo di Federico pubblicare altri interventi di coloro che, in vita, lo hanno personalmente conosciuto ed apprezzato.

***** *** *****

Penso a te Federico, mio camerata, alle lunghe conversazioni serali già da ventenni, alle interminabili camminate, ai campi scuola, alle incursioni, alle goliardate, alle bevute.
Nonostante le avversità, sempre con il sorriso sulla bocca, sempre con la battuta sarcastica pronunciata con una serietà raggelante, premonitrice di una sonora risata. Uomo di grandi principi, di alti valori e di una inesauribile umanità. Sentirlo al tuo fianco da sicurezza, infonde consapevolezza, ti rende sempre più certo che la via intrapresa è quella giusta sia sui percorsi di montagna che nella vita, sia negli studi che nella lotta politica e… quando la tensione scemava ecco partire il canto di montagna. Filo conduttore della tua vita, della nostra vita l’amore per l’Italia e per questo amore ci siamo trovati e non ci siamo più lasciati.

Quanti ricordi, quanti episodi, quante vicende indimenticabili cemento indissolubile nella vita terrena e oltre.
Non ci vedevamo più tanto spesso ma ad ogni incontro senza ricordare, senza parlare, si toccava con mano la gioia e la consapevolezza di indimenticabili ricordi di una vita vissuta intensamente e con coraggio.
Per questo ti saluto nell’attesa della gioia del prossimo incontro.
Ciao Federico
______________ ADRIANO TILGHER 
*******

RICORDANDO FEDERICO, debbo dire di aver conosciuto quello che sarebbe diventato “il mio quarto fratello ” a fine novembre 1969. C’era l’inaugurazione della Sezione Flaminio del MSI in via Luca Signorelli, io ero ancora minorenne ma Italo Rochira mi aveva già nominato responsabile per Giurisprudenza del FUAN Caravella, Federico frequentava Avanguardia Nazionale.
Ho condiviso con Federico un lungo e difficile periodo di militanza, dal Golpe Borghese agli anni di piombo.
Mi ha insegnato:
– ad andare in montagna e ad accendere un fuoco sulla neve;
– a leggere un carta militare, a dormire in un sacco a pelo, e ad organizzare un campo;
– ma anche a montare una tenda su di una splendida spiaggia del Peloponneso.
Adesso cenavamo insieme una volta a settimana e vuotavamo una bottiglia di lambrusco.

Senza Federico il mondo ora sarà più vuoto
______________MASSIMO BUGLI 

*******

 

Federico è stato per me un fratello maggiore. Grande amico di mio padre, è stato presente da sempre nella mia vita.
Sono cresciuto con suoi rimbrotti, le pacche sulle spalle, i suoi consigli, la sua cultura, utilissima sia durante la scuola che nelle nostre conversazioni davanti ad un fuoco.
Ho amato il suo sorriso, tra il bonario e l’ironico, un po’ meno le grosse mani che spesso, sempre bonariamente, appoggiava con non troppa delicatezza sul mio povero collo!
Ora che sei su sentieri di monti inesplorati ricorda che se di notte, tra le ombre della luna vedrai le fiamme di un fuoco, li mi troverai ad aspettarti con un buon bicchiere di vino ed i tuoi camerati.

Il mio cuore è in alto … A presto
_________ALESSANDRO BARTOLI 

*******

Federico …“grande” quasi come un tuo Avo Normanno che spiritualmente aleggia ancora con la sua presenza in un Castello ottagonale in Puglia !
Quanti episodi possiamo ricordare insieme: la militanza politica, per me iniziata con il Msi in Prati/ il “Boja chi Molla”/ i tempi de “L’Orologio”/ i tempi del mio “Studio in via Barletta”, della “Libreria Dante”, le ricorrenze per il Solstizio, le belle cene nelle buone trattorie così come nelle peggiori osterie / i raduni camerateschi, la vicinanza con Casa Pound, nonché anche le nostre belle litigate !
…..Il giorno prima del mio compleanno (14 dicembre nella scorsa settimana), telefonicamente, ho saputo della tua scomparsa, restando raggelato.
Ed io, pur se coriacemente cattolico-ghibellino, auguro che Tu – essendo ora “andato oltre” – possa riposare sereno accanto al nostro Padre Celeste, ma anche accanto ai tuoi “Dei dell’Olimpo” – che pur io ammiro – unitamente ai nostri Miti ed Eroi, e a Coloro che ci hanno preceduto e che noi abbiamo conosciuto qui in Terra ed idealizzato per il loro “Stile di Vita”, nei nostri ricordi.

