Ricetta del mese di Settembre: bocconcini al formaggio

 

 

Preparazione: mescolare burro e farina e unire il formaggio e le spezie mescolando il tutto con l’aggiunta del tuorlo si formano i bocconcini, aiutandosi con due cucchiaini.

Immergere i bocconcini nell’albume e poi nei semi in modo che siano coperti uniformemente.

Disporre i bocconcini sulla carta da forno, che dovrà essere preriscaldato a circa 190 gradi.

Cuocerli per circa quindici minuti e servire con salsa di mirtilli o lamponi.

Ottimo come antipasto o snack pomeridiano.

250 gr di farina integrale

250 gr di formaggio tipo groviera o gouda o edam

20 gr di burro

Un cucchiaio di garam Marsala o cumino

Un tuorlo d’uovo

Un albume sbattuto

Semi tostati di sesamo, papavero

 

                                                                                                                                                                                 om Enrico Paniccia

om Enrico Paniccia, Paniccia, burro, bocconcini, formaggio, albume, tuorlo d’uovo, garam Marsala, cumino, farina integrale, groviera, gouda, edam, snack

L’ Impero trans-oceanico dei Fast Food, dall’ Atlantico al Pacifico

Negli U.S.A. i fast food fatturano oltre 200 miliardi di dollari annui

Negli Stati Uniti il fatturato dei fast food raggiunge quasi i 200 miliardi di dollari annui, cifra destinata a salire. Tra questi Mc Donald’s è al primo posto con quasi 98 miliardi. La competizione del Chinese Food inizia a calzare, anche se non sembra ancora creare problemi a catene grandi come imperi estesi in quasi tutti i paesi del mondo.

om Enrico Paniccia, Impero, trans-oceanico, Fast Food, Atlantico, McDonald’s, Burger King, James Mclamore, KFC, Pizza Hut, Taco Bell, Dunkin’ Donuts, Roadhouse, Old Wild West., Burghy, Chinese Food, Piazza Rossa, Mosca

Continua a leggere

Ricetta del mese di Agosto: spaghetti di soia con tonno e olive

 

                    

Tuffare la matassa di spaghetti di soia in acqua bollente, spegnere e mescolare bene per circa due minuti.

Scolare e raffreddare e tagliare a pezzi per formare spaghetti della giusta misura.

Tagliare a cubetti il tonno, cuocerlo con un filo d’olio con il prezzemolo in modo che risulti croccante all’ esterno.

Completare il condimento con olio a crudo, olive e sale.

Saltare in padella gli spaghetti e il condimento per un minuto e servire.   

 

150 gr di spaghetti di soia

200 gr di tonno fresco

80 gr di olive taggiasche

60 ml di olio extra vergine di oliva

Una manciata di prezzemolo tritato, aglio e peperoncino

Salsa di soia

Sale

 

                                                                                                                                                                                 om  Enrico Paniccia

om Enrico Paniccia, Paniccia, peperoncino, spaghetti, soia, tonno, olive, aglio

Ricetta del mese di Luglio: sorbetto al the verde

                         

Bollire l’acqua con lo zucchero e porre in infusione il the e la stecca di vaniglia, incisa nel senso della lunghezza, per circa 5 minuti.

Filtrare e porre in congelatore per qualche ora, mescolando di tanto in tanto.

In alternativa far raffreddare un unico blocco ben duro e tritarlo in un robot nel momento di utilizzo.

Lavare e asciugare i lamponi, condirli con zucchero di canna.

Distribuire in quattro coppe ben fredde, coprire con i lamponi e servire ben fredde.

 

 

Mezzo litro di acqua

150 gr di zucchero semolato

2 bustine di the verde

Una stecca di vaniglia

40 gr di zucchero di canna

2 cestini di lamponi

 

 

                                                                                                                                                                            om   Enrico Paniccia

om Enrico Paniccia, zucchero di canna, sorbetto, the verde, vaniglia, lamponi

Plinio il Giovane e le sue Chiumachelle

Un animale ermafrodita dai mille usi

 

 

La lumaca, nel dialetto romano è detta “chiumaca” e nella lingua francese “escargot” ed è una pietanza largamente consumata in diverse ricette locali in tutto il vecchio Continente. L’usanza di cibarsi di lumache risale ai tempi antichi: in Grecia e nell’antica Roma, il primo ad aver creato un allevamento di lumache per i Patrizi romani è Lippino, come narrano le cronache di Plinio il Giovane. L’importazione avveniva da tutte le parti del mondo allora conosciuto e le bestiole venivano ingrassate con farina di cereali ed erbe aromatiche. L’Italia è uno dei principali Paesi europei produttori ed esportatori di questo raffinato cibo, considerato afrodisiaco e con equilibrate proprietà nutrizionali. Può sorprendere infatti la considerazione che la carne di lumaca può essere sostituita come pasto al pesce magro ma è bene sapere che questo piccolo essere cornuto è anche curativo.

