Skip to main content

Convegno sul Futuro per lo Spettacolo e Cinema
a Roma presso la LUISS, Giovedì 11 Maggio

CONVEGNO

QUALE FUTURO PER LO SPETTACOLO DAL VIVO E IL CINEMA

_________________a cura di CRISTIAN ARNI

Il giorno 11 Maggio 2023 a Roma, presso Aula Magna Guido Carli Luiss, Via Pola 12 alle ore 10.00 si svolgerà il Convegno: “Quale Futuro per lo Spettacolo dal Vivo e il Cinema”…. un evento per un confronto e dibattito sul settore dello spettacolo dal vivo, del cinema e dell’audiovisivo. 
Trattasi di un importante momento di partecipazione e comunicazione realizzato in collaborazione con tutte le Associazioni di categoria e i Professionisti del settore. L’incontro non sarà né un cahier de doleance. né un taccuino di mere richieste materiali, ma per proporre una migliore organizzazione del sistema, investimenti strutturali, sostegni indiretti in grado di sostenere gli operatori oltre i finanziamenti pubblici.

Continua a leggere

Cultura ed Arte al di fuori di ogni censura:
al Pianoforte suona Valentina Lisitsa

VALENTINA LISITSA CENSURATA”  perché “FILO-RUSSA”,
MA BYOBLU, IN SUO ONORE,  LE ORGANIZZA UN CONCERTO A MILANO

“Prenota il tuo posto per liberare la musica”….così ha chiesto la “Tv dei cittadini Byoblu” ai suoi spettatori e, nella serata del 29 Aprile, il concerto esclusivo della pianista classica Valentina Lisitsa, organizzato da Byoblu è riuscito pienamente nell’intento, incantando con la musica dell’artista di fama internazionale, star indiscussa anche nel web con oltre 284 milioni di visualizzazioni.
La musicista ha eseguito magistralmente i 24 Preludi di Rachmaninov.

Byoblu, La Fenice-Venezia, Valentina Lisitsa

Continua a leggere

ÈPOS – Iliade, Odissea, Eneide dal 28 aprile al 7 maggio Teatro Arcobaleno di Roma

Al Teatro ARCOBALENO (Centro Stabile del Classico) di Roma, dal 28 Aprile al 7 Maggio 2023, dopo lo straordinario successo ottenuto nelle precedenti edizioni, Vincenzo Zingaro ritorna in scena con un suo cavallo di battaglia, ÈPOS, che fa parte dell’avvincente ciclo di spettacoli-concerto sui grandi classici della letteratura, che porta avanti da anni.

Eneide, ÈPOS, Iliade, Odissea, Roma, Teatro Arcobaleno

Continua a leggere

“Everything Everywhere all at once” è il film più premiato nella storia della Notte degli Oscar

Dopo un quasi insignificante debutto nel 2022 nelle sale cinematografiche, il film dei registi Daniel Kwan e Daniel Schneinert, rinominati “fratelli Daniels” dopo la diffusione della nomination agli Oscar, ha raggiunto l’apice del successo riuscendo a ottenere nel 7 su undici nomination, comprese quelle per le categorie principali quali miglior film, regia, attrice protagonista e sceneggiatura, rubando nella 95ª edizoine dell’Academy Award, lo scettro del film più premiato al film “Il Signore degli Anelli, Il Ritorno del Re”.

Continua a leggere

“Bones and all”, un film sulla ricerca e accettazione della propria identità

Successo di pubblico e di critica nelle sale cinematografiche italiane per Bones and all, l’ultimo film che Luca Guadagnino ha presentato alla 79ª mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia. Vincitore del Leone d’argento per la regia e del Premio Marcello Mastroianni miglior attrice esordiente (a Taylor Russell) è stato definito un film scioccante, efficace e raccapricciante, dove si mescolano romanticismo e sangue, vitalità e malinconica violenza, elogio della difformità e male di vivere.

cannibalismo, conformismo, Luca Guadagnino, Mostra del Cinema, ricerca di sé

Continua a leggere

Segni particolari…. Nà zeta colpisce ancora e fa tanto male felloni!

Walt Disney non ha saputo fare di meglio… No crisbio lo ha fatto ma dimenticate questo primo commento. Tyrone Power voleva imitare il grande Max Bartolozzi ma non poteva! (Aveva già tirato le cuoia il grande Tyrone forse a causa della lunga storia d’amore di Al Bano con sua figlia).

Continua a leggere

Angela Lansbury, iconica ” Signora in giallo”

Angela Brigid Lansbury, l’attrice britannica naturalizzata statunitense, si è spenta nel suo appartamento di Los Angeles  l’11 ottobre 2022. Aveva 96 anni  e ne avrebbe compiuti 97 cinque giorni dopo. È  venuta meno nel sonno, come se l’eleganza e la discrezione che l’hanno contraddistinta nella vita, avessero tratteggiato anche la sua morte.

Figlia dell’attrice irlandese Moyna MacGill e del politico Edgar Lansbury, nasce a Londra ma si trasferisce con la famiglia negli Stati Uniti durante i bombardamenti della Città. Il padre morì che lei aveva appena 9 anni e cominciò fin da subito a coltivare la sua passione per la recitazione.

Continua a leggere

In Egitto dal 13 al 22 novembre: in scena la 44ma Edizione del “Cairo International Film Festival”

AL “CAIRO INTERNATIONAL FILM FESTIVAL”
LA PRESENZA DEL MAESTRO MARCO WERBA,
NOTO AUTORE E  COMPOSITORE IN CAMPO MUSICALE

a cura della Redazione di CONSUL PRESS in collaborazione con 
L’OCCHIO DELL’ARTE e l’Ufficio Stampa di LISA BAERNARDINI 

 

IL CINEMA EUROPEO parteciperà con una propria significativa presenza alla XLIV Edizione del “Cairo International Film Festival”, che si svolgerà dal 13 al 22 novembre c.m.  Il prestigioso raduno egiziano si svolge, fin dal 1976, ogni anno al Cairo nel mese di novembre ed è il primo festival di cinema internazionale organizzato in un paese arabo.

Continua a leggere

Cinema, storia delle manifestazioni e dei festival più importanti del nostro Paese

Il cinema italiano nasce nel 1896 con la prima proiezione mai prodotta prima, grazie al Cinématographe Lumière, sito presso lo studio fotografico Le Lieure, di Roma, realizzato dagli inventori, e imprenditori francesi Auguste Marie Louis Nicola e Louis Jean Lumière.

A Roma in quegli anni si incominciarono a realizzare a titolo di esperimento questi filmati, brevissimi documentari soprattutto, i cui soggetti erano dei panorami cittadini, regnanti, e papi, di quest’ultimi il più celebre e tutt’ora visibile, è un breve filmato che ritrae Sua Santità Leone XIII all’interno dei Giardini Vaticani, girato dal famoso autore Vittorio Calcina. Queste riprese incontravano senza difficoltà la curiosità delle persone e del ceto popolare, attirato dalle immagini in movimenti che consentivano di scorgere realtà lontane, tanto da porre le basi per la nascita di quella che sarà l’industria cinematografica vera e propria. 

Tale fascinazione per il cinematografo non risparmia neanche il ceto più abbiente, nonostante agli agli inizi, sia la stampa che gli intellettuali lo guardavano con un certo distacco.

Lo stesso Vittorio Emanuele assistette insieme alla principessa Elena di Monaco ad una proiezione organizzata da Calcina, presso Palazzo Pitti di Firenze, mossi dal desiderio di provare questa nuova invenzione.

Agli inizi del Novecento la cinematografia italiana si diffuse in tutto il Mondo, grazie anche a uno dei più grandi film nostrani mai realizzati, il colossal Cabiria del regista Giovanni Pastrone, il primo ad essere stato proiettato anche alla Casa Bianca.

In quegli anni nascono nel Paese moltissime case di produzione e parallelamente si diffondono le sale cinematografiche.

Dopo una breve parentesi di crisi causata dal cinema americano e tedesco, con l’avvento del sonoro e la nascita nel 1936 di Cinecittà, dalle ceneri dell’incendio che distrusse gli studi della Cines, il cinema italiano torna in auge sotto il controllo finanziario e politico del regime fascista.

Benito Mussolini infatti ne era un grande sostenitore e lo sfruttò per la realizzazione di pellicole propagandistiche, tanto che varò una legge atta a promuovere il cinema nazionale e a penalizzare le pellicole di importazione. 

Ma è con il secondo dopoguerra che godrà di gran fama ottenendo moltissimo successo e consenso sia dalla critica che dal pubblico; nasce infatti il cinema neorealista e successivamente la commedia all’italiana con Monicelli, Risi, Comencini,Scola, Totò e Alberto Sordi, e il cinema d’autore con i grandi Fellini, Visconti, Vittorio De Sica, Antonioni, Olmi e Pasolini.

Per omaggiare l’arte cinematografica sono nate in tutto il Mondo delle manifestazioni come gli Academy Award, meglio conosciuto come Premio Oscar, i cui premi vengono attribuiti dall’AMPAS, (Academy of Motion Picture Arts and Schences) l’organizzazione composta da attori, registi, e produttori e rappresenta l’onoreficenza più importante del settore. Nel nostro Paese invece la più importante manifestazione cinematografica, nonchè la più antica è la Mostra internazionale d’arte cinematografica, meglio conosciuta come la Mostra del cinema di Venezia.

L’esposizione è nata nel 1932 da un’idea dell’allora presidente della Biennale di Venezia, organizzazione che si occupa delle arti figurative in generale, il conte Giuseppe Volpi di Misurata, insieme al segretario generale, lo scultore romano Antonio Maraini e al fondatore dell’Unione Cinematografica Educativa e direttore dell’Istituto internazionale per la cinematografia educativa, Luciano De Feo.

La primissima edizione della mostra svoltasi presso la terraza dell’Hotel Excelsior al Lido di Venezia nel corso della XVIIIª edizione della Biennale, riscosse un grande successo anche se non aveva un vero e proprio regolamento nè uno stile da competizione cinematografica e i vincitori furono selezionati tramite un referendum tra il pubblico, in assenza di premi uffuciali; nonostante questo verranno proiettate pellicole divenute dei classici della storia del cinema come Dr. Jekyll and Mr. Hyde di Rouben Mamoulian che ha dato inizio alla manifestazione, Grand Hotel di Edmund Goulding, Frankenstein di James Whale, Gli uomini che mascalzoni di Mario Camerini. 

A dominare la scena oltre le pellicole vi erano i divi del momento come Greta Garbo, Clark Gable, Fredric March, Wallace Beery, Norma Shearer, James Cagney, Ronald Colman, Loretta Young, John Barrymore, Joan Crawford, fino al divo italiano Vittorio De Sica.

Nell’agosto del 1934 si svolge la seconda edizione della mostra e sarà la prima vera competizione: 19 sono le nazioni partecipanti e oltre 300 i giornalisti accreditati. In questa occasione viene anche istituita la Coppa Mussolini attribuita al miglior film italiano e straniero.

Anche questa volta non ci sarà una giuria e ad attribuire i premi sarà la presidenza della Biennale grazie ai pareri del pubblico e in accordo con Istituto Internazionale per la Cinematografia Educativa.

Vengono assegnate anche le “Grandi Medaglie d’Oro dell’Associazione Nazionale Fascista dello Spettacolo” per le migliori interpretazioni, e quella per la migliore attrice viene vinta da una giovane Katharine Hepburn per la sua interpretazione in Little Women di Cukor. Il premio per il miglior film straniero, che va a The Man of Aran di Flaherty, sanziona il gusto dell’epoca per il documentario d’autore. Questo però è anche l’anno del primo scandalo della Mostra, a causa di una sequenza del film cecoslovacco Extase di Gustav Machatý in cui l’attrice Hedy Kieslerová (che si chiamerà in seguito Hedy Lamarr) appare completamente nuda destando non poco scalpore.

Il 1935 segna l’anno di svolta per la mostra che, sotto la direzione di Ottavio Croze diventa un incontro annuale, grazie anche al successo sia di pubblico che di partecipazioni e viene istituita la Coppa Volpi, il premio per gli attori intitolato al patron della manifestazione, il conte Volpi. In quell’anno viene anche inaugurato il nuovo Palazzo del Cinema che viene utilizzato ancora oggi, realizzato in tempi record dall’architetto Luigi Quagliata. La mostra giunta alla 79ª edizione, tenutasi dal 31 agosto al 10 settembre 2022, è suddivisa in sezioni: oltre quella ufficiale nella quale vengono presentati fino un massimo di 21 pellicole in prima mondiale, troviamo: 

●la sezione Fuori Concorso in cui si presentano i 20 film più significativi dell’anno, 

●la sezione Orizzonti, dedicato a film rappresentativi di nuove tendenze estetiche ed espressive del cinema mondiale, con particolare riguardo per gli esordi, gli autori emergenti e non ancora pienamente affermati, le cinematografie minori e meno conosciute, ma anche opere che si misurano con i generi e la produzione corrente con intenti d’innovazione e di originalità creativa, 

●la sezione Orizzonti extra che pur non essendo competitiva prevede l’assegnazione del Premio del Pubblico e comprende film che superino i 60 minuti, senza vincoli di genere, destinazione e la sezione Venezia Classici, che ospita una selezione dei migliori film classici restaurati, realizzati nell’ultimo anni da cineteche, istituzioni culturali e produzioni proveniente da tutto il Mondo.

Esiste anche una sezione particolarmente tecnologica, la Venice VR Expanded, che prevede la presentazione online di 30 progetti in realtà virtuale in prima mondiale o internazionale purchè siano realizzati nei formati stabiliti dall’organizzazione.

La Mostra del Cinema di Venezia non è solo un’evento in cui si premiano delle produzioni cinematografiche o gli attori, ma è un’occasione di incontro e networking per tutti i professionisti che lavorano nel settore, per questo parallelamente ad essa, si svolge il Venice Production Bridge, un mercato del film in cui si presentano progetti in fase avanzata di sviluppo e pre-finanziamento relativo a documentari, film, lavori in VR.

La tradizione cinematografica nel nostro Paese è molto viva tanto che oltre alla Mostra del cinema di Venezia, nel corso degli anni sono nate moltissime manifestazioni che ogni anni attirano un gran numero di pubblico e stampa sia nazionale che internazionale.

Alla fine del 1964 il critico e storico cinematografico Lino Micciché con il collega Bruno Torri, realizzarono la Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, un evento gestito e finanziato dalla Fondazione Pesaro Nuovo Cinema Onlus con la partecipazione del Comune di Pesaro, della Provincia di Pesaro e Urbino, della Regione Marche, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, del Programma Media dell’Unione Europea. Una manifestazione che ha come mission quella di promuovere e divulgare i processi di rinnovamento, crescita e maturazione del cinema stesso, mediante la riproduzione di opere prime solitamente di giovani registi, cercando sempre di proporsi come un polo attivo e centrale della promozionione e divulgazione del nuovo cinema,  tagliando di netto con i legami hollywoodiani classici.

Per questo i film erano spesso accompagnati da un “Quaderno di documentazione” contenente critiche, dichisrazioni, interviste o documenti. Così apprezzati da studiosi e curiosi, da venire affidati a una casa editrice negli anni ’80.

Negli anni ’70 quella che era nata come Rassegna cinematografica internazionale di Messina e Taormina, si sdoppia dando vita al festival competitivo denominato dal suo direttore Guglielmo Biraghi “Festival internazionale del cinema di Taormina” che si svolge contemporaneamente alla rassegna di Messina.

I vincitori del festival vengono premiati con dei trofei che richiamano la mitologia, come “Cariddi”, o la “Maschera di Polifemoper i migliori interpreti.

Nello stesso periodo, Il giovanissimo Claudio Gubitosi diede vita al Giffoni Film Festival, un evento dedicato ai ragazzi e ai bambini di tutto il Mondo che si tiene ogni anni nel mese di luglio per circa dieci giorni nella città di Giffoni Valle Piana, Salerno. Partita come una manifestazione regionale, si è affermata a livello internazionale tanto da attirare diverse personalità del mondo cinematografico, culturale e musicale. Nel corso delle serate vengono proiettati i film in concorso e i giovani sono chiamati a discuterne con gli interpreti, gli autori e i registi, per poi dichiararne il vincitore. Dagli anni ’70 ad oggi il festival ha subito una evoluzione di stampo decisamente internazionale, tanto che dal 2009 il marchio del festival diventa Giffoni Experience, e nascono nuovi marchi come Giffoni Voyager dedicato all’esportazione del format non solo nel nostro Paese, ma anche all’estero. Il Giffoni Innovation Hub, dedicato alle nuove tecnologie e alle start-up, il Giffoni Opportunity che ruota intorno al concetto di nuove chance di marketing e di comunicazione e il Giffoni Digital Department che si occupa della ricerca di materiali audiovisivi di qualità.

Prendendo l’idea dal Giffoni, nel 1981 l’allora assessore alla gioventù di Torino, Fiorenzo Alfieri, decide di dare il via nel capoluogo piemontese a un festival cinematografico dedicato ai giovani per i giovani. Affida così il progetto al critico cinematografico Gianni Rondolino e al regista e Ansano Giannarelli i quali presenteranno il progetto del Torino Film Festival, nato nel 1982.

A differenza dei numerosi festival che vengono alla luce in quegli anni, il TFF si distingue per la sua natura di manifestazione metropolitana, cercando di rispondere alla domanda culturale di una grande città piuttosto che arricchire le serate estive, in un florido momento di evoluzione tecnologica per quanto riguarda la realizzazione di prodotti audiovisivi: viene introdotta anche la visione di pellicole realizzate con immagini elettroniche.

Il ricco programma non solo offre produzioni cinematografiche d’autore e di genere anche di produzioni internazionali, ma anche una restrospettiva di prodotti passati indebitamente trascurati.

Il Capri Hollywood International Film Festival istituito nel 1995 dal giornalista e produttore televisivo, Pascal Vicedomini, in associazione con Capri In The World Institute, organizzazione da lui stesso fondata.

Questo festival si svolge a Capri ogni fine anno a cavallo tra Dicembre e Gennaio con l’obiettivo di premiare il meglio dell’industria italiana ed internazionale. Seguendo lo stesso regolamento, le due sezioni (italiana e internazionale) possono competere cortrometraggi, lungometraggi e mediometraggi, selezionati dalla commissione Academy Scientific Board che ne giudica il lavoro e dichiara il vincitore.

Questa manifestazione è stata fortemente voluta dal suo patron Pascal Vicedomini, di origine Salernitana, per rilanciare il Mezzogiorno durante il periodo invernale, riuscendo col tempo a diventare un evento mediatico e culturale di grande importanza, che è riuscita a mostrare il forte legame tra Italia e Stati Uniti, facendo sfilare sul tappeto rosso numerose celebrità e divi, da Carlo Verdone a Brigitte Nielsen o ancora Ennio Morricone e Quentin Tarantino, premiato col Best Director, per il film “C’era una volta Hollywood”.

Grazie alla sua carriera anche come ideatore di eventi legati al Cinema, è divenuto famoso a livello internazionale come colui che ha portato l’Italia nel Mondo, il “ponte tra Italia e Hollywood”, dando vita a manifestazioni di livello e prestigio come l’Ischia Festival, caratterizzato dal fatto di essere l’unico concorso cinematografico strettamente incentrato sulle bellezze paesaggistiche, tanto da utilizzarle come film rouge dell’evento, Capri Film Festival e il Los Angeles Italia Film Fashion e Art Festival di Hollywood. Quest’ultimo si svolge durante la settimana degli Oscar.

Un altro importantissimo evento è senza dubbio l’Umbria Film Festival, istituito nel 1997 dall’Associazione Umbria Film Festival con il Comune di Montone e i Riverside Studios di Londra.

Nella seconda settimana di Luglio, l’Umbria accoglie un folto pubblico che partecipa alla visione gratuita di alcuni film selezionati, che vengono proiettati nella piazza. La Direzione artistica del festival insieme ai volontari dell’Associazione e il Comune, selezionano il meglio della cinematografia internazionale, non trascurando neanche i più piccoli: per loro vengono proiettati alcuni corti e lungometraggi, di animazione e non. Nonostante la sua “dimensione locale” molti nomi importanti del cinema internazionale hanno partecipato a questa rassegna, come Giuseppe Tornatore, Paola Cortellesi, Ferzan Ozpetek, Colin Firth, Terry Gilliam e Stephen Frears.

Tra tutte queste manifestazioni legate al mondo del cinema e dello spettacolo, non poteva mancare anche un festival capitolino.

Da un’idea del critico Mario Sesti, dopo alcune riunioni con dei produttori cinematografici, nacque il Festival del cinema di Roma, presentato nel 2005 dal sindaco capitolino Walter Vletroni nel corso della Mostra del cinema di Venezia, evidenziando come le due kermesse non siano in competizione, probabilmente per sedare le non poche critiche dell’epoca.

Debutterà l’anno seguente la prima edizione della Festa del cinema di Roma, promossa da Veltroni, sindaco proveniente da una famiglia vicina al mondo del piccolo schermo, il padre infatti era il famoso giornalista, sceneggiatore, conduttore radiofonico e dirigente Rai, Vittorio Veltroni.

La manifestazione prende vita in un periodo molto florido per Roma dal punto di vista delle attività di stampo culturale e non come le prime Notti Bianche, la mostra sulla Cina, Matisse e la realizzazione dell’Auditorium Parco della Musica, il primo Piano regolatore sociale della Capitale.

La kermesse organizzata dalla Fondazione Cinema per Roma si svolge ogni anno presso l’Auditorium Parco della Musica di Roma, ma contrariamente alla Mostra del Cinema di Venezia, non è una competizione, dal 2014 infatti i film non gareggiano ma vengono giudicati dal pubblico e i premi che vengono assegnati sono il Premio alla Carriera e il Premio del Pubblico BNL. Come dichiarato in più occasioni dallo stesso Veltroni, è una festa in onore del cinema e della tradizione il cui programma è molto fitto di eventi, ai quali prendono parte attori, registi, di stampo internazionale.

Rapprensenta un importantissimo momento di networking per gli addetti ai lavori anche perché contemporaneamente al festival si tiene il MIA, Mercato Internazionale dell’Audiovisivo alla compravendita di prodotti rivolti ai professionisti dell’industria cinematografica, proiezioni riservate in sala, incontri tra produttori, venditori e compratori. Non mancano workshop e convegni sull’industria del cinema nazionale e internazionale.

Oggi la componente internazionale del Festival è diventata estremamente importante, tanto che il nuovo regolamento prevede ufficialmente un concorso internazionale. Nell’edizione terminata il 23 ottobre, tra i premiati si annovera il regista tedesco Fath Akin, che ha ricevuto per l’impegno nella difesa dei diritti umani i Premi Kinèo e GCHR Movie for Humanity Award. Quest’ultimo insiema al Green&Blue Award in collaborazione con l’UNESCO, rappresenta uno dei premi internazionali più prestigiosi dell’intera manifestazione.

Parallelamente alla sezione Ufficiale dove vengono proiettati film provenienti dal cinema indipendente, di registi affermati o emergenti, di genere, ci sono: La sezione Tutti ne parlano, dedicata ai titoli più attesi provenienti da festival di livello internazionale; la sezione Eventi speciali dedicata a film, documentari o serie che affrontano temi di attualità e avvicinano il mondo del cinema con le arti come musica, moda e sport; La sezione Incontri ravvicinati, occasione di confronto tra pubblico e attori, registi, esponendi della cultura italiana e internazionale 

che raccontano il proprio percorso e rispondono alle domande; La sezione Omaggi, in memoria dei grandi nomi che hanno fatto la storia del cinema;

La sezione Riflessi, dove vengono presentate storie provenienti da ogni parte del Mondo; La sezione Duel in cui due personalità del mondo del cinema si sfidano davanti al pubblico in un confronto sui temi legati al settore; la sezione Fedeltà/Tradimenti in cui scrittori italiani e internazionali commentano la trasposizione cinematografica di celebri opere letterarie e la sezione Film della vita, che passa in rassegna i film preferiti dal Direttore Artistico, i membri del Comitato di Selezione e il Responsabile Retrospettive e che hanno segnato il loro percorso lavorativo.                                                                        Dedicata ai più piccoli e ai ragazzi, la sezione Alice nella Città, qui sono proprio loro i giudici che valutano le pellicole loro dedicate.

Francesca Marti

Novembre Nordico. Tracce Nordiche a Roma tra mostre, concerti e cinema

Dal 2 al 30 novembre Roma riscopre le sue radici nordiche con Novembre Nordico. Tracce nordiche a Roma promosso dalle Ambasciate di Danimarca, Finlandia, Norvegia e Svezia, il Circolo Scandinavo e i quattro Istituti culturali e scientifici nordici: l’Accademia di Danimarca a Roma, l’Istituto di Finlandia a Roma, l’Istituto di Norvegia in Roma, l’Istituto Svedese di Studi Classici a Roma, che si uniscono in questa occasione per divulgare un ricco programma di iniziative per valorizzare il legame storico dei Paesi Nordici con la città di Roma e per creare nuovi momenti di scambio attraverso mostre, talk, concerti, il Nordic Film Fest, e le case di illustri personaggi storici aperte al pubblico.

Continua a leggere