In questa vecchia foto, probabilmente inizi /metà anni ’80, nella foto Federico accanto a Giacomino De Santis, altro grande indimenticabile Amico della nostra Comunità, già “andato oltre” a fine giugno di questo stesso anno, davanti alla Ex ! ….(Clik su >] “Libreria Dante” in Roma.

_______________ GIULIANO MARCHETTI

***** *** *****

Addio a Federico La Ganga, camerata silenzioso.
Per lui la politica fu soprattutto cultura…

pubblicato sul Quotidiano Online 7 COLLI” a firma di   – 

Chi era Federico La Ganga? Chi era veramente?  – Di lui si sa poco, pochissimo, ma i militanti di una certa età, quelli degli anni Settanta, lo conoscevano – lo conoscevamo – un po’ tutti. Lo hanno definito in molti modi, ora che non c’è più. Un puro, un uomo verticale, uno che non si concesse mai a nessuna parrocchia politica, pur essendo frequentatore di molti ambienti: da quelli extraparlamentari della destra romana, Ordine Nuovo e la libreria di via degli Scipioni e anche Avanguardia Nazionale, al Msi, persino ad Alleanza nazionale. Nessuno sa la sua data di nascita, né dove era andato a scuola, né se avesse fatto – e dove – il servizio militare. Ma la sua preparazione tecnica in vari settori, fa supporre di sì. Tra l’altro era un paracadutista provetto e un amante della montagna.

Federico La Ganga gestì per anni la storica libreria “Dante” – Di carattere molto riservato, non parlava mai o quasi mai di sé. Parco di parole, tuttavia se sollecitato indugiava in spiegazioni esaurienti su qualsiasi argomento. Era professore di latino e greco, anche se non sappiamo dove si laureò, amante della storia e della filosofia e della politica. Nella sua vita ha partecipato a molti e vari campi-scuola, e escursioni in montagna, magari alla guida dei più giovani, ai quali spiegava il significato spirituale delle vette e delle meditazioni delle vette, per dirla con Evola. Pensatore che conosceva bene, perché per diversi anni gestì la storica libreria “Dante” in via Ennio Quirino Visconti al quartiere Prati. Era amico dell’altro famoso libraio alternativo, l’indimenticato Mario Trubiano, e fu in quegli anni che lo conobbi, lavorando nella libreria della LeDe, poco distante. Erano i primi anni Ottanta.

Quella sera a Trevignano – Lo rividi molti anni dopo, a una cena a Trevignano al locale Gens Trebonia di Ferdi Parisella, insieme con Gloria Sabatini (Federico era amico del papà Sergio, come Gloria ha raccontato in un bellissimo post) e Sandro Forte, autore dell’ultimo “Ordine nuovo parla”. Alla cui presentazione Federico andò pochi anni fa nella sede della Fondazione Alleanza Nazionale. In quella cena sul lago di Bracciano spiegò a tutti noi che non si diceva “Gens” Trebonia, come dicevamo tutti, ma si pronunciava “Ghens”, perché gli antichi latini dicevano così. Il tutto con grande semplicità e con grande competenza, senza mai salire in cattedra, e se lo sarebbe potuto permettere. Silenzioso, riservato, serio, sembrava davvero una persona calata da un altro tempo e un’altra epoca, un uomo che aveva ben poco a che fare con questi, di tempi.

“Uomo differenziato e soldato politico” –  Lo scrive benissimo Davide Di Stefano in un ricordo che vogliamo pubblicare in parte: “Uomo differenziato, soldato politico, unità imperiale, legionario, camerata. Sono tante le definizioni prodotte da un dato mondo politico e culturale, l’orizzonte a volte un po’ lontano e sfuggente fissato da un certo tipo antropologico. Se c’era qualcuno che, senza annunciarlo, era esattamente tutte queste cose, questo era Federico La Ganga (…) Io l’ho conosciuto come professore, o forse più correttamente come precettore, come guida. Un antico romano o un elleno, in ogni caso un uomo che solo per qualche oscura ragione si è ritrovato a vivere questi tempi. Uno spirito asciutto e forte, essenziale nella condotta, nel fisico, nella mente. La volontà d’acciaio e la pazienza infinita nel far studiare il greco e latino anche a un somaro.(…)

Federico La Ganga non prendeva mai soldi per le sue lezioni di latino e greco – Con un sarcasmo garbato ma fermo, fatto di lezioni in ginocchio, cazzotti in testa e insulti bonari. Impossibile pagarlo per il lavoro svolto perché “ai camerati non posso chiedere nulla”, reticente anche nel ricevere un semplice dono. La sua un’esistenza frugale, lontana dall’effimero. In un tempo come questo vengono le vertigini a pensare a quanto potesse essere in asse con il mondo un uomo come Federico. Che forse non avrebbe apprezzato nemmeno questo ricordo, visto probabilmente come un orpello posizionato in questo regno del narcisismo che sono i social. Ma ritengo sia giusto, per noi che abbiamo avuto la fortuna di condividere anche solo una parte del cammino insieme a persone di una razza ormai estinta, di ricordarli ed emettere una piccola risonanza per chi ha orecchie per ascoltare”.

Nelle isole greche alla ricerca dell’anima spartana  – Resta poco da dire: so che un periodo abitò a Maccarese con un cane, poi ultimamente abitava a CasaPound. Da qualche tempo era ricoverato a Trento, sua città di origine, per una malattia polmonare, sembra. Qui è morto, dopo un lungo cammino che ha dato tanto a una comunità ideale nella quale si identificava. Come i ragazzi di Raido, che ci hanno fornito la bellissima e struggente foto, nelle sue montagne, dove amava portare i giovani verso l’ascesi che lui conosceva e che cercò sempre di trasmettere agli altri. Ma non solo montagna, nell’anima di Federico. Negli ultimi anni, non sappiamo quali, l’estate andava, senza soldi e con uno zaino, alla ricerca delle isole greche, e forse anche dalmate, nei luoghi più lontani dai circuiti turistici, cercando forse l’anima spartana. Non solo cieli blu, dunque, ma anche mari blu per Federico.

(Foto: Raido)

 

   

Marina Cannavò, Psichiatra e Psicoterapeuta,
in Parlamento contro la violenza sulle Donne

LA “VIOLENZA DI GENERE – UN PROBLEMA DI SALUTE PUBBLICA

a cura della Dr. ssa MARINA CANNAVO’

INTERVENTO SVOLTO NEL  CONVEGNO DEL 25 NOVEMBRE 2022 ALLA CAMERA DEI DEPUTATI, PRESSO LA SALA DEL REFETTORIO, IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE
 
come a suo tempo segnalato dalla Consul Press 

Continua a leggere

Credito d’Imposta per Cuochi Professionisti:
finalmente in applicazione con il 2023

CREDITO D’IMPOSTA PER I CUOCHI PROFESSIONISTI
– Comunicato Stampa de
ll’on. Maria Spena pervenuto alla Redazione di Consul Press

Roma – “Finalmente è stato attivato il cosiddetto “bonus cuochi”, previsto dal Decreto interministeriale del 1 luglio 2022. Grazie a questo provvedimento, che ho presentato e seguito durante la scorsa legislatura in tutte le fasi del suo iter, verrà garantito un credito d’imposta, fino a 6 mila euro, a beneficio dei cuochi professionisti”.

Continua a leggere

REinART e Acigea per un’eccellenza formativa
e culturale nell’Arte, nella Moda e nello Stile

Nell’ambito dell’Arte, Moda e Design – settori intesi anche come elementi formativi e fondamentali in un ampio panorama culturale – sono già in programmazione e svolgimento una serie di “Corsi di Alta Formazione Certificata”, tramite una eccellente collaborazione sinergica tra REinART e ACIGEA.

Continua a leggere