Dalla lavorazione della bava di lumaca si ottengono cosmetici per la pelle e si associa la forma dei suoi occhi, che vengono scambiati per corna, la funzione di scacciare e scongiurare tradimenti e sono  benaugurante per le riappacificazioni. . Il 24 giugno è la festa dell’accrescimento del Sole ma con il diffondersi del Cristianesimo era necessario sostituire tale rito con una ricorrenza religiosa della nuova fede.  La tradizione vuole infatti che, durante la notte di San Giovanni Battista, il consumo di limax -acis serva a scacciare gli spiriti maligni e a digerire contrasti e rancori accumulati durante l’anno.

                                                                                                                                                                                om   Enrico Paniccia

om Enrico Paniccia, Enrico, Lumache, ermafrodita, limax, Giovanni Battista, 24 giugno, Plinio il Giovane, erbe aromatiche, chiumaca, Lippino, escargot, spiriti maligni, benaugurante, Chiumachelle

Ricetta del mese di Giugno: la ciumacata

La ciumacata

Preparare un sugo con la polpa di pomodoro, soffriggendo l’aglio nell’olio con il prezzemolo e il peperoncino.

Quando la salsa si è addensata, aggiungere le lumache e cuocere a fuoco medio per una ventina di minuti circa.

Ingredienti per 4 persone:

  1. 32 lumache
  2. Un bicchiere d’aceto
  3. Olio extravergine, sale, prezzemolo e 2 spicchi di aglio
  4. Una polpa di pomodoro
  5. Mentuccia romana e peperoncino

 

 

                                                                                                                                                                             om   Enrico Paniccia

om Enrico Paniccia, Paniccia, evo, ciumacata, Lumache, pomodoro, Mentuccia, peperoncino, romana

Ricetta del mese di Maggio: insalata di melone, menta e avocado

Insalata di melone, menta e avocado

Pulire il melone, togliere la polpa e tagliarlo a cubetti.

Condire con zucchero, sale e qualche foglia di menta.

Aggiungere l’avocado e spruzzare con qualche goccia di limone.

Dopo averlo fatto macerare in frigo per qualche ora, servirlo in coppe molto fredde.

  1. Due meloni
  2. 40 gr di zucchero di canna
  3. Poco zenzero secco
  4. Poco peperoncino
  5. Un pizzico di sale (nero delle Hawaii oppure sale rosa himalayano)
  6. Qualche foglia di menta e limone

 

 

 

 

 

 O.M  Enrico Paniccia

om Enrico Paniccia, Paniccia, Ricetta, menta, avocado, zucchero di canna, zenzero

Ricetta del mese di Aprile: capretto al forno con patate e lampascioni

Capretto al forno con patate e lampascioni

 

Spezzare il capretto, pelare le patate e tagliarle a forma di moneta.

Sistemare in una teglia la carne, le patate e i lampacioni.

Mischiare il pecorino con il prezzemolo e l’aglio e coprire il tutto con questo impasto.

Mettere in forno per circa novanta minuti, a metà cottura innaffiare con la birra e spolverare con il pangrattato.

  1. Due Kg di capretto
  2. Un Kg di patate
  3. Mezzo Kg di lambacioni
  4. 100 gr di pecorino grattugiato
  5. 150 gr di olio d’oliva
  6. Due spicchi di aglio, prezzemolo, sale e pepe
  7. Un bicchiere di birra bionda
  8. Pangrattato

 

 

                                                                                                                                                                                om Enrico  Paniccia

om Enrico Paniccia, Paniccia, capretto, Lampascione, Lampascioni, Leopoldia comosa, lambacioni

VisiTuscia nella Provincia di Viterbo:
un rilancio per il Turismo e l’Agroalimentare

La  X Edizione  di VisiTuscia

VisiTuscia itinerante ….  tappa a Vetralla, Capodimonte e Marta

Peparello: la manifestazione si sta confermando sempre più il veicolo di promozione turistica più efficace del territorio

La X edizione di VisiTuscia, la Borsa del Turismo e dell’Agroalimentare della provincia di Viterbo, si è conclusa con un successo andato oltre le più ottimistiche previsioni considerate le condizioni atmosferiche tutt’altro che benevoli. A Vetralla è avvenuto l’incontro con gli amministratori e i rappresentati dell’economia locale, basata principalmente sulla produzione dell’olio.

Continua a leggere

© 2013-2020 Consul Press. Testata registrata presso il Tribunale di Roma, N° 87 del 24/4/2014.
Editore: Associazione Culturale "Pantheon" - Direttore Responsabile: Antonio Parisi
Sede: via Tagliamento, 9 - 00198 Roma (RM). Telefono: (+39) 06 92593748 - Posta elettronica: info@consulpress.